Novità e convenzionamenti, così Assidai inizia il 2021

Se Assidai ha chiuso il 2020 “spegnendo” 30 candeline, ha iniziato il nuovo anno con importanti novità che sono entrate in vigore dallo scorso 1° gennaio

Tiziano Neviani

Presidente Assidai
L’obiettivo, come sempre, è la tutela degli iscritti con un costante riferimento al sistema Federmanager, di cui siamo emanazione. Il 28 novembre del 1990, infatti, il nostro Fondo è stato fondato proprio da Federmanager e Federmanager Roma. Da allora ha svolto un lungo percorso, in cui ha sempre cercato di operare secondo i principi distintivi della mutualità e della solidarietà e di essere vicino agli iscritti e di accompagnarli in ogni fase della loro vita. E proprio durante la complicata situazione che stiamo vivendo è importante ricordare che Assidai non prevede nei propri Piani Sanitari esclusioni per il rischio pandemia.

In questo quadro, si contestualizza la prima novità di un 2021, che ci auguriamo migliore per tutti rispetto all’anno appena concluso. Grazie, infatti, alla collaborazione tra Fasi e Assidai, realizzata attraverso la società Industria Welfare Salute (IWS), e alla disponibilità di Allianz, che dal 1° gennaio 2021 provvede alla liquidazione delle domande di rimborso, per accedere alle prestazioni in convenzionamento diretto gli iscritti Fasi-Assidai e i soli iscritti Assidai, non sono più tenuti a effettuare alcuna pre-attivazione attraverso la centrale operativa. La nuova procedura, unica sul mercato e totalmente uguale a quella già in uso con il Fasi, consente agli iscritti Assidai e alle loro famiglie, di avere a disposizione un network unico di strutture sanitarie al quale potersi rivolgere valido sia per Fasi che per Assidai, con un accesso semplice e facilitato e che, di conseguenza, prevede un significativo risparmio sui tempi. 
Ecco i passaggi da seguire per poter usufruire di una prestazione in forma diretta. 
Si tratta, in pratica, di quattro fasi. Innanzitutto, bisogna individuare la struttura sanitaria convenzionata, in secondo luogo si fissa l’appuntamento, poi ci si reca in struttura e si comunica alla struttura stessa la propria iscrizione Fasi-Assidai o solo Assidai.
A questo punto, la struttura sanitaria, una volta a conoscenza che l’iscritto è assistito Fasi-Assidai o solo Assidai, effettuerà tutte le verifiche amministrative al fine di stabilire l’ammissibilità della richiesta di prestazione, secondo la certificazione medica presentata e il Piano Sanitario di appartenenza. Per dare seguito all’erogazione della prestazione sanitaria, verrà chiesto all’iscritto di firmare il modulo di autorizzazione al convenzionamento diretto. 
Quella appena descritta è la novità più sostanziale introdotta dal 1° gennaio 2021 ma abbiamo predisposto un manuale ad hoc con le nuove Procedure Operative 2021; le stesse sono disponibili sulla propria area riservata e riepilogano le istruzioni da seguire per la presentazione delle domande di rimborso in forma indiretta, per la fruizione delle prestazioni in regime diretto, attraverso l’accesso al network convenzionato e molto altro ancora.
Il manuale è un documento molto chiaro e completo in cui gli iscritti troveranno esaurienti spiegazioni con screenshot esemplificativi, per accedere alla propria area riservata, sempre più uno strumento sicuro e innovativo che consente di essere costantemente in contatto con il Fondo, e per muoversi all’interno di essa, sfruttando tutte le funzioni fruibili, tra cui la verifica della situazione contributiva, l’invio delle richieste di rimborso per le spese mediche sostenute e lo stato di avanzamento delle richieste di rimborso inserite.
Il documento dedica, inoltre, ampio spazio anche al tema della Pratica Unica, un cambiamento epocale frutto della collaborazione tra Fasi-Assidai e valorizzata da IWS, e ovviamente anche alla gestione delle pratiche di rimborso, in virtù delle novità introdotte dal 1° gennaio e valide per tutti gli iscritti. 
Per chi invece ha dubbi e preferisce interagire direttamente con i nostri operatori, il Customer Care Assidai è a completa disposizione al numero 0644070600, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 18.00.

Infine, vorremmo ricordare l’opportunità che è stata offerta alle imprese del nostro Paese: il Prodotto Unico Fasi - Assidai, una proposta sanitaria unica e innovativa, perché si basa su un’integrazione pressoché completa del nomenclatore tariffario Fasi, con un contributo di adesione molto competitivo. La nuova iniziativa sta riscuotendo molto interesse da parte delle aziende, prova ne è il fatto che il Prodotto Unico Fasi - Assidai è stato scelto da Confindustria per fornire il miglior prodotto di assistenza sanitaria per i propri Dirigenti.

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Aumenta la percentuale degli italiani giovani che vanno all’estero

Gli italiani che se ne vanno all'estero non fanno notizia rispetto agli sbarchi che da anni occupano i telegiornali. Chi sono gli italiani che se ne vanno e perchè?
01 giugno 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023