Premiati i migliori 11 giovani manager lombardi 2020 nell’evento Premio Giovane Manager Semifinale Lombardia

L'8 luglio 2021 la cerimonia a Palazzo Reale a Milano

Da sinisitra: Alessio Panni, Andrea Lanuzza, Francesca Diso, Francesco Vallone, Elena Moretti, Mattia Giovanardi, Matteo Fiorentini, Alex Davide Carini, Linda Gigante, Daniele Pugliese

Sono 10 più un expatriate i manager lombardi selezionati nella Semifinale Lombardia del premio Giovane Manager edizione 2020, istituito da Federmanager e promosso dal Gruppo Giovani, che sono stati premiati ieri in una cerimonia ospitata nella Sala Conferenze di Palazzo Reale. Il progetto, giunto alla quarta edizione e quest’anno denominato «EXTRA – Excellence and Training», intende valorizzare il ruolo e il valore delle competenze manageriali under 44 ed è stato promosso da Federmanager che ha incaricato Francesca Boccia responsabile del Premio Giovane Manager area Lombardia con il supporto organizzativo ALDAI-Federmanager, l’Associazione Lombarda Dirigenti Aziende Industriali, punto di riferimento associativo territoriale aderente al sistema federale che rappresenta circa 15.000 dirigenti industriali.

 I 10 vincitori, tutti ALDAI-Federmanager, sono: Alex Davide Carini, Direttore Generale Humanitas S.Piox e Direttore Sviluppo Humanitas, Francesca Diso, Innovation beyond the core Manager, Nestlé Italiana,  Matteo Fiorentini, Head of Franchise Lung, Astrazeneca, Linda Gigante, Direttore stabilimento di Desio Adler Pelzer Group, Mattia Giovanardi, Partner Be Shaping the Future SpA, Andrea Lanuzza, Direttore Generale gestione Gruppo Cap, Elena Moretti, Country Business Unit Head Building Products Siemens S.p.A, Alessio Panni, Director of Solutions, Portfolio & Business Development Engineering D.HUB Spa, Daniele Pugliese, Product Director Divisione Frigoriferi Whirlpool EMEA, Francesco Vallone, International Business Development Manager - Bolton Group. Infine, come Expat, è stato premiato Daniele Quintarelli, Area Manager Middle East Tecnimont SpA and Managing Director Tecnimont Arabia LTD. 
 
Manuela Biti, neo-Presidente di ALDAI-Federmanager per il triennio 2021-23, ha commentato: “Sono davvero felice di iniziare il mio mandato come Presidente della più importante associazione manageriale territoriale italiana in occasione di un evento che premia proprio i migliori giovani manager della Lombardia. I giovani sono il futuro del nostro Paese e del suo sistema economico e non possiamo che guardare a loro con fiducia e rispetto. Tra l’altro, il fatto che questa premiazione avvenga anche «fisicamente» e non più solo in modo virtuale, mi riempie di ottimismo per la ripartenza del nostro sistema industriale, nel quale le aziende lombarde svolgono un ruolo trainante per tutto il Paese”.

“Oggi più che mai il successo nel business deriva da un mix di competenze e attitudini trasversali, le soft skills,ha osservato Renato Fontana,  Coordinatore nazionale Giovani Federmanager. – Le prime in quanto servono conoscenze spesso specifiche, soprattutto in ambito STEM, per gestire progetti complessi; le seconde perché l’eccellenza si raggiunge soltanto attraverso un lavoro di team che il manager deve saper coordinare e motivare, portandolo avanti con una chiara visione strategica. Gli undici premiati oggi sono un esempio virtuoso di queste capacità e qualità”.

“Stiamo uscendo dalla più grave crisi economica dal dopoguerra scontando difficoltà e inevitabili problemi, ma proprio la pandemia ha messo in luce la capacità delle nostre imprese di superare gli ostacoli grazie a progetti e investimenti importanti nella digitalizzazione e innovazione– ha commentato Ali Berri, coordinatore Gruppo Giovani di ALDAI-FedermanagerE questi giovani manager sono un esempio per tutti di come si possa operare con successo anche nelle situazioni più critiche con spirito di iniziativa, creatività, visione del futuro”.

“Milano vuole essere sempre di più luogo di formazione ed emersione di nuovi talenti – ha commentato Filippo Barberis, Presidente Gruppo Consigliare Partito Democratico del Comune di Milano, presente alla premiazione – un lavoro che è possibile portare avanti con molta più forza insieme a tante realtà associative e private che si dedicano a questo come ALDAI-Federmanager”.

L’evento ha visto anche la partecipazione di Roberto Gianola, Direttore Musicale del Teatro dell’Opera di Istanbul che ha commentato così il tema della serata legato all’eccellenza: “In ogni opera musicale, ogni elemento rappresenta un tassello fondamentale e compito del Direttore, come di un Manager, è quello di guidare, veicolare l’eccellenza per il buon funzionamento dell’orchestra come dell’impresa. Valorizzare le eccellenze è segno di miglioramento continuo”.

L’evento si è concluso con i saluti di Eros Andronaco, Vice Presidente Federmanager. Il Comitato di valutazione è costituito dal Coordinamento nazionale Giovani e dagli esperti della società specializzata Hays Italia - partner dell'iniziativa insieme ad Allianz e Manager Solutions.

Dopo le quattro semifinali - “Centro-Sud, Nord-Est, Nord-Ovest e Lombardia-, i vincitori delle tappe parteciperanno alla finale che assegnerà il premio di miglior Giovane Manager 2020.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Manuela Biti Presidente ALDAI-Federmanager

Tutti i 40 consiglieri eletti del rinnovato Consiglio Direttivo ALDAI hanno partecipato il 30 giugno 2021 all'elezione del Presidente e del Tesoriere. Per la prima volta la riunione si è svolta in presenza con partecipazione di 14 consiglieri da remoto, dopo oltre un anno di riunioni esclusivamente in videoconferenza.
01 luglio 2021

Competenze per l'eccellenza

Non ci sono dubbi, le "competenze" rappresentano la chiave per lo sviluppo dell’economia della conoscenza e le dinamiche collaborative di una società moderna. Ma il termine “competenze” si presta a diverse interpretazioni che possono generare equivoci e congelare il dialogo
01 luglio 2021