Politiche Industriali per far ripartire il Paese

Industriali, politici e professori universitari si incontrano e discutono di politica industriale… no, non è l’inizio di una barzelletta, ma quanto ha preceduto l’Assemblea annuale dei Soci di Federmanager Varese lo scorso 14 maggio.

Da sinistra: Luciano Ferrante, Federico Visconti, Nicola Rossi, Luca Orlando, Stefano Cuzzilla, Roberto Maroni, Giovanni Orsi Mazzucchelli, Angelo Senaldi.

Luciano Ferrante

Presidente Federmanager Varese

Il nostro territorio ha vissuto stati di crisi strutturale per alcune Piccole e Medie Imprese, processi di ristrutturazione e riorganizzazione di grandi aziende, coinvolgendo molte unità operative sparse sul territorio nazionale, affrontate sulla base di rispettabilissimi piani industriali, che però non significano politiche industriali; è stato naturale, quindi, voler affrontare tale problematica, anche nella speranza che Varese possa essere la sede da cui partono, senza perdere altro tempo, queste auspicate politiche industriali per la ripresa delle imprese manifatturiere.
A tale scopo Federmanager Varese ha organizzato un convegno imperniato su tale tematica: un appuntamento che ha messo al dibattito esponenti di rilievo del mondo industriale, politico e accademico.
Oltre al Presidente Federmanager Varese, Luciano Ferrante, erano presenti al Convegno, in qualità di relatori, Stefano Cuzzilla (Presidente Federmanager), Pierangelo Albini (Direttore Area Welfare di Confindustria), Giovanni Orsi Mazzucchelli (Presidente Mazzucchelli 1849 S.p.a.), Angelo Senaldi (Commissione Attività Produttive Camera dei Deputati), Nicola Rossi (Professore Ordinario di Economia Politica all’Università “Tor Vergata” di Roma) e Federico Visconti (Rettore dell’Università Carlo Cattaneo LIUC di Castellanza).
A moderare il dibattito è stato Luca Orlando, inviato del Sole 24 Ore. Ad aprire i lavori il saluto speciale del Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni.
Dal nome dei partecipanti si evince come fossero rappresentate tutte le componenti delle Istituzioni coinvolte nelle decisioni per far chiarezza sugli aspetti di una politica industriale, identificando a loro parere cosa significasse, innanzitutto per il tessuto industriale, questo termine, e quali fossero le cause primarie della lenta ripresa del sistema Italia, anche nel confronto con altre nazioni europee, che operano in uno scenario con vincoli similari, se non uguali.
Il primo appunto significativo riguarda il grande numero di Associazioni Territoriali che, sull’abbrivio dato dal Programma di Federmanager, hanno imperniato la propria attività su tematiche similari, a seconda della realtà locale, ma con al centro la volontà di partecipare attivamente al rilancio dell’attività manifatturiera.
Le aree di intervento primario sono state identificate in sburocratizzazione del rapporto fra Imprese e Istituzioni, impulso all’innovazione (con forme premianti di defiscalizzazione), sostegno all’inserimento di giovani talenti, potenzialmente rispondenti ai requisiti della “Quarta Rivoluzione Industriale”, ormai alle porte.
Su tali temi Federmanager si è dichiarata impegnata a proposte concrete per definire azioni e modalità d’intervento, attraverso tavoli di lavoro congiunti da tempo costituiti, considerando che le risorse potranno essere individuate e messe a disposizione da una vera e incisiva semplificazione della macchina dello Stato, da miglior efficienza (costi standard) del Sistema Sanitario Nazionale, reso intelligentemente sussidiario con i Fondi Sanitari Integrativi, dalla ricaduta di una significativa riduzione di spesa (la cosiddetta spending review), che non ha ancora visto risultanti lampanti, se non l’abdicazione di ben tre commissari nominati appositamente. L’aspetto significativo, nelle analisi della problematica, ha evidenziato che non bisogna dichiararsi impossibilitati dall’affrontare tutti detti modi per supportare il rilancio della nazione.
La macchina dello Stato è in effetti una flotta di macchine che viaggiano autonomamente e tutte possono esibirsi in pratiche, che nel mondo produttivo si chiamano “concurrent engineering”, “zero base budget”, e via discorrendo: bastano obiettivi ambiziosi, ma perseguibili, determinazione e credibilità, chiarezza e trasparenza per coinvolgere il sistema negli obiettivi da raggiungere per un miglior futuro.
Quali sono questi obiettivi? Aumentare la competitività del sistema produttivo italiano, sostenere la crescita dimensionale delle aziende, creare nuove imprese e nuova occupazione.
In tutto questo il manager è la figura chiave per gestire le fasi di passaggio generazionale, le fasi di ristrutturazione e trasformazione all’interno dell’azienda e portare con successo il business all’estero, anche in forma di temporary management.
L’Associazione di Varese, a conclusione dei lavori, ha rivolto ai relatori la “minaccia” che essa continuerà a persistere e a monitorare gli obiettivi dichiarati in questa sede da politica, industria e mondo universitario, non solo verificandone l’avanzamento con costante periodicità, ma mettendo a disposizione il Dna di Federmanager, ovvero le competenze utili al loro raggiungimento.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Riflessioni sul rinnovo del contratto dirigenti industria

A un anno dalla scadenza del contratto Confindustria-Federmanager provo a sintetizzare le aspettative dei colleghi che attendono da tempo un riconoscimento tangibile dell’impegno nel superare la crisi e un segnale di fiducia per dedicarsi generosamente e responsabilmente al proprio ruolo.

 
01 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

Giorgio Gori incontra la dirigenza lombarda

Mercoledì 22 novembre dalle ore 17:00 alle 19:30 nella sala Manzoni dell’hotel Marriott in via Washington 66, Milano. Incontro accessibile in diretta streaming a partire dalle 17:30.

01 novembre 2017