Focus Energia Aprile 2021

Il Focus Energia pubblicato da Federmanager e dall'Associazione Italiana Economisti dell'Energia (AIEE) inizia con l'analisi del PNRR italiano per elencare poi le principali attività delle istituzioni europee dal 29 marzo al 23 aprile, approfondire l’introduzione di un Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM) europeo e concludere con una serie di news dal mondo sui temi energetici.

Quasi 250 miliardi di finanziamenti per la ripresa, di cui: 191,5 mld con fondi europei RRF (Recovery e Resilience Facility,  Dispositivo per la ripresa e la resilienza), 30 mld con il fondo complementare ed altri 26 miliardi già stanziati per progetti come l’alta velocità ferroviaria e il rifinanziamento di progetti previsti nell’ambito del Fondo di Sviluppo e Coesione. L’impatto atteso sull’economia risulterà robusto, con una dinamica sostenuta nel corso degli anni. La crescita media del PIL nel 2022-2026 è prevista di circa 1,4 punti in rialzo rispetto al periodo 2015-2019. Nel 2026 il PIL sarà invece il 3,6% più alto rispetto ad uno scenario privo di PNRR. La realizzazione degli obiettivi dipenderà da molteplici fattori: elevato ritorno degli investimenti, sostegno continuo del Paese e gestione manageriale.

Tra le più significative sfide che il nostro paese dovrà affrontare in questo periodo di transizione ritroviamo l’assenza di ricambio generazionale e di competenze, lo scarso investimento sul capitale umano, la stratificazione normativa e la bassa digitalizzazione. Saranno pertanto necessarie riforme strutturali che migliorino l’attuale bassa efficienza della Pubblica Amministrazione e della Giustizia per ridurre l’eccessiva durata dei procedimenti amministrativi, dei processi ed il peso degli arretrati giudiziari.
Tali riforme prevedono l’impiego di due leve: la digitalizzazione e riorganizzazione oltre che la revisione del quadro normativo e procedurale. Tra le altre riforme ritroviamo quelle abilitanti, orizzontali rispetto alle 6 missioni, destinate a garantire il massimo effetto degli investimenti.

Fra le principali attività delle istituzioni europee sono segnalati:
  • Il workshop della Commissione Europea per la revisione della direttiva sul rendimento energetico degli edifici (EPBD)
  • Commissione ITRE: Pubblicazione della relazione INI relativa a una strategia europea per l’integrazione dei sistemi energetici
  • GUUE: Pubblicazione orientamenti relativi a determinati aiuti di Stato nell’ambito del sistema ETS dopo il 2021
  • Commissione Europea: lancio della raccolta di progetti per la pipeline di investimenti della European Clean Hydrogen Alliance
  • Commissione Europea: nuovo pacchetto finanza sostenibile
  • Commissione ITRE: Pubblicazione testo consolidato relativo a una strategia europea per l’idrogeno
  • Commissione TRAN: Esame progetto di parere relativo alla proposta di revisione del regolamento TEN-E
  • Commissione TRAN: Adozione parere relativo al programma generale di azione dell’Unione in materia di ambiente fino al 2030 (PAA)
  • Commissione ITRE: Scambio di opinioni con la DG ENER sugli aspetti energetici della ripresa – fide e opportunità
  • Commissione ENVI: Esame progetto di parere su revisione regolamento TEN-E
  • Gli operatori della rete del gas delineano i piani per l’espansione dell’ autostrada dell’idrogeno dell’UE

Di seguito i titoli delle news:
  • Outlook USA 2021: l’eolico e il solare possono ridurre il peso del carbone e del gas entro il 2023-24 nonostante i costi delle batterie
  • Un gruppo di aziende britanniche chiede a Boris Johnson di eliminare l’IVA sui prodotti green
  • Volvo e SSAB: i primi camion costruiti con acciaio senza combustibili fossili
  • La quota di energie rinnovabili dell’UE ha raggiunto il 39% nel 2020;
  • Axpo produrrà idrogeno nella centrale idroelettrica svizzera di Eglisau-Glattfelden
  • La Giornata Mondiale della Terra - il summit sul clima dei leader del mondo - L’Europa e gli Stati Uniti puntano a raggiungere la neutralità per il 2050 mentre la Cina al 2060, già nel 2030, Europa ed USA arriveranno rispettivamente al 55 e 52%.
Cliccando "Focus Energia" è possibile scaricare la pubblicazione.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Il documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine, aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019, è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine.
01 ottobre 2022

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023