Digitalizzazione e riorganizzazione AlessioHiTech per rispondere alle richieste di mercato

Il supporto manageriale offerto all’impresa costituisce un bell’esempio di collaborazione fra PMI e manager, fra Confindustria e Federmanager, che rende concrete le iniziative del Digital Innovation Hub e i finanziamenti 4.Manager a favore del sistema produttivo

Danilo Barlassina   

Associato ALDAI-Federmanager, qualificato DIH Lombardia per le iniziative di Sviluppo PMI
Accogliendo la richiesta dell’azienda AlessioHiTech srl, Confindustria Bergamo ha creato le condizioni per realizzare il progetto di “Pianificazione e controllo produzione” nell’ambito dell’iniziativa di Politiche Attive Sviluppo PMI.  

AlessioHiTech è una splendida realtà, dotata di un potenziale veramente ampio e con possibilità di crescita e notevole sviluppo. 

L’Azienda, che opera da più di trent’anni,  progetta e realizza presse di stampaggio, pre-espansori, linee di termoformatura, stampi e soluzioni automatizzate personalizzate secondo le esigenze dei clienti, operando nel campo degli espansi, polistirolo, polipropilene e poliuretano e già in passato ha collaborato con il Politecnico di Milano per progetti innovativi.

Con i macchinari AlessioHiTech è possibile realizzare prodotti  destinati a molteplici settori:
  • componenti per abitacoli e caschi per auto e per moto;
  • contenitori leggeri e resistenti con forma, colore e capacità personalizzata, utilizzati dall’industria del packaging;
  • casse per alimenti, piccole vaschette per il gelato fino ai grandi contenitori per prodotti ittici;
  • pannelli isolanti, pannelli radianti, per la componentistica richiesta dal settore edile;
  • componenti per sistemi di ventilazione, per elettrodomestici e per il settore farmaceutico;
  • scaffalature e componenti interni di mobili e complementi d’arredo curati sia dal punto di vista strutturale che estetico;
  • solette ammortizzate per le scarpe, calotte per caschi sportivi e componenti destinati alle attrezzature sportive;
  • pallet leggeri e resistenti, completamente riciclabili e con rapidi cicli di produzione.

Dieci anni fa il cambio di proprietà ha portato nuovo impulso e linfa all’azienda, che l’Amministratore Unico subentrato - e attualmente in carica - ha saputo gestire con perizia e determinazione creando le condizioni per il passaggio da piccola a media impresa.

Cosa vuole ottenere l’Azienda con questo progetto?

Prioritariamente vuole organizzare la pianificazione delle commesse, la gestione della produzione e del magazzino con un sistema gestionale digitalizzato, che possa facilitare i processi per aumentare la produttività. Inoltre l’impresa vuole informatizzare alcuni processi, attualmente gestiti con interventi del personale, nell’ambito dell’interazione dei passaggi di dati e informazioni al termine della progettazione, quindi in uscita dall’ufficio tecnico, verso le realtà immediatamente coinvolte: ufficio acquisti, programmazione della produzione e fabbricazione.

L’intervento di transizione digitale porterà ad un notevole risparmio di tempo per gli operatori, che potranno essere impegnati in attività più importanti e ad un guadagno di efficienza di tutta l’organizzazione.

Per l’avviamento del progetto l’azienda voleva essere seguita da un manager che avesse: capacità di analisi e sintesi, competenze nella gestione dei processi di pianificazione e produzione per commesse e delle dinamiche produttive del settore impiantistico, conoscenze sui sistemi gestionali aziendali, in ottica anche ERP e MRP, efficacia nella gestione delle riunioni, sensibilità e capacità di sviluppare relazioni di fiducia; insomma, preferiva le esperienze di un direttore di stabilimento.

Devo ringraziare gli enti e soprattutto le persone preposte alla selezione del manager idoneo al progetto, e precisamente il DIH, Digital Innovation Hub nella persona di. Roberto Zardoni e la società Key2People nella persona di Davide Trivi, ingaggiato da quest’ultima a supporto del progetto, che hanno identificato nel sottoscritto il profilo più idoneo e penso che la scelta abbia funzionato realizzando la piena soddisfazione sia nel manager che nell’impresa.

Mi permetto aggiungere un ringraziamento particolare a Diva De Franco, che sempre all’interno del Progetto Sviluppo PMI mi ha accompagnato in un percorso di Mentoring e di approfondimento con impareggiabile capacità. Ringrazio infine Ilaria Sartori e il Presidente ARUM Franco Del Vecchio che hanno organizzato in modo eccellente tutte le fasi di preparazione e realizzazione dell’intervento.

