Eguaglianza a sistema

Il nostro impegno per creare un ecosistema lavorativo che sia capace di far esprimere al meglio le diversità e di valorizzarle in un virtuoso processo di crescita.

Mario Cardoni 

Direttore Generale Federmanager
Essere manager significa anche saper accettare nuove sfide e migliorare per vincerle.

Con questo spirito il nostro sistema sta affrontando un articolato percorso finalizzato a ottenere la certificazione della parità di genere per Federmanager e per gli enti e società controllati, vale a dire Manager Solutions, Assidai, Praesidium Spa e Federmanager Academy. Un traguardo per noi di grande valore, assolutamente non simbolico, ma sostanziale.

Puntiamo infatti alla certificazione della parità di genere per testimoniare l’impegno quotidiano, dei nostri enti e delle nostre società, al fine di creare un ecosistema lavorativo che non solo sia capace di includere e far esprimere al meglio le diversità, ma le valorizzi in un virtuoso processo di crescita.

Il percorso intrapreso, che confidiamo volga presto a una positiva conclusione, testimonia altresì l’indirizzo strategico di ampio respiro a cui dobbiamo tendere: non si tratta infatti di un mero obiettivo reputazionale, la certificazione può rappresentare una pietra miliare per il miglioramento della produttività del nostro sistema e per quella più ampia capacità di innovare e di coinvolgere che è oggi necessaria, ancor più che in passato.

Insieme a step di valutazione, focus group e survey rivolte a chi opera nelle società e negli enti coinvolti, è stato predisposto un piano strategico, per il periodo 2024-2026, che mappa i 6 processi core richiesti dalla Prassi Uni PdR 125:2022 in ordine alla certificazione.
Tali processi riguardano punti strategici come le fasi di selezione e assunzione, la gestione delle carriere, il gender pay gap, le politiche aziendali su genitorialità e cura, la conciliazione vita-lavoro e la prevenzione di abusi fisici, verbali e digitali.
Un quadro d’azione ampio, insomma, che richiede lo sforzo di tutte le persone con cui ogni giorno lavoriamo. Si apriranno opportunità nuove e, per questa via, sarà ancor più fortemente e positivamente percepito il senso di appartenenza al nostro sistema.

Ci poniamo obiettivi ambiziosi che si sostanziano nell’attuazione di misure concrete per eliminare le iniquità e promuovere la parità di genere in tutti gli aspetti lavorativi: dalla valorizzazione delle risorse umane allo sviluppo delle competenze, da momenti di ascolto per il miglioramento dei processi a una più efficace diffusione dei dati, da occasioni di formazione su leadership e comunicazione inclusive a incontri per sensibilizzare sui temi che riguardano diversity, equity & inclusion.

Molto è stato fatto e molto c’è ancora da fare. Ma guardiamo al futuro con l’orgoglio di chi vuole contribuire a costruire, per le nostre figlie e per i nostri figli, una società più giusta e coesa.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017