Al passo con il futuro

Per guidare il Paese nel processo di trasformazione digitale, servono certamente infrastrutture e tecnologie all’avanguardia, ma sono necessarie soprattutto competenze in grado di rispondere al cambiamento

Mario Cardoni 

Direttore Generale Federmanager
Portare a termine un ampio processo di trasformazione digitale nel Paese delle antiche vestigia, delle tradizioni, delle consuetudini. Obiettivo non facile, ma abbiamo il dovere di centrarlo.

Anche perché la congiuntura storica non ammette alternative e le risorse a disposizione ci sono. Basti pensare che la missione n.1 del PNRR, denominata “Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo”, prevede lo stanziamento di oltre 40 miliardi di euro: una cifra imponente, da gestire con sapienza e lungimiranza.

Del resto, i processi lavorativi all’interno delle organizzazioni stanno traendo indubbi benefici dall’adozione di nuove modalità operative e buona parte del merito è da ascrivere allo sbalorditivo sviluppo tecnologico degli ultimi anni.

Sviluppo che ha però come contraltare un panorama di complessità da fronteggiare. Pensiamo a quanto importante sia oggi un tema come quello della cybersecurity, fondamentale per proteggere il patrimonio industriale e le preziose banche dati delle aziende e della Pubblica amministrazione. Oppure anche al tema dell’integrazione nei processi dell’intelligenza artificiale, una rivoluzione che si sta manifestando a una velocità senza precedenti, come sottolineato più volte anche da Sam Altman, guru di OpenAI.
Per governare il cambiamento e stimolare una piena competitività del sistema Paese, servono certamente infrastrutture e tecnologie all’avanguardia, ma servono soprattutto competenze al passo coi tempi. È necessario, in altre parole, lavorare a un nuovo umanesimo che ponga la persona, con un rinnovato bagaglio di conoscenze tecniche e di soft skill, al centro dei processi di digitalizzazione.

Su questo fronte, c’è molto da lavorare. Infatti, il recente Digital decade report della Commissione europea ha evidenziato come, in Italia, solo il 46% delle persone possieda competenze digitali di base. E se si guarda nel dettaglio al settore occupazionale, ben si comprende quanto sia urgente procedere attraverso efficaci iniziative di upskilling e reskilling.

Anche per tali ragioni, la nostra Federazione insiste sul tema della formazione e promuove un percorso come BeManager, che certifica le competenze manageriali di figure quali l’innovation manager, in grado di trasformare il modo di fare azienda, soprattutto nelle PMI.

Ma bisogna guardare anche oltre e, come avvenuto proprio per il voucher per innovation manager, vogliamo lavorare di concerto con le istituzioni perché siano previsti fondi che supportino le PMI a inserire, nell’assetto aziendale, figure apicali con specifiche competenze digitali.

Abbiamo un obiettivo chiaro: aggiornare e riconvertire la nostra forza lavoro. E per farlo, le opportunità offerte dalla rivoluzione digitale devono essere colte innanzitutto a livello manageriale.

Articolo tratto da Progetto Manager
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017