Aumenta la percentuale degli italiani giovani che vanno all’estero

Gli italiani che se ne vanno all'estero non fanno notizia rispetto agli sbarchi che da anni occupano i telegiornali. Chi sono gli italiani che se ne vanno e perchè?

Franco Del Vecchio

Segretario CIDA Lombardia - lombardia@cida.it

La Fondazione Migrantes, un organismo pastorale della Conferenza Episcopale Italiana, elabora annualmente sia i dati delle persone che arrivano in Italia, sia gli iscritti all'Archivio Italiani Residenti all'Estero (AIRE).

Dai dati della Fondazione Migrantes risultano 5,2 milioni di stranieri  regolarmente residenti in Italia, pari all'8,8% della popolazione, mentre sono 5,8 milioni gli italiani residenti all'estero e iscritti all'AIRE, pari al 9,8% della popolazione.

Nel 2022 si sono iscritti all'AIRE oltre 80mila italiani, meno degli anni precedenti (in continua crescita dal 2006 con 94mila espatriati fino ai 130mila nel 2020), per poi ridursi principalmente a causa della pandemia.

Gli Italiani all'estero risiedono in: Argentina (15,6%), Germania (14%), Svizzera (11,2%), Brasile (9,1%), Francia (7,9%), Regno Unito (7,6%),  USA (5,1%) e provengono dalla Sicilia (13,9%), Lombardia (11,1%), Campania (9,3%), Veneto (8,7%) ecc.

Come indicato nel grafico, sono italiani di tutte le età: il 37% giovani fino a 34 anni, il 23% fra 35 e 49 anni e il 40% oltre 50 anni. Dal 2006 al 2022 la mobilità italiana è cresciuta dell’87% in generale, del 94,8% quella femminile, del 75,4% quella dei minori.

Negli ultimi due anni, 2021 e 2022, l'emigrazione si è ridotta, da 130mila a 80mila, e il profilo degli italiani che si sono trasferiti all'estero è notevolmente cambiato: i giovani fino a 34 anni sono percentualmente cresciuti dal 37% al 61%, mentre sono diminuiti gli over 50 scesi dal 40% a meno del 15%.

L'identikit di chi è partito nel 2021-2022

Negli ultimi due anni gli italiani all'estero sono in maggioranza giovani con meno di 34 anni (61%) e adulti fino a 49 anni (24%) per un totale dell'85%, maschi (54,7%), celibi e nubili (66,8%), provenienti dalla Lombardia (19%), Veneto (11,7%), Sicilia (9,3%), Emilia Romagna (8,3%), Piemonte (7,4%), per risiedere prevalentemente in Europa: Regno Unito (23%), Germania (14%), Francia (11,3%), Svizzera (8,9%), Spagna (5,8%) - mentre la destinazione extraeuropea preferita è il Brasile (5,4%).

Una popolazione giovane che parte e non ritorna, spinta da un tasso di occupazione dei giovani in Italia tra i 15 e i 29 anni pari, nel 2020, al 29,8% lontano dagli altri paesi europei (46,1% nel 2020 per l’UE-27). 

I giovani occupati al Nord sono il 37,8% rispetto al 30,6% del Centro e al 20,1% del Mezzogiorno. 

Al divario territoriale si aggiunge quello di genere: se i ragazzi residenti al Nord risultano i più occupati con il 42,2%, le ragazze della stessa fascia di età, ma residenti nel Mezzogiorno, non superano il 14,7%.

Il triplice rifiuto percepito dai giovani italiani – anagrafico, territoriale e di genere – li incentiva alla fuga all’estero, anche in periodo di pandemia, attratti da: retribuzioni, prospettive di carriera, contesto di fiducia e di stabilità, welfare, qualità della vita.

Il fenomeno degli italiani all'estero è preoccupante perché conferma un sistema non attrattivo per i giovani di talento, un contesto non competitivo, che impoverisce il Paese e riduce ulteriormente la natalità.


Cliccando "Incontro sugli Italiani all'estero" gli associati Federmanager iscritti alla rivista digitale possono accedere alla presentazione e all'incontro del Gruppo Progetto Innovazione del 19 aprile 2023.

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Rinnovo cariche sociali ALDAI – Triennio 2024-2027

Introduzione ai profili e alle modalità di votazione
15 aprile 2024

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Rinnovo del Consiglio Direttivo ALDAI 2024-2027

Di seguito i 67 profili dei candidati per il rinnovo del Consiglio Direttivo ALDAI per il triennio 2024-2027
02 aprile 2024