Una tassa per i giganti del web e non solo

Quello sulla global minimum tax è un accordo storico, che tuttavia non realizza l’obiettivo di un’equa concorrenza fiscale. È ancora da vedere se ci saranno effetti positivi sui sistemi tributari dei vari Paesi

Direttore Generale Federmanager
Il dibattito sulla tassazione delle grandi aziende multinazionali si trascina da parecchi anni, ma la “spallata” è arrivata solo di recente, quando sono stati resi noti i dati sulla tassazione del tutto irrisoria che ha inciso sui margini cospicui realizzati dai cosiddetti “giganti del web”. È evidente che susciti scalpore - per non dire indignazione – che, su profitti di tali dimensioni che appartengono a pochi, il gettito impositivo sia prossimo allo zero, complice la più fervida creatività esercitata nel praticare tutte le forme elusive disponibili. 
L’approvazione della global minimun tax, vale a dire l’aliquota minima del 15% sui profitti dell’impresa che realizza utili superiori al 10% in un singolo Paese, è stata presentata al G20 di Venezia come «un accordo storico su un’architettura fiscale internazionale stabile ed equa». A ben vedere, non si tratta semplicemente di dare una risposta a un’esigenza, che comunque sussiste, di maggiore equità fiscale. La decisione sconta una valutazione di carattere più generale sull’ammissibilità o meno di forme di concorrenza fiscale applicate da alcuni Paesi per attrarre capitali e attività imprenditoriali dall’estero.
A tal proposito, l'accordo del G20 non abolisce la concorrenza fiscale, ma tende in qualche modo a regolarla. Soprattutto non chiarisce quando la concorrenza fiscale diventa concorrenza dannosa

Lasciare liberi gli Stati di far fluttuare le aliquote fiscali solo al di sopra di una certa soglia attenua la corsa al ribasso, ma non è una risposta esaustiva. Diverso sarebbe, invece, se preventivamente si adottasse un principio di uniformità delle basi imponibili
Resta inoltre da affrontare il tema del profit shifting, vale a dire la possibilità di spostare i profitti nei paesi a incidenza fiscale bassa o addirittura nulla, semplicemente aprendo una società e, nel caso dei “giganti del web”, persino in assenza di una stabile organizzazione o di una sede fissa, trattandosi di servizi virtuali. Una condizione di oggettivo vantaggio, che altera le dinamiche di mercato e che la global minimum tax tende solo a mitigare, senza incidere più di tanto sui risultati delle società. 
Sarà interessante vedere se e come l’approvazione di questa aliquota minima inciderà sui sistemi tributari dei vari Paesi. Dove già vige una bassa tassazione, come ad esempio in Irlanda che oggi applica sui redditi d’impresa l’aliquota del 12,5%, si tratterebbe di un incremento, modesto ma non neutrale. E non è un caso che proprio Irlanda, Estonia e Ungheria si siano espressi negativamente rispetto all’accordo che andrà ratificato il prossimo ottobre. 
Speriamo che l’obiettivo di far pagare di più le multinazionali non accenda la miccia e non sia il pretesto per far pagare più imposte a tutti i contribuenti che, nel nostro Paese, sono abbastanza pochi e già abbondantemente salassati. E questo i manager purtroppo lo sanno bene! 

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Manuela Biti Presidente ALDAI-Federmanager

Tutti i 40 consiglieri eletti del rinnovato Consiglio Direttivo ALDAI hanno partecipato il 30 giugno 2021 all'elezione del Presidente e del Tesoriere. Per la prima volta la riunione si è svolta in presenza con partecipazione di 14 consiglieri da remoto, dopo oltre un anno di riunioni esclusivamente in videoconferenza.
01 luglio 2021

Competenze per l'eccellenza

Non ci sono dubbi, le "competenze" rappresentano la chiave per lo sviluppo dell’economia della conoscenza e le dinamiche collaborative di una società moderna. Ma il termine “competenze” si presta a diverse interpretazioni che possono generare equivoci e congelare il dialogo
01 luglio 2021