Per una crescita strutturale

La riforma fiscale rappresenta un banco di prova importante per tutti. Per far compiere al Paese uno scatto in avanti, dovranno essere coinvolte al meglio competenze, professionalità e amministrazioni diverse

Foto di Mohamed Hassan da Pixabay

Stefano Cuzzilla 

Presidente Federmanager
L’ampia riforma fiscale voluta dal Governo sta procedendo attraverso gli step dei diversi decreti attuativi e può rappresentare un punto di svolta importante per il Paese.

Ce lo auguriamo, soprattutto perché la nostra capacità di essere competitivi è strozzata dal peso di un fisco iniquo e da cattiva burocrazia.

Dalle premesse che vediamo, alla base della riforma si pone l’intento politico di agire per ridurre la pressione fiscale su famiglie e imprese, semplificare e rendere comprensibile il quadro normativo e garantire una piena certezza del diritto.

Se è giusto intervenire per migliorare l’efficacia delle fasi sanzionatorie e i meccanismi di riscossione, in un Paese come il nostro che patisce un tax gap intorno ai 100 miliardi, non si deve però appesantire il panorama del contenzioso, con oltre il 40% delle controversie civili presso la Corte di Cassazione che riguarda oggi questioni di carattere tributario.

Appare pertanto più che opportuno che si proceda spediti sulla via di una modernizzazione e sburocratizzazione di sistema; il che significa sposare il concetto che per pagare meno tasse è necessario che le paghino tutti.

Altrimenti si ricade nell’usuale malcostume italiano di vessare chi lavora onestamente, come i tanti manager che la nostra Federazione rappresenta, e di permettere a chi fa il furbo di vivere sulle spalle degli altri, beneficiando di servizi a cui non contribuisce.

Per crescere in maniera sostenibile sotto il profilo economico e sociale, l’Italia ha bisogno quindi di giustizia ed equità fiscale, anche e soprattutto per quel ceto medio che è il motore dell’iniziativa economica nazionale.

Chi guadagna da 50mila euro in su non può essere considerato un super ricco, come ha ben sottolineato il Viceministro Leo anche in occasione del nostro Open Day CIDA sulla petizione a salvaguardia del ceto medio.

L’intervento riformatorio rappresenta un banco di prova importante per tutti e, affinché il Paese sia in grado di fare uno scatto in avanti, dovranno essere coinvolte al meglio competenze, professionalità e amministrazioni diverse.

Soprattutto perché, quando parliamo di fisco, parliamo anche di investimenti sullo sviluppo e sul progresso dell’Italia. La leva fiscale ha difatti assunto, negli ultimi anni, un ruolo preponderante anche come strumento di politica industriale, grazie a un significativo strumentario di agevolazioni e crediti di imposta.

Organizzazioni come la nostra vogliono sempre più contribuire a un dialogo qualificato con tutti i livelli istituzionali per favorire interventi, sul piano normativo e regolatorio, che producano effetti benefici in termini di crescita strutturale. Dal taglio del cuneo fiscale ai sostegni di cui le PMI hanno bisogno per dotarsi di competenze manageriali innovative, serve un progetto di riforma affidabile, che premi chi è onesto e rilanci il lavoro.


Articolo tratto da Progetto Manager
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017