Gianluigi Viscardi riconfermato presidente Digital Innovation Hub Lombardia per il triennio 2020-23

Il digitale sempre più leva d'innovazione e sviluppo delle PMI lombarde. Conoscenza delle tecnologie abilitanti e delle realtà imprenditoriali nelle ricette e iniziative concrete per sostenere la ripresa.

Gianluigi Viscardi - Presidente Digital Innovation Hub Lombardia

Milano, 22 luglio 2020 – Oggi il Consiglio Direttivo del Digital Innovation Hub Lombardia ha confermato come Presidente Gianluigi Viscardi: il CEO di Cosberg guiderà l’organizzazione anche nel triennio 2020-23. La logica della continuità è stata seguita anche per il rinnovo dell’intero Consiglio Direttivo, con l’ingresso di tre soli nuovi consiglieri.

A conclusione del primo mandato di presidenza, Gianluigi Viscardi dichiara “in questi tre anni, con il Consiglio Direttivo, abbiamo deciso di porre al centro di tutte le attività le PMI lombarde, con l’obiettivo di accompagnarle verso il processo di trasformazione digitale. Oltre a questo, un’altra priorità che abbiamo condiviso fin dall’inizio è stato il presidio del tema digital a livello europeo, questo ci ha permesso di ottenere un importante riconoscimento: il DIH Lombardia è stato riconosciuto dalla Commissione Europea tra i 30 DIH per creare una rete per la diffusione dell’Intelligenza Artificiale nelle PMI.”

“Le prospettive per il futuro mirano ad ampliare i servizi con particolare focus sulle filiere integrate e alla costituzione degli EDIH, hub europei dell’innovazione digitale che permetteranno di offrire maggiori servizi alle imprese lombarde ed in particolare alle PMI. Il digitale è e continua ad essere un punto strategico sia per il nostro Paese che per l’Europa e noi continueremo a lavorare forti anche della partecipazione del DIH Lombardia all’interno della rete Nazionale dei DIH Confindustria. Il nostro obiettivo resta quello di rendere le imprese lombarde sempre più competitive e per raggiungerlo è necessario fare squadra con tutti gli enti che costituiscono l’ecosistema dell’innovazione in Lombardia” conclude Viscardi. 

Nei primi 3 anni più di 250 imprese hanno usufruito dei servizi erogati dal DIH Lombardia. Oltre ai servizi alle singole imprese, sono stati erogati servizi anche per le filiere con dei progetti ad hoc, un esempio è il progetto “Filiera 4.0 di ABB”. Inoltre, è stata creata una virtuosa sinergia con il Competence Center MADE di Milano, in coerenza con quanto previsto dal Piano Industria 4.0, da cui hanno avuto origine i Digital Innovation Hub e i Competence Center a livello nazionale. Centrale per le tutte le attività svolte è stato il coordinamento con le Antenne Territoriali di Confindustria Lombardia, che hanno garantito una presenza capillare su tutto il territorio regionale e, quindi, hanno permesso di portare i servizi del DIH Lombardia direttamente alle imprese. 
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il danno alla salute del dirigente per eccessivi carichi di lavoro

La possibilità per il dirigente di modulare la prestazione lavorativa anche in relazione ai carichi di lavoro e alla fruizione di ferie e riposi non esclude la responsabilità del datore di lavoro per i danni alla salute conseguenti all’attività lavorativa
01 maggio 2022

Italia a rischio povertà energetica

Articolo scritto a gennaio e diventato d'attualità con il conflitto in Ucraina, per il quale esprimo solidarietà nei confronti delle vittime e di sostegno nei principi di libertà e fratellanza fra tutti i popoli. L’importazione di petrolio, gas e di elettricità espone il Paese alla crescita dei prezzi e al rischio sostenibilità, in particolare per le imprese industriali. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dovrebbe investire in energie rinnovabili nazionali - fotovoltaico, eolico, dal mare e dal nucleare sicuro di nuova generazione - per ridurre quanto possibile la dipendenza dall’estero; senza se e senza ma.
01 marzo 2022

Basterà un GOL?

Nell'ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è previsto il finanziamento di un programma di Politiche Attive per la Garanzia Occupabilità Lavoratori (GOL). In un contesto aggravato dalle conseguenze della guerra in Ucraina, scarsità e aumento dei prezzi delle materie prime saremo in grado di far fronte al susseguirsi delle crisi?
01 maggio 2022

Conviene riscattare gli anni di Università per anticipare la pensione?

Il 24 febbraio si è tenuto un webinar con partecipazione record di centinaia di manager, sul tema "Riscatto di laurea in forma ordinaria o agevolata?"
01 aprile 2022