Settembre, Firenze, ingegneria chimica

Un’interessante proposta dell’AIDIC nel capoluogo toscano.

Giuseppe Ricci

Chief  Refining & Marketing Officer - Eni S.p.A.

Grazie all’AIDIC (Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica), dopo 22 anni, finalmente nel 2019 ritorna a Firenze la Conferenza Europea dell’Ingegneria Chimica (ECCE 12), che si terrà congiuntamente a quella di Biotecnologia Applicata (ECAB 5) dal 15 al 19 settembre nella Fortezza da Basso.

Ce ne parla l’ing. Giuseppe Ricci, Presidente dell’AIDIC:
“Questi incontri, organizzati sotto gli auspici delle Federazioni Europee di settore, European Federation of Chemical Engineering (EFCE) e European Society of Biochemical Engineering Science (ESBES), costituiscono un importante appuntamento biennale noto in tutto il mondo e frequentato da scienziati, ricercatori, docenti, studenti, professionisti, operatori dell’industria, appaltatori e fornitori di tutti i continenti. 
Mai come in questo momento di crisi economica e di difficoltà in tutti i settori industriali, risulta opportuno rilanciare la ricerca, il confronto e lo sviluppo dell’ingegneria chimica, un settore che tanto ha prodotto nel passato e che tanto può ancora dare in un mondo in continua trasformazione. 
Non è casuale che il comitato organizzatore abbia previsto anche un Programma Studenti, per permettere ai giovani partecipanti di interagire, condividere, dibattere sui temi dell’ingegneria e chimica e su tutto quello che può essere di loro interesse e proiettato nel futuro. 
Per loro il comitato ha organizzato vari eventi specifici, tra cui la Process Simulation Cup (PSC), un Pub Quiz, Meet your Idol ed altri eventi tutti molto interessanti. 
L’EFCE rappresenta il più attivo foro dell’ingegneria chimica in Europa. Per più di sessant’anni ne è stato il riferimento multidisciplinare sia nell’industria che nel mondo accademico, favorendo proficue collaborazioni nel campo dell’innovazione e della ricerca. 
È utile ricordare che il primo congresso europeo di EFCE si tenne nel 1997 proprio a Firenze, organizzato anche allora da AIDIC, e che fu l’inizio di un grande cammino di crescita.
Quest’anno il tema del congresso sarà “Bridging Science with Technology: a Renaissance in Chemical Engineering”, cioè il collegamento tra la scienza e la tecnologia. L’auspicio è che il rinascimento dell’ingegneria chimica parta proprio da Firenze, il posto storicamente più adatto per svilupparlo.
I temi trattati dai Working Parties e dalle Sezioni delle due Federazioni sono centrali nell’ingegneria chimica e nella biotecnologia applicata e spaziano da quelli classici, come processo e reattoristica, a quelli più attuali e di forte impatto, come nanotecnologie, biocarburanti, biocatalizzatori, alimentazione. 
Sono previste 6 sessioni plenarie, 12 sessioni parallele, 3 sessioni poster, 6 simposi ed una sessione studenti.
Sul sito dedicato www.ecce12-ecab5.org sono riportate tutte le informazioni aggiornate, in particolare la lista completa degli argomenti delle conferenze, delle sessioni plenarie, dei plenary speakers, la registrazione alla PSC, ecc.
L’evento di Firenze, non è solo di potenziale interesse per gli addetti ai lavori in campo tecnico-scientifico (scienziati, ricercatori, docenti universitari, studenti, ecc.) ma, partendo da tematiche strettamente tecniche, rappresenta anche una finestra sul mondo per aree di business interessate allo sviluppo, alla ricerca di spunti per evolversi, trasformarsi e trovare opportunità sempre nuove e diverse.
Queste conferenze rappresentano un momento importante di confronto tra i manager impegnati a sviluppare un equilibrio tra le cosiddette “soft skills” manageriali e le competenze tecniche specialistiche. Ad essi oggi vengono richieste non solo capacità di leadership ma anche innovatività e coraggio di cambiare, qualità che non possono prescindere dal possedere adeguate competenze tecniche. 
 
Ultima considerazione: Firenze è sempre bellissima, come mancare ad un evento così a settembre?”.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Videoconferenza ZOOM

Le restrizioni agli incontri per evitare il contagio coronavirus impongono soluzioni alternative per evitare la paralisi delle attività. È l'occasione per scoprire le soluzioni Smart Working: per lavorare in team, realizzare riunioni, partecipare ai seminari, sempre a distanza. Sono numerose e gratuite le soluzioni per videoconferenza, dalle più diffuse come Skype alle più professionali come ZOOM che ALDAI-Federmanager utilizza da due anni per favorire la partecipazione gratuita agli incontri milanesi senza muovere un passo.
A cura della redazione 
01 aprile 2020

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Tavola Rotonda sulla Meritocrazia

Le competenze e la meritocrazia sono determinanti per la ripresa del Paese. È il risultato delle indagini e dei commenti della Tavola Rotonda. La registrazione dell'evento è accessibile cliccando il video.
01 luglio 2020

Gli strumenti del Jazz

Jazz is life. Ciclo Jazz 2019
01 febbraio 2019

World Class Manufacturing e Industria 4.0 alla base della ripresa del Gruppo FCA

Il termine (WCM) o produzione di classe mondiale, che qualifica alcuni tra i più importanti costruttori di beni e servizi mondiali, fu coniato dallo studioso americano Richard Schonberger negli anni Ottanta, per definire l’insieme di metodologie di ottimizzazione della produzione adottate dalle migliori industrie giapponesi.
01 ottobre 2017