Rinnovo degli Organi FASI

E' stato compiuto un passo fondamentale per il futuro del FASI, il nostro Fondo di assistenza sanitaria integrativa.

 

Stefano Cuzzilla 

Presidente Federmanager

Roma, 25 gennaio 2017.  La collaborazione tra Federmanager e Confindustria ha portato all’attuazione di quanto previsto dal nuovo Statuto, all’adeguamento del relativo Regolamento e al rinnovo di tutta la governance. Ciò significa che il Fondo potrà finalmente contare su un Consiglio di Amministrazione al completo e sull’operatività della nuova Assemblea, che ieri si è formalmente insediata.
A questo proposito, Federmanager e Confindustria hanno condiviso la decisione di assegnare alla mia persona l’incarico di guidare l’organismo assembleare. Completano la governance, lato Federmanager, Mario Cardoni e Armando Indennimeo e, lato Confindustria, Vincenzo Boccia, Maurizio Stirpe e Marcella Panucci. Questa composizione dell’Assemblea FASI permetterà a Federmanager di dare continuità all’impegno di rappresentanza degli interessi dei manager associati e, allo stesso tempo, permetterà a questa Presidenza di stringere ulteriormente l’interlocuzione con i vertici di Confindustria.
Già nel colloquio di ieri, difatti, io e Boccia abbiamo riconosciuto la necessità di lavorare insieme per la definizione di alcuni aspetti che riguardano il nostro sistema bilaterale.
Il tema delle relazioni industriali sarà quindi oggetto di un prossimo incontro riservato che abbiamo fissato per la metà del mese di febbraio.
Nella riunione di insediamento del nuovo CdA, prevista invece per lunedì 30 gennaio p.v., sederanno in rappresentanza di Federmanager, accanto a Marcello Garzia, nelle funzioni di Presidente del Fondo, i colleghi Andrea Alfieri, Francesco Belelli, Silvio Grimaldeschi, Maurizio Toso. 
Per la rappresentanza Confindustria, invece, Luca Del Vecchio, in qualità di Vice Presidente del Fondo, Pierangelo Albini, Maurizio Tarquini, Carlo Frighetto, Cristian Ferraris.
Giangaetano Bissaro e Giovanna Fantino (Federmanager) e Demetrio Minuto e Giovanni Aspes (Confindustria) compongono il Collegio dei Sindaci.
Dato questo nuovo assetto del FASI, non posso che sottolineare che ci sono molti capitoli aperti e molte opportunità che possiamo mettere a frutto.
In questo senso, il carattere positivo e propositivo del confronto che ho avuto sia con Boccia, sia con Stirpe, sia con Panucci, mi rende ottimista.
Ciascuna intesa raggiunta è il risultato di un lunga marcia e sono sollevato di poter contare sulla determinazione e sulle qualità personali e professionali di chi oggi assume l’incarico per la prima volta, di chi lo vede rinnovato e di coi tutti.
Con l’impegno di fornire ulteriori elementi di dettaglio nei prossimi giorni, invio i migliori auguri di buon lavoro e i più cordiali saluti.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

L’IRPEF penalizza i manager e il sommerso mette a rischio il welfare di tutti

Lo studio sulle dichiarazioni dei redditi dimostra che il nostro sistema fiscale è doppiamente iniquo perché l’IRPEF è pagata solo da una parte dei contribuenti e non riesce a finanziare i servizi e l’assistenza sociale, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita di tutti i cittadini.

 
01 luglio 2017