Occupazione giovanile

La Commissione Europea ha pubblicato i dati sull'occupazione e sugli sviluppi sociali (Esde) e, nonostante i segnali di ripresa, l’Italia figura fra i fanalini di coda.

A cura della redazione Dirigenti Industria 

In Europa 234,2 milioni di persone hanno un lavoro, pari a quasi al 72% della popolazione, mentre in Italia il tasso di occupazione è al 57,7%, fra i peggiori insieme alla Grecia e alla Turchia.
Con il 19,9% l'Italia conferma il poco invidiabile record di Paese con il maggior numero di «Neet», i giovani tra i 15 e i 24 anni che non hanno lavoro e nemmeno lo cercano, rispetto alla media europea del 11,5%. Anche il trend del numero di persone che vivono in povertà è aumentato al 11,9%, fra gli unici casi in Europa insieme all’Estonia e alla Romania.
I dati allarmanti sono riportati dai quotidiani che tornano sul problema dell’occupazione dei giovani fra 15 e 24 anni al 37,8% nel 2016 che, sebbene in calo rispetto al 40,3 del 2015, ci pone fra i peggiori Paesi Europei insieme alla Grecia al 47,3% e alla Spagna al 44,4%. 
I dati sulla disoccupazione giovanile devono pero tener conto che la maggioranza dei giovani studia in quella fascia d’età e, come documentato nel libro “L’inganno generazionale”, una più attenta analisi mette in evidenza che i giovani nella fascia d’età fra i 15 e i 24 anni, si riducono al 10,1% del totale della popolazione dei giovani, una percentuale sempre elevata, ma inferiore ai meno giovani disoccupati fra i 25 e i 34 anni. La disoccupazione in Italia è un problema per tutte le fasce d’età, con diverse ripercussioni e ricadute sociali. I giovani parcheggiati rischiano di perdere il treno del lavoro, mentre gli over 35 non hanno le risorse per creare famiglia e contribuire alla demografia del Paese, così come i disoccupati over 50 non hanno i mezzi per mantenere le famiglie. Per maggiori informazioni clicca il titolo dell’articolo “Convegno sull’inganno generazionale” pubblicato da Dirigenti Industria.
La criticità del lavoro è provata anche dal fatto che solo metà degli Italiani contribuisce al gettito IRPEF, come descritto nell’articolo “L’IRPEF penalizza i manager e il sommerso mette a rischio il welfare di tutti”; una situazione non sostenibile in prospettiva e che impone un concreto impegno per creare più lavoro per tutte le persone di buona volontà.
Il problema del lavoro non riguarda infatti solo i giovani. I 15 punti percentuali di occupazione italiana inferiore alla media Europea evidenziano un problema strutturale che non si può risolvere con incentivi temporanei e “ad personam”. Bisogna allineare il sistema ai Paesi Europei virtuosi, creando le condizioni per favorire il lavoro per tutte le fasce d’età, rendendo più competitivo il sistema Paese: meno evasione, meno sprechi, meno debito pubblico, come proposto nell’articolo “Aumentare il debito pubblico a carico dei giovani non è da padre di famiglia”. Insomma più efficienza e aumento della produttività per allinearci ai Paesi europei.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Giorgio Gori incontra la dirigenza lombarda

Si è svolto mercoledì 22 novembre nella sala Manzoni dell’hotel Marriott a Milano, l'incontro organizzato da CIDA con il candidato PD alla presidenza della Regione Lombardia.

22 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016