Le opportunità del digitale richiedono visione

Le rivoluzioni industriali comportano cambiamenti culturali e organizzativi che portano con sé inevitabili problemi, ma anche grandi opportunità. Industria 4.0 ha aperto un dibattito sul futuro del lavoro, strumentalizzato da chi preferisce prospettare scenari apocalittici invece di cercare le opportunità di sviluppo per l’industria e l’economia. Il progresso è inarrestabile e il lavoro ci sarà, in qualche parte del mondo, per chi cavalcherà l’innovazione e spero che ciò possa realizzarsi proprio in Italia.

Franco Del Vecchio

Coordinatore GdL Progetto Innovazione ALDAI - Segretario CIDA Lombardia – lombardia@cida.it

Nella prima metà del 1800 il treno cambiò il mondo rendendo possibile viaggi e trasporti prima impensabili. Gli innovatori promuovevano gli investimenti per lo sviluppo delle reti ferroviarie, mentre i conservatori erano contrari. Certo il treno e gli altri moderni mezzi di trasporto hanno contribuito alla chiusura degli allevamenti dei cavalli da traino e hanno distrutto l’artigianato delle carrozze, ma hanno creato un’industria che dà lavoro a molte più persone. Proprio in quel periodo gli scettici sostenevano che il treno facesse male alla salute. Ma sappiamo bene cosa è accaduto in un paio di secoli e vediamo bene ora come è cambiata l’Italia con l’alta velocità; peccato essere arrivati con 25 anni di ritardo rispetto alla Francia, alla Spagna ed altri Paesi. Quanto turismo e quanta efficienza del Paese abbiamo perso nel frattempo!
L’impatto delle tecnologie abilitanti digitali può essere in qualche modo assimilato all'esempio del trasporto ferroviario. Probabilmente ancor più distruttivo per la tradizionale concezione del lavoro e ben più innovativo per il sistema economico e sociale. Dopo un solo ventennio è radicale e planetario l’impatto della telefonia digitale, mentre ora altre tecnologie informatiche e di telecomunicazione aprono nuove prospettive per l’industria, che l’Italia, deve cogliere per far nascere opportunità di sviluppo in questo momento di cambiamenti epocali. 
Lo scorso anno ALDAI ha organizzato in occasione dell’assemblea di maggio il convegno “Industry & People 4.0” e nel corso dell’anno si sono susseguiti incontri, seminari e convegni sull’impatto delle tecnologie sul lavoro. Alcuni titoli, come ad esempio: “La rivoluzione tecnologica 4.0: sta scomparendo il lavoro?“ hanno voluto porre in risalto i rischi delle nuove tecnologie piuttosto che delinearne le opportunità, risultando diseducativi e irresponsabili, perché è responsabilità della classe dirigente, in senso lato, analizzare e sostenere le iniziative a vantaggio della società.

Provo allora ad analizzare l’impatto delle nuove tecnologie dal punto di vista del progresso e dell’evoluzione sociale, ricordando gli effetti delle innovazioni per la società.

L’uomo ha cercato nei secoli di soddisfare i propri bisogni, prima quelli primari: il cibo, gli indumenti per proteggersi dal freddo, etc. Sviluppate le tecniche per soddisfare i bisogni primari, l’uomo si è potuto dedicare ad altri bisogni: scrittura, arte, etc. continuando naturalmente ad occuparsi di bisogni primari, ma con crescente efficacia. Il lavoro agricolo, che rappresentava fino a due secoli fa l’occupazione principale della società, si è gradualmente ridotto a favore di nuove opportunità di lavoro nell’industria manifatturiera che, producendo anche mezzi agricoli, ha permesso di aumentare la produttività agricola, migliori raccolti con minor impiego di persone. Un bene o un male ?  O meglio, a parte le passioni e le scelte di vita personali, sarebbe possibile tornare a lavorare i campi con buoi e aratro ?

Le innovazioni hanno la caratteristica di essere irreversibili.

Steve Jobs 1984

Steve Jobs 1984

Negli anni ottanta Steve Jobs collegò il mouse al computer. Gli scettici commentarono che il “gadget” non aveva prospettive di utilizzo nel business, ma Steve nel 1982 ragionava pensando con certezza che il computer sarebbe diventato in pochi anni non più grande di un libro, per offrire nuove applicazioni e strumenti alle persone. Lavorando in quel periodo in Apple, come direttore marketing Italia, ho capito quanto fosse importante la visione per accelerare i processi d’innovazione.

Steve mi diceva: “No Franco in Apple non produciamo computer a minor costo per gestire la contabilità, qui creiamo strumenti per soddisfare i bisogni che le persone ancora non conoscono, strumenti per cambiare il mondo". Potete immaginare la motivazione per chi ha lavorato in Apple in quel periodo pionieristico. Oggi non c’è computer senza mouse o le sue evoluzioni touchpad e touchscreen. I personal computer hanno contribuito a rendere le persone più efficaci nel lavoro e nelle attività personali, creando una nuova industria con milioni di posti di lavoro soprattutto nel software e nei servizi, contribuendo sostanzialmente al progresso.

Non viviamo per lavorare, lavoriamo per soddisfare i nostri bisogni e desideri.

È profondamente sbagliato analizzare l’impatto delle nuove tecnologie esclusivamente in funzione dei posti di lavoro che distruggeranno e creeranno. La maggiore produttività del Piano Industria 4.0 ridurrà certamente l’occupazione delle persone impegnate in lavori ripetitivi, sia manuali sia intellettuali, ma aumenterà la produzione e il valore generato per la collettività, creando al tempo stesso nuove opportunità di lavoro più qualificato. Più valore per la collettività e più possibilità di esprimere le proprie passioni
In conclusione una riflessione obbligata nell’era globale: in qualche parte del mondo chi ha visione e parte per primo agendo proattivamente ottiene maggiori benefici, in termini di sviluppo di nuovi business e occupazione. Tutti gli altri, che si limiteranno a difendere lo statu quo o reagire timidamente alle pressioni competitive, perderanno fatturato e ridurranno costi e occupazione nella speranza di sopravvivere.
I tedeschi e gli americani hanno iniziato prima di noi a definire gli standard Industry 4.0; a sviluppare dispositivi, know how, sistemi e architetture, creando nuove opportunità di lavoro e sviluppo. Cerchiamo di non perdere il treno.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

L’IRPEF penalizza i manager e il sommerso mette a rischio il welfare di tutti

Lo studio sulle dichiarazioni dei redditi dimostra che il nostro sistema fiscale è doppiamente iniquo perché l’IRPEF è pagata solo da una parte dei contribuenti e non riesce a finanziare i servizi e l’assistenza sociale, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita di tutti i cittadini.

 
01 luglio 2017