Smart Manufacturing, una sfida da cogliere - Industry & People 4.0

La rivoluzione digitale nella manifattura è una sfida epocale che offre grandi opportunità anche ai manager esperti, che devono prepararsi ad essa. Tale rivoluzione ha ormai completamente avvolto tutti noi: nelle attività quotidiane, nella vita sociale, sempre ed ovunque tutto è “smart”, cioè efficace, efficiente, veloce, flessibile, all’avanguardia e perennemente connesso.

Il mondo del lavoro e l’industria non sono rimasti fuori da questa corrente, ed anche qui il concetto di smart si sta imponendo: da tempo si parla di smart working, e oggi va per la maggiore il concetto di smart manufacturing.
Lo smart manufacturing è apparso, in USA e Germania (qui come factory 4.0), attorno al 2011, come etichetta per progetti di politica industriale, ma nel tempo il concetto si è diffuso ed ampliato, tanto che oggi esso esprime una visione complessiva del futuro della manifattura secondo cui, grazie alle tecnologie digitali, le imprese manifatturiere aumenteranno la propria competitività ed efficienza tramite l’interconnessione e la cooperazione delle loro risorse (asset fisici, persone, informazioni), siano esse interne alla fabbrica o distribuite lungo la Value Chain. Implementare questa visione porta non solo a cambiare profondamente le modalità operative, ma di fatto va a sconvolgere gli schemi a cui siamo abituati, in quanto permette di superare alcune delle alternative classiche che hanno fin qui caratterizzato le imprese – fra economia di scala o di scopo (con lo smart manufacturing si parla invece di “mass customization”); fra orientamento alla pianificazione o
alla massimizzazione del valore aggiunto (con lo s.m. è possibile massimizzare il valore aggiunto all’interno di processi fortemente pianificati); fra business centrato sul prodotto o sul servizio (con l’approccio smart il prodotto diventa vettore di servizi a valore aggiunto che lo arricchiscono e lo differenziano, e da cui è inscindibile); fra presenza territoriale e distanze, così come fra velocità
e qualità di risultato (nel mondo smart spazi e tempi si comprimono fino ad essere irrilevanti) – e quindi impone dare un’interpretazione del tutto nuova ed originale ai modelli di business.
Per questo lo smart manufacturing è una rivoluzione profonda, che tocca tutte le imprese come organismi, e individualmente tutti coloro che nelle imprese operano, a partire dal management, che deve affrontare la grande sfida cognitiva e culturale che esso rappresenta. 
Raccogliere tale sfida significa mettere in discussione, con coraggio ed umiltà, il proprio mindset, lavorando per sviluppare quegli skills che più di tutti sono necessari nel nuovo contesto – orientamento al cliente, visione sistemica unita alla capacità di scomporre in moduli i problemi per poterli risolvere, velocità
e capacità dinamica per essere flessibili senza perdere di efficienza, capacità di gestire strutture caratterizzate da forte disintermediazione, capacità di comunicare interfunzionalmente nella nuova visione di spazio e tempo – ed accettando di confrontarsi alla pari con coloro – i “millenials” (le persone nate tra i primi anni ottanta e i primi anni duemila) – che padroneggiano con naturalezza i nuovi strumenti, ma che non hanno le conoscenze e le esperienze della realtà necessarie a far sì che tali strumenti generino risultati concreti.
Proprio nella capacità di fare sinergia fra competenze ed esperienze delle risorse senior e conoscenze delle nuove leve native digitali – per esempio attraverso i meccanismi di “reverse mentoring” che si stanno diffondendo – sta il segreto per affrontare con successo la rivoluzione dello smart manufacturing, e qui sta anche la grande opportunità per tutti coloro che tale seniority posseggono: per questo i manager devono guardare con ottimismo e coraggio a questa sfida, pronti a fare la loro parte nella fioritura del nuovo rinascimento industriale di cui tanto si sente il bisogno. 

Bruno Lodi
Temporary Manager area Direzione Generale ed Operations, partner Manager Associati
Socio ALDAI
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

Diciassette modi per andare in pensione

Le diciassette possibilità di andare in pensione sono aumentate a ventuno ed è stato pubblicato il 1° gennaio 2018 la versione aggiornata dell'articolo all'indirizzo indicato di seguito.

01 febbraio 2017

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura del comitato di redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017