Muoviamoci bene

Un efficace mobility management può contribuire allo sviluppo sostenibile delle aziende, migliorando la qualità della vita delle persone e la salute dei territori

Mario Cardoni 

Direttore Generale Federmanager
L’Unione europea ci crede e pone questo obiettivo, fortemente ambizioso, quale linea guida di quell’ampio processo che si definisce “transizione verde”.

Come è noto, in termini di impatti ambientali, le emissioni prodotte nell’ambito della mobilità occupano una quota rilevante. Per contribuire a realizzare la transizione green assistiamo a una progressiva affermazione, nel privato e nel pubblico, del cosiddetto “mobility management”, vale a dire quell’approccio manageriale che si pone il duplice obiettivo di guidare lo sviluppo sostenibile dell’organizzazione di riferimento e di migliorare la qualità della vita dei lavoratori e delle comunità interessate. Con attenzione prioritaria anche alla salute dei territori.

Ecco, quindi, che la figura del mobility manager aziendale diviene centrale per l’attuazione delle politiche Esg all’interno delle imprese.

Resa obbligatoria, per legge, nelle aziende più rilevanti in termini di numero di dipendenti e territori di operatività, questa figura dovrebbe divenire auspicabilmente obbligatoria anche per l’ampio bacino di PMI che abbiamo.
Infatti, il mobility manager non si occupa, ad esempio, solo della riduzione delle emissioni prodotte dall’azienda promuovendo l’utilizzo di veicoli ecologici e modalità di trasporto alternative, ma provvede, tra l’altro, a una riduzione complessiva dei costi di spostamento dei dipendenti e dei costi legati al ricorso ai mezzi aziendali.

Per essere davvero pronto a rivestire tali compiti, indubbiamente delicati, il mobility manager deve però possedere delle competenze specifiche, che sono oggetto di formazione e aggiornamento costante.

Su questi temi, Fondirigenti, in collaborazione con Manager Solutions e Federmanager Academy, ha promosso un’iniziativa strategica dal titolo “Spider-Manager. Competenze per una RETE di connessioni fra soggetti, problemi e soluzioni in materia di un nuovo mobility management”. Nel corso dei webinar previsti dall’iniziativa, a cui prendono parte relatori qualificati, si esplora e si costruisce insieme il profilo professionale del mobility manager, quale “professionista delle connessioni” dotato di una competenza composita, trasversale e reticolare. Una figura in grado di rappresentare un effettivo valore aggiunto per l’azienda, perché capace innanzitutto di migliorare il benessere organizzativo della realtà in cui opera, ma anche di garantire la business continuity.

Dalla lunga emergenza pandemica e dalle ricadute prodotte dai conflitti in atto, abbiamo infatti compreso quanto sia prioritario disporre di un management che consenta la continuità del lavoro e delle attività connesse all’andamento aziendale in tutti i suoi aspetti e, quindi, quanto possa essere importante avere una strategia di mobility management.

Articolo tratto da Progetto Manager
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017