Incontro con gli associati sui fondi di assistenza sanitaria integrativa

Il Welfare della dirigenza rafforza le tutele per la salute con iniziative per rispondere alle aspettative degli associati. FASI lancia la versione “4.0” e Assidai presenta le novità 2017.

 

Chiara Tiraboschi 

Giornalista - Responsabile Servizio Comunicazione e Marketing ALDAI-Federmanager

I manager dell’industria lombarda si sono incontrati lo scorso 20 marzo con i vertici di FASI e ASSIDAI, due fondi di assistenza sanitaria integrativa della galassia Federmanager che costituiscono in materia un’importante soluzione per i manager.

L’evento è stato organizzato da ALDAI-Federmanager in quanto parte integrante del Piano di Sviluppo Associativo triennale (2016-2018), avviato dal Vice presidente Bruno Villani, che persegue la finalità di fidelizzare i soci attuali e la diffusione di conoscenza delle attività associative tra i nuovi, e che ha visto la condivisione da parte della Federazione e l’adesione delle Associazioni territoriali lombarde. 

Come sottolineato in apertura dal Vice presidente Bruno Villani, la recente indagine svolta presso gli associati lombardi ha riconosciuto che tra i servizi offerti dagli enti che compongono la galassia federale, i più conosciuti sono quelli offerti dal FASI (94%) e da ASSIDAI (63%) e, di conseguenza, anche quelli più utilizzati (rispettivamente l’84% e 41%).

Il FASI, che celebra i 40 anni di attività e si struttura in un Sistema composto da Fasi, FasiOpen e GS-Fasi, guarda al futuro lanciando il Fasi 4.0, “progetto che ci vedrà coinvolti per il prossimo triennio” come ha sottolineato il neo presidente Marcello Garzia. “Il FASI ha dimostrato di costituire un valido modello di sanità integrativa, in grado di adeguarsi all’evoluzione della domanda di servizi sanitari espressa dai suoi iscritti. Vogliamo costruire un nuovo paradigma organizzativo dove i processi tradizionali evolvono verso processi digitali semplici, intuitivi, veloci nell’operatività e affidabili nella valutazione e nel controllo delle operazioni; ed inoltre mantenere costante attenzione alle sempre più dirompenti novità nel campo della telemedicina e della medicina digitale”. Leggi anche gli articoli “Sanità integrativa: Fasi la soluzione per i manager industria” e “Fasi: da 40 anni l'eccellenza nella sanità integrativa

ASSIDAI arricchisce ulteriormente la propria offerta agli iscritti: il Fondo ha presentato le novità 2017 per le prestazioni sulla non autosufficienza e ha annunciato un nuovo passo in avanti nella integrazione operativa con il FASI. Dal 1° luglio infatti, si potrà inviare ad ASSIDAI contestualmente anche la pratica di richiesta rimborso del FASI. Nato nel 1990 su iniziativa di Federmanager, ASSIDAI conta una base di oltre 56.000 nuclei familiari ed è punto di riferimento per più di 1.500 aziende che hanno scelto di sottoscrivere un Piano Sanitario per i propri dirigenti, quadri, dipendenti e consulenti. “Il nostro obiettivo - ha sottolineato il Presidente Tiziano Neviani - è quello di fornire una assistenza sanitaria integrativa sempre più efficiente e di diventare ancora di più, nel tempo, un protagonista del settore sanitario sui temi dell’assistenza e del benessere per i dirigenti, i quadri e le alte professionalità”. Leggi anche “Assidai incontra i dirigenti industria Lombardi”. Leggi anche l'articolo "Assidai incontra i dirigenti industria Lombardi"

Le sinergie che stiamo costruendo tra gli Enti che fanno parte del sistema Federmanager corrispondono a una visione complessiva di ampio raggio - afferma il Presidente Federmanager Stefano Cuzzilla - passare da una logica di servizio che si limitava a rimborsare la spesa sanitaria sostenuta dall'assistito per arrivare a una logica di protezione e promozione della salute della collettività. La sanità integrativa, se ben incentivata, può completare l'offerta sanitaria pubblica in quantità e qualità di assistenza e svolgere un ruolo sociale fondamentale. Come rappresentanza del management siamo all'avanguardia in questo. Siamo un modello apprezzato dai colleghi e dalle aziende, le quali stanno aderendo sempre più convintamente a queste forme di welfare contrattuale”.

Nel suo messaggio di saluto, il Presidente di ALDAI-Federmanager, Romano Ambrogi ha ricordato l’impegno della Federazione nel valorizzare “la previdenza complementare prevista dal contratto di lavoro come strumento distintivo di welfare della bilateralità tra dirigenti e imprese. Negli anni è emersa la fondamentale necessità per la classe dirigente di tenersi costantemente aggiornata sulle evoluzioni di mercato: sia a livello industriale sia finanziario, vista la correlazione diretta che ormai lega questi due ambiti in maniera sempre più simbiotica. Come Associazione ci impegniamo ad assicurare ai nostri iscritti tutti gli strumenti utili a questo scopo, attraverso corsi e incontri con Enti specializzati ed esperti capaci di rispondere ai dubbi e quesiti dei manager su temi specifici”.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Diciassette modi per andare in pensione

Le numerose possibilità di pensionamento sono dimostrazione della creatività legislativa, non sempre finalizzata a semplificare le regole e dare certezza del diritto. Se non trovate fra le 17 possibili opzioni il modo di andare in pensione, cercate almeno di capire quale pista ritenente più facilmente percorribile e fate l’elenco delle iniziative utili per raggiungere il traguardo. Per ridurre al minimo i dubbi, prenotate un incontro in ALDAI per verificare insieme le iniziative utili per arrivare prima al risultato.

01 febbraio 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

L’IRPEF penalizza i manager e il sommerso mette a rischio il welfare di tutti

Lo studio sulle dichiarazioni dei redditi dimostra che il nostro sistema fiscale è doppiamente iniquo perché l’IRPEF è pagata solo da una parte dei contribuenti e non riesce a finanziare i servizi e l’assistenza sociale, con gravi ripercussioni sulla qualità della vita di tutti i cittadini.

 
01 luglio 2017