Management del digitale

Intervista a Karen Nahum, Digital Director De Agostini Libri e De Agostini Scuola.

Il digitale sta cambiando il modo di vivere delle persone e il modello di business delle imprese.

Paola Poli

Coordinatrice Gruppo Donne Manager ALDAI e coordinatrice territoriale Minerva

Per realizzare progetti di successo servono competenze specifiche e abilità manageriali in grado di motivare le organizzazioni e attivare processi d’innovazione. Il digitale rappresenta una grande opportunità di lavoro per i manager in grado di generare valore per le imprese.
Ma quali sono i fattori di successo nel digitale? Ne parliamo con Karen Nahum, premiata nella giornata Merito e Talento ALDAI 2015.

Quali sono i risultati di successo ottenuti dall’impresa con le tecnologie digitali?

De Agostini Libri è da sempre molto attenta all’innovazione digitale e alle tecnologie per quanto riguarda l’ambito libri e scuola dei quali mi occupo di coordinare le attività digitali. Sono, infatti, molteplici gli ambiti dove una rinnovata attenzione ha determinato ottimi risultati. Qualche esempio: l’integrazione "carta e digitale" ha dato vita a una nuova esperienza di apprendimento scolastico che cresce anno su anno a doppia cifra. Non consideriamo "carta e digitale" in opposizione, bensì in sinergia, come esperienza integrata sia per l’area scuola sia per i libri trade. Stiamo lavorando alla semplificazione, per accorciare le distanze che rendono l’accesso al contenuto digitale complicato. Come nel caso del recente rilascio di DeALink, un’applicazione che consente di accedere con un semplice passaggio a file multimediali inquadrando le pagine del libro tramite smartphone.
Abbiamo aggiunto e potenziato nuove modalità di dialogo con i nostri utenti attraverso le piattaforme digitali, il blog e i principali social Facebook, Twitter e Instagram che ci consentono di intercettare esigenze, raccogliere spunti e svolgere una funzione di "customer care". Abbiamo poi abilitato nuove modalità di fruizione del contenuto come nel caso dei “libri arricchiti”, a cui sono stati aggiunti dei capitoli successivi alla pubblicazione, solo per la versione digitale, che contenevano le conversazioni su determinati temi con i lettori del testo. L’aver introdotto poi competenze digitali in redazione, nel pensiero e nella realizzazione dei prodotti ha contribuito ad aumentare l’innovazione nei nostri prodotti.

Quali sono stati i fattori di successo?

Avere abbracciato il cambiamento e la trasformazione, cercando di intercettare gli ambiti di innovazione a valore aggiunto è stato sicuramente un grande fattore di successo, come pure avere introdotto le nuove competenze senza creare contrapposizione fra supporti vecchi e nuovi, ma considerando i fattori di abilitazione al business portati dal digitale. Ancora, essere presenti dove le istanze innovative si sviluppano e l’aver intercettato idee da sviluppare attraverso accordi, partnership e soluzioni ideate da startup innovative nel settore education e publishing hanno rappresentato altri fattori di successo per De Agostini.

Quale ruolo hai svolto nella definizione e realizzazione della strategia?

Un ruolo di abilitazione e supporto al cambiamento, come fattore di trasformazione di tutta l’organizzazione, favorendo la formazione e il trasferimento di competenza.

Quali professionalità hai messo in campo e quali sono state maggiormente apprezzate?

La capacità di portare un contributo alle decisioni disegnando percorsi nuovi, abilitando un "digital mindset" che consente di agevolare l’elaborazione dei progetti; a quel punto non importa cosa è digitale e cosa non è digitale, ma il fatto di cogliere delle opportunità uscendo dagli schemi classici del business del mercato di riferimento.

Quale contributo manageriale è risultato determinante per il successo delle iniziative?

Senza dubbio, la resilienza, non lasciarsi scoraggiare dagli insuccessi; le competenze legate all’execution, fondamentale per portare a termine i progetti con un adeguato timing; il ragionare per piccoli traguardi; il learning by doing e infine il lavoro in team, favorendo la trasformazione per piccoli passi. 

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

L’IRPEF penalizza i manager e il sommerso mette a rischio il welfare di tutti

Lo studio sulle dichiarazioni dei redditi dimostra che il nostro sistema fiscale è doppiamente iniquo perché l’IRPEF è pagata solo da una parte dei contribuenti e non riesce a finanziare i servizi e l’assistenza sociale, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita di tutti i cittadini.

 
01 luglio 2017