Cambia il vento

La tecnologia digitale e il lavoro su piattaforma comportano una serie di innovazioni che porteranno il lavoratore e le organizzazioni a un livello di produttività, equilibrio e sviluppo continuo delle competenze senza precedenti.

Nicolