FASI: 40 anni al fianco della sanità pubblica

Il 16 novembre 2017 abbiamo celebrato il 40° anniversario della fondazione del FASI, uno dei più grandi Fondi di assistenza integrativa a livello europeo. Costituito in forma paritetica da Confindustria e Federmanager, il FASI che conta circa 300.000 iscritti, è per dimensioni e qualità dell’assistenza che eroga, un autentico pilastro a sostegno del Servizio Sanitario Nazionale universalistico e solidaristico.

Marcello Garzia

Presidente Fasi
L’Italia è al secondo posto al mondo come longevità della sua popolazione, un dato di assoluto valore che si accompagna, però, da un punto di vista demografico, all’invecchiamento complessivo degli abitanti e incide in maniera diretta sulla disponibilità delle risorse.

Infatti, se aumentano i pensionati rispetto ai lavoratori attivi, aumenteranno di conseguenza i fondi da destinare alle coperture previdenziali e sanitarie che già scarseggiano.  

La sostenibilità del sistema sanitario è stato al centro del dibattito che si è svolto in occasione della celebrazione del 40° anniversario del Fondo di Assistenza Sanitaria FASI, del quale è disponibile di seguito una sintesi video.

40° anniversario FASI - Sintesi dell'evento


La spesa sanitaria (dati 2016), ammonta in Italia a 150 miliardi annui, di questi circa 112 sono i soldi che lo Stato spende per la protezione sanitaria dei propri cittadini.

Gli altri, cioè trentotto miliardi, sono quelli che gli italiani tirano fuori dalle loro tasche, definiti dagli addetti ai lavori “out of pocket”, per pagare i ticket, le visite private, analisi, eccetera. Dobbiamo fare, a mio giudizio, uno sforzo comune per far sì che questi trentotto miliardi siano volti a favorire delle forme alternative alla copertura sanitaria pubblica.

Oggi meno di cinque miliardi di euro sono utilizzati dagli italiani per l’assistenza sanitaria integrativa intermediata, un dato molto sotto la media europea.
E’ determinante, a mio avviso, trasferire una quota più consistente della spesa sanitaria “privata” delle famiglie italiane agli enti che, senza scopi di lucro, basano la loro attività sul principio mutualistico e della porta aperta, senza esami preventivi all’ingresso.

Alla manifestazione per il quarantennale del FASI, svoltasi lo scorso 16 novembre a Roma, che ha visto la partecipazione tra gli altri del presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, e del presidente di Federmanager, Stefano Cuzzilla, abbiamo presentato un’indagine “ad hoc”, realizzata da KPMG, in cui sono stati riportati alcuni “numeri” che evidenziano l’impatto sociale del Fasi, sui costi che altrimenti sarebbero a completo carico dello Stato.

A titolo meramente esemplificativo, sono state analizzate tre tipologie di interventi afferenti l’area specialistica ortopedica, che, se nel periodo 2009 – 2016 non fossero state rimborsate dal nostro Fondo ai suoi assistiti, avrebbero comportato per il Servizio Sanitario Nazionale, un costo aggiuntivo di 41,3 milioni di euro in più rispetto a quanto già pagato.

Alla cerimonia hanno preso la parola, inoltre, il deputato Federico Gelli, il senatore Andrea Mandelli e Fabrizio Landi, presidente di Toscana Life Sciences.

Tutti si sono dichiarati d’accordo sul fatto che l’inesorabile e progressivo invecchiamento della popolazione italiana e la tendenziale cronicizzazione delle malattie, costringeranno sempre più l’intero sistema sanitario nazionale, pubblico e privato, a una crescente domanda di prestazioni difficilmente compatibili con le attuali politiche di razionalizzazione, dovute anche al perdurare della crisi mondiale, della spesa e riorganizzazione complessiva del sistema.

I tre esperti hanno rilevato come, nella situazione data, la spesa sanitaria privata pesa di più su chi ha meno, su quanti vivono in territori disagiati e sugli anziani che hanno bisogno di più cure.

“Insomma – è stato detto – la coperta è corta e assistiamo a fenomeni preoccupanti, segnalati da ricerche e studi, nei quali si evidenzia che percentuali sempre più alte di nostri concittadini che, stretti nella morsa della crisi economica, spesso evitano di sottoporsi ad analisi e cure per mancanza di soldi”.

Da queste considerazioni, sono due, a mio giudizio, le grandi questioni che determineranno il cambiamento sostanziale del sistema di welfare, così come lo conosciamo: la cronicizzazione delle malattie e l’impetuoso sviluppo delle tecnologie digitali.

I Fondi di sanità integrativa hanno il dovere di implementare i loro servizi, sfruttando al massimo le potenzialità tecnologiche: basti pensare ai sistemi di medicina a distanza che, se li adoperassimo, per gli oltre dieci milioni d’italiani che già aderiscono a forme di assistenza integrativa, consentirebbero un consistente risparmio di spesa alla sanità pubblica, oltre a cure più efficaci.

Lo stesso vale sul tema della cronicizzazione delle malattie che impegnerà l’intera società italiana nel prossimo futuro; è necessaria un’opera di coordinamento tra Stato centrale, Regioni e Fondi di assistenza integrativa per definire un serio programma di tutela integrata, capace di aiutare i cittadini nel momento del bisogno.

L'intero evento dedicato al 40° anniversario FASI

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Giorgio Gori incontra la dirigenza lombarda

Si è svolto mercoledì 22 novembre nella sala Manzoni dell’hotel Marriott a Milano, l'incontro organizzato da CIDA con il candidato PD alla presidenza della Regione Lombardia.

22 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016