Le chiare regole del Fasi

Tutto sulle nuove norme che regolano le iscrizioni al Fondo di assistenza sanitaria integrativa. Sia per le imprese e sia per i manager

Mario Cardoni 

Direttore Generale Federmanager
Per la sua storia di oltre 40 anni, perché si occupa di salute, perché fa della mutualità e della solidarietà intergenerazionale il suo valore aggiunto, perché è una delle maggiori realtà nel panorama dell’assistenza sanitaria integrativa a livello europeo, il Fasi rappresenta una grande ricchezza per la nostra categoria.

Per questo dedico il mio articolo alle recenti modifiche approvate dall’Assemblea del Fondo, per fare chiarezza sulle nuove regole di iscrizione, spiegare l’incremento dei contributi del 12,5% per gli iscritti e per le imprese.

Comincio dalle imprese. Dal 1° gennaio 2019 possono aderire solo quelle che iscrivono i dirigenti in servizio, perché non sarà più consentito scegliere una forma alternativa per i dirigenti attivi e “scaricare” sul Fasi i dirigenti in quiescenza, con il versamento del solo contributo previsto per la solidarietà.

Le aziende già iscritte, ma che utilizzano una forma alternativa, possono rimanere in Fasi, ma con un incremento del contributo significativo, tale da rendere più vantaggioso portare nel Fasi anche i dirigenti in servizio.
Lato dirigente, per premiare la fidelizzazione e la partecipazione alla mutualità, i pensionati possono mantenere l’iscrizione se vantano un’anzianità di adesione al Fasi, da dirigente in servizio, di almeno 10 anni.

Per godere del contributo ordinario, se il periodo tra la cessazione del rapporto di lavoro e la decorrenza della pensione è superiore a 8 anni, l’interessato deve aver mantenuto l’iscrizione al Fasi senza soluzione di continuità oppure in via convenzionale entro un anno dalla data di cessazione del rapporto.

Potranno iscriversi in qualità di pensionati, ma in via convenzionale, i manager in forza per almeno 10 anni presso aziende che utilizzano altre forme per l’assistenza, a condizione che siano già iscritte al Fasi alla data del 1° gennaio 2019.

Coloro che non matureranno i 10 anni d’anzianità di iscrizione potranno mantenere l’iscrizione al Fondo in qualità di pensionati in via convenzionale (facendosi carico anche della quota che le aziende versano per ciascun dirigente in servizio) ma solo qualora abbiano aderito al Fondo entro 6 mesi dalla data di prima nomina a dirigente industriale. Una regola molto severa per i futuri dirigenti, ma giusta e necessaria.

Data l’importanza degli effetti del nuovo impianto regolatorio, è stata prevista una finestra per i manager in attività che, pur essendo nella condizione di farlo, non si siano ancora iscritti al Fasi per consentire loro di acquisire il diritto a mantenere l’iscrizione al Fasi dopo l’accesso alla pensione, pur in via convenzionale, nel caso non dovessero raggiungere il requisito minimo di 10 anni di iscrizione al Fasi e siano trascorsi più di sei mesi dalla prima nomina a dirigente industriale.

Verranno salvaguardati infatti coloro che risulteranno iscritti al 1° aprile 2019: occorre quindi affrettarsi a inviare, entro tale data, la richiesta. È una grande opportunità da cogliere per evitare il rischio di perdere il sostegno del Fasi dopo l’ingresso in pensione.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017