La formazione non ha età

Dalla scuola all’università, alla formazione manageriale. Occorre un’efficace sinergia tra pubblico e privato per investire sul sapere e vincere la sfida delle nuove competenze di cui il sistema produttivo ha bisogno

Mario Cardoni 

Direttore Generale Federmanager
Il rapporto tra formazione delle competenze e occupazione non è mai stato così stretto. L’occupazione cresce in numeri assoluti, ma la richiesta di competenze da parte delle imprese resta insoddisfatta. Intervenire sul mismatch è fondamentale se è vero che un’impresa su due dichiara di non trovare i profili che cerca. Così come è essenziale insistere nella formazione continua, dato che i saperi acquisiti hanno una data di scadenza sempre più ravvicinata, diventando obsoleti di fronte ai cambiamenti di processi e mercati. È di tutta evidenza, inoltre, l’impressionante evoluzione tecnologica in atto nel sistema produttivo. L’interazione e la collaborazione tra uomo e intelligenza artificiale, solo per fare un esempio, già richiedono un patrimonio di skills che non ha precedenti. Parliamo di un tema attualissimo: la Presidente della Commissione europea, von der Leyen, nel suo discorso di settembre sullo Stato dell’Unione ha indicato proprio le competenze come una delle tre grandi “sfide economiche” dell’Ue, insieme a inflazione e semplificazione.

Noi che ci occupiamo di far crescere le competenze manageriali, abbiamo proprio di recente festeggiato il primo quarto di secolo del Fondo interprofessionale Fondirigenti.

Nel corso del convegno organizzato per l’occasione, Fondirigenti ha presentato un’indagine, in collaborazione con Data Hubs, e rivolta a circa 500 imprenditori, 500 manager e 500 cittadini, su cui è bene riflettere insieme.

Dalla survey sono emersi segnali inequivocabili: quasi la metà dei manager e degli imprenditori e quasi il 60% dei cittadini ritengono inadeguati sia il tempo sia le risorse dedicate alla formazione.

C’è “fame di sapere”, per utilizzare un’espressione forte.

Solo il 45% della popolazione e poco più di un manager su due hanno dichiarato di aver partecipato ad attività formativa nell’ultimo anno.

Eppure, una volta entrati in contatto con una formazione di qualità, i vantaggi diventano evidenti: l’83,5% degli imprenditori e dei manager e il 73,6% dei cittadini ritengono, infatti, molto o abbastanza efficace la formazione fruita.

A riprova che, se si erogano percorsi di valore, si può dare una svolta concreta alle carriere e, in ultima analisi, alle vite delle persone.

Anche perché un Paese con una popolazione poco formata è meno competitivo e più esposto a inevitabili ingerenze.

Ecco, serve un intervento di carattere complessivo sul tema, in cui vi sia una proficua sinergia tra pubblico e privato per agire sui diversi livelli in discussione. Partendo dalla scuola, che registra divari territoriali e differenze di performance inaccettabili, per arrivare poi alla formazione più evoluta, come quella universitaria in cui lo scollamento con il mondo dell’impresa è un’enorme anomalia, fino a quella manageriale. È questa la via per radicare un futuro di sviluppo per il nostro Paese, probabilmente l’unica.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017