Già dal primo incontro mi è stata presentata una situazione che, proseguendo nel tempo, si è concretizzata e precisamente che l’azienda avrà da qui ai prossimi tre anni un incremento di lavoro impressionante, arrivando a raddoppiare il proprio fatturato annuo! Un'eccellente prospettiva dovuta principalmente a quanto AlessioHiTech ha seminato e investito negli anni in: competenza, professionalità, capacità e disponibilità, facendo si che un numero crescente di clienti venisse a cercare l’azienda. L’ufficio commerciale e tutti i reparti dell’impresa dovranno quindi essere pronti a cogliere questi frutti.

Nel corso delle attività il progetto si è complicato e arricchito di nuovi contenuti; non si tratta più solo di portare l’azienda a una migliore digitalizzazione, ma aiutarla ad adeguarsi e a strutturarsi per far fronte a questo aumento di lavoro in arrivo e in parte già arrivato; le complicazioni e le difficoltà possono spaventare, impaurire a volte, ma per un direttore di stabilimento non poteva esserci regalo migliore!

Sono stati visionati il software per la progettazione e il sistema gestionale attualmente in uso, ritenendolo idoneo ancora per qualche anno, sono state incontrate le rispettive software house, soprattutto per chiedere alcuni adeguamenti al sistema gestionale e il miglioramento del dialogo tra i due software, in modo tale che dalla progettazione i dati necessari possano passare agli altri uffici in maniera automatica.

Gli incontri con le varie funzioni aziendali e i reparti, l’analisi approfondita delle procedure attualmente in uso e delle difficoltà esistenti, hanno permesso di stendere un programma dettagliato di tante attività, operazioni e riorganizzazioni da attuare, che serviranno come linea guida per il prossimo futuro; il progetto è pronto, ora bisogna attuarlo.

Credo che in questo progetto il successo, non solo attuale, ma anche e soprattutto futuro, sia veramente frutto di un completo gioco di squadra: prima di tutto l’azienda, che ha  saputo e voluto chiedere aiuto per tempo e di Confindustria Bergamo, che ha recepito perfettamente il messaggio e ha saputo gestirlo; poi il progetto di Politiche Attive Sviluppo PMI, finanziato da 4.Manager (l’associazione paritetica Confindustria e Federmanager) e da ultimo anche dal manager, che credo abbia saputo cogliere le necessità dell’azienda per concretizzarle in soluzioni operative, ma più ancora dal rapporto di fiducia reciproca che ne è scaturito.

I risultati

Danilo Barlassina

Danilo Barlassina

Ho trovato da parte della Direzione aziendale una collaborazione encomiabile, che difficilmente ho riscontrato in altre aziende; persone che credono fermamente nell’impresa e che credono che questo progetto possa davvero aiutare l’azienda e con questo presupposto mi hanno dato veramente un enorme supporto, sia in termini di tempo che di disponibilità, ma anche di sprone a dare ancora di più e a fare sempre meglio e arrivare così al risultato raggiunto.

Insieme abbiamo pienamente realizzato gli obiettivi e i risultati attesi.

Ringrazio quindi molto sentitamente l’Amministratore Unico della Società Signora Maria Maddalena Savoldelli e con lei lo staff direzionale, nelle persone di Pietro Savoldelli, . Franco Alessio e in modo particolare colei che è stata definita “l’angelo custode del mio intervento”, Alice Savoldelli.

Maria Maddalena Savoldelli - C.E.O Alessiohitech

Maria Maddalena Savoldelli - C.E.O Alessiohitech

Ringraziamenti ricambiati dall’impresa in occasione della riunione conclusiva. “L’esperienza del manager ha contribuito a impostare correttamente il progetto di miglioramento della produttività per sostenere la crescita e si è subito creato un clima di fiducia e di rafforzamento dell’autostima nella capacità e potenzialità dell’impresa” ha dichiarato Maria Maddalena Savoldelli, che ha concluso “Un bell’esempio di matching fra potenzialità dell’impresa e competenze manageriali per generare valore e sviluppo”.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Conviene riscattare gli anni di Università per anticipare la pensione?

Il 24 febbraio si è tenuto un webinar con partecipazione record di centinaia di manager, sul tema "Riscatto di laurea in forma ordinaria o agevolata?"
01 aprile 2022

Politiche Attive per lo Sviluppo delle Piccole e Medie Imprese

I risultati in Lombardia: 107 Assessment e 14 Progetti di Sviluppo a favore delle PMI, 43 Manager coinvolti e 22 percorsi Mentor2Manager.

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

L’inflazione è una tassa ingiusta sugli onesti

L'inflazione è la conseguenza di uno squilibrio economico generato dai cambiamenti di mercato che comporta l'erosione dei capitali monetari e la perdita del potere di acquisto dei redditi di lavoro dipendente e delle pensioni
01 agosto 2022