Greda: 40 anni di innovazione e passione nella lavorazione del legno

L’azienda specializzata nella produzione di centri di lavoro a controllo numerico di Mariano Comense guarda al futuro e ha incontrato il Digital Innovation Hub per valutare le prospettive e le opportunità della digitalizzazione

Franco Del Vecchio

Coordinatore redazione Dirigenti Industria - rivista@aldai.it
Marianna e Piero Daschini rappresentano la seconda generazione dell’azienda familiare, che gestiscono con un approccio personalizzato alle molteplici richieste di un mercato caratterizzato sempre più dalla volatilità delle tendenze.
I progetti dei centri di lavoro a CN che vengono offerti ai clienti, sono oggi corredati da file CAD e simulazioni in 3D.  Così la qualità della lavorazione Made in Italy e accessibile ai clienti di tutto il mondo.

Per rispondere tempestivamente alle diverse richieste bisogna disporre di una infrastruttura versatile e di una organizzazione dinamica capace di realizzare la qualità del mastro artigiano in pochi minuti.
Greda Sprinter

Greda Sprinter

I progressi nella digitalizzazione dei processi e delle lavorazioni offrono continue possibilità di miglioramento. Ma è necessario pianificare una strategia e una "roadmap", una serie di progetti di trasformazione digitale per conseguire la necessaria efficienza e competitività.

Per valutare in termini complessivi le aree e le opportunità offerte dalle tecnologie digitali Marianna Daschini ha richiesto, attraverso le relazioni con Confindustria Como, il supporto gratuito del Digital Innovation Hub.

In pochi giorni si è concordato l'incontro in videoconferenza con il professionista che in mezza giornata ha aiutato l'impresa a rispondere a un centinaio di domande su tutte le funzioni aziendali e dopo una quindicina di giorni l'azienda ha ricevuto un rapporto di una trentina di pagine comprendente: 
  • le valutazioni sulle tecnologie utilizzate, l'organizzazione, l'esecuzione e il controllo dei processi aziendali per le diverse funzioni;
  • i benefici della transizione digitale in termini di crescita di fatturato e riduzione dei costi per le imprese del settore;
  • le macroaree di miglioramento
  • una "roadmap" dei possibili progetti e soluzioni
Marianna Daschini CEO Greda srl

Marianna Daschini CEO Greda srl

A Marianna Daschini, Amministratore Delegato Greda srl e Vicepresidente dell'associazione costruttori macchine per la lavorazione del legno ACIMALL, ho rivolto alcune domande.

Quali aspettative hanno motivato la richiesta di assessment ?
Avevamo l’esigenza di ricevere una fotografia dell'azienda per capire quali passi fare per ogni area funzionale per puntare alla trasformazione digitale.

Le oltre cento domande del questionario sono state utili per valutare tutti gli aspetti organizzativi dell'impresa ?
Molto utili perché ci hanno portato a coinvolgere tutti i responsabili di reparto e questo confronto aperto ci ha permesso di essere più consapevoli dei nostri punti di forza e di debolezza.

Il supporto del manager ha permesso di interpretare nel modo migliore le domande e in quale altro modo è stato utile ?
Certo, in quanto ci ha facilitato la comprensione di alcuni aspetti che non erano ancora propriamente sviluppati all’interno della nostra organizzazione.

Quali informazioni ha acquisito nella giornata dedicata al test sulle prospettive di competitività dell’impresa ?
La trasformazione digitale è un’opportunità da cogliere al volo per raggiungere un vantaggio competitivo valorizzare la creatività che contraddistingue in particolar modo le piccole e medie aziende.

Il fondatore Nicola Daschini e i figli Marianna e Piero.

Il fondatore Nicola Daschini e i figli Marianna e Piero.

Come l'assessment realizzato potrà essere utile allo sviluppo dell’impresa ?
Ci siamo subito messi all’opera. Abbiamo steso un programma di trasformazione digitale ben dettagliato per le varie aree di funzioni, con step chiari da svolgere entro termini stabiliti.

La testimonianza dell'impresa evidenzia l'impegno per i prossimi 40 anni di sviluppo.

Maggiori informazioni cliccando GREDA
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023