Donna - lavoro, un binomio possibile

E' stata introdotta una specifica garanzia in tutti i Piani Sanitari Assidai che prevede il rimborso dei ricoveri per gli interventi a scopo ricostruttivo a seguito di mastectomia o quadrantectomia e vale la pena ricordare che la maggior parte di assicurazioni e fondi non hanno questo tipo di garanzia.

 

A cura di Assidai 

Il binomio donna-lavoro è da sempre oggetto di un acceso dibattito, in Italia come in tutti i principali Paesi industrializzati. Negli ultimi anni i passi in avanti sono stati molti – a partire dall’introduzione delle quote rosa nei consigli di amministrazione delle società – ma ancora oggi molte manager, dirigenti, professioniste e consulenti devono fare i conti con pressioni quotidiane, da conciliare – spesso più frequentemente rispetto ai colleghi uomini – con impegni personali e soprattutto familiari. Qualche esempio? La maternità e la cura dei figli o piuttosto l’occuparsi di persone appartenenti al nucleo familiare non più autosufficienti.

Uno studio elaborato in passato da Assidai e Sda Bocconi evidenziava, per esempio, possibili percorsi per equilibrare la vita personale con quella lavorativa piuttosto che la necessità di un’organizzazione più orientata a una migliore distribuzione e gestione del lavoro. In quest’ottica, il welfare aziendale – nelle sue molteplici declinazioni – può essere molto utile così come l’attenzione alle tematiche della salute, in cui diventa cruciale mettere a disposizione del dipendente forme di controllo e prevenzione o piani sanitari ad hoc, anche e soprattutto per quanto riguarda la cosiddetta Long Term Care (LTC), che tocca il delicato tema della non autosufficienza.

Questi sono tutti temi su cui Assidai, negli ultimi anni, ha sempre lavorato in prima linea. A partire proprio dalla copertura LTC che inizia ad avere un ruolo sempre più centrale per il sistema sanitario italiano se si pensa che già oggi, siamo il paese più vecchio in Europa, con il 21,4% dei cittadini over 65 e il 6,4% over 80, e il secondo nel mondo, dietro soltanto al Giappone. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), peraltro, stima che in tutto il mondo, entro il 2050, raddoppierà il numero degli over 60 – passando dai 900 milioni di oggi ai due miliardi.

E molto spesso, come già detto, è proprio la donna a doversi occupare di familiari non autosufficienti, sottraendo tempo ed energie al lavoro e alla famiglia stessa. Il quadro è tutt’altro che roseo: stando a un’indagine effettuata negli anni scorsi da Assidai, un italiano su tre non ha fatto assolutamente nulla per “prevenire” i possibili effetti negativi, a livello di malattie o perdita di autonomia, del proprio invecchiamento. Solo quattro italiani su 10, invece, hanno attivato la doppia risposta (prevenzione più assistenza sanitaria integrativa) anche se solo la metà di loro si sente davvero coperta dai rischi dell’invecchiamento.

Senza dimenticare un altro elemento che riguarda le donne e Assidai: a partire dal 2013, è stata introdotta una specifica garanzia in tutti i Piani Sanitari che prevede il rimborso dei ricoveri per gli interventi a scopo ricostruttivo a seguito di mastectomia o quadrantectomia. E vale la pena ricordare che la maggior parte di assicurazioni e fondi non hanno questo tipo di garanzia.

Stiamo parlando di interventi chirurgici al seno legati, il più delle volte, a casi di cancro. E qui assumono un aspetto molto rilevante la prevenzione e la diagnosi precoce che aiutano, infatti, ad abbattere in misura significativa la mortalità legata al tumore al seno, il più frequente per le donne (ne colpisce una su otto nell’arco della vita).

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

A tu per tu con due Head Hunter

Vogliamo offrire agli associati Federmanager l’opportunità di incontrare due esperti di selezione manageriale e rispondere alle domande che possano dare una svolta alla carriera.
01 agosto 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

Il Reshoring nel Contesto Italiano

Le dinamiche della competitività globale impongono una riflessione sulle strategie manifatturiere. Cambia il vento e un numero crescente di imprese riporta in Italia la produzione. Fondazione Politecnico di Milano, Promos – Azienda Speciale della Camera di Commercio di Milano e ALDAI-Federmanager lanciano una indagine per analizzare e favorire il rientro delle attività manifatturiere.

 
01 settembre 2017