Il valore dell'e-leadership

Occorre puntare sulla e-leadership per riallineare la cultura manageriale all’era digitale. Se l'Industry 4.0 rappresenta un’opportunità per i manager, contestualmente è vero anche l’inverso: i manager sono l’opportunità di cui questa trasformazione necessita.

 

Mario Cardoni 

Direttore Federmanager
In questi anni abbiamo orientato la nostra attenzione e buona parte del nostro impegno alla realizzazione di programmi volti al sostegno delle politiche attive del lavoro. Solo per citarne alcuni, mi riferisco al servizio di certificazione delle competenze manageriali, al Protocollo sull’alternanza scuola-lavoro oltre ad innumerevoli iniziative formative, culturali e orientate ad ampliare la rete di networking. 
“L’approccio Industria 4.0”, in particolare, richiede innegabilmente un mix di competenze manageriali più articolato e con una forte propensione all’innovazione. Skills di natura tecnologica si completano con soft skills quali pensiero critico, creatività, intelligenza emotiva, capacità di leadership e di gestione del cambiamento, a vantaggio di un diverso modello di business che sfrutti le tecnologie per raggiungere nuovi obiettivi. 
In questo mare magnum il tema delle competenze si è affermato con forza quale fil rouge delle azioni di questa Federazione: non è certamente un caso che studi internazionali abbiano concordemente evidenziato come nella stragrande maggioranza dei casi di startup di successo sia ben presente e faccia la propria parte la componente manageriale.
Partendo da questo assunto, nei giorni scorsi proprio sul tema della promozione delle startup innovative il nostro Gruppo Giovani ha organizzato un convegno presso la sede dell’Università degli studi di Padova. Con questo Ateneo, candidato a svolgere un ruolo chiave nella attuazione del progetto governativo sui competence center, abbiamo siglato un protocollo che si rivolge a manager, giovani studenti e imprese del territorio allo scopo di mettere a fattor comune competenze e servizi nel campo della formazione imprenditoriale, della promozione delle startup innovative, della gestione manageriale d’impresa e del trasferimento della tecnologia dall’università al tessuto produttivo.
Tale raccordo tra il mondo dell’education e la realtà dei manager industriali sarà funzionale alla realizzazione del Piano nazionale di Industria 4.0, avendo come sede privilegiata per far fruttare questa collaborazione i Competence Center  che sono in fase di avvio nel territorio del Triveneto e di cui l’Università di Padova è capofila (tra le poche ad essere espressamente designata come tale dal MISE) nonché focalizzando gli interventi nell’ambito dei progetti sperimentali presso i costituendi “Transformation Lab” dell’Università, che intendono agevolare le PMI nel percorso di trasformazione in chiave Industry 4.0.
Appartiene allo stesso filone di interventi la collaborazione che abbiamo avviato con Invitalia, anche questa formalizzata con un Protocollo ad hoc, per offrire un servizio di mentoring manageriale alle startup innovative che mostrano i requisiti per l’ammissione ai finanziamenti di “Smart & Start Italia”, la misura creata dal ministero dello Sviluppo Economico e gestita dalla stessa Invitalia per sostenere la nascita e la crescita delle startup ad alto contenuto tecnologico.
Un’altra prova di questo nostro attivismo nell’ambito di Industry 4.0 proviene inoltre dal ruolo che abbiamo scelto di svolgere all’interno della rete nazionale dei Digital Innovation Hub (DIH), avviati da talune Confindustria locali sui territori di riferimento, allo scopo di fornire un qualificato servizio di mentoring a supporto delle PMI che si avventurano lungo il tortuoso percorso dell’innovazione digitale.
Tutte queste iniziative cui ho fatto cenno dimostrano quanto sia forte la nostra convinzione che occorra puntare sulla e-leadership: per riallineare la cultura manageriale e imprenditoriale all’era del digitale servono tanto le capacità di individuare e pesare le carenze più rilevanti quanto l’offerta di percorsi di aggiornamento in grado di colmarle e far sì che i manager divengano “e-Leader”, ossia “trascinatori di innovazione”.
Stiamo dalla parte dei manager e anche delle imprese industriali: questi tasselli sono chiavi di volta per sperare in un ritorno alla crescita, tappe obbligate per modernizzare il Paese. Il beneficio è reciproco. Se è vero che Industry 4.0 rappresenta un’opportunità per i manager, contestualmente è vero anche l’inverso: i manager sono l’opportunità di cui questa trasformazione necessita.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Rinnovo cariche sociali ALDAI – Triennio 2024-2027

Introduzione ai profili e alle modalità di votazione
15 aprile 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Rinnovo del Consiglio Direttivo ALDAI 2024-2027

Di seguito i 67 profili dei candidati per il rinnovo del Consiglio Direttivo ALDAI per il triennio 2024-2027
02 aprile 2024

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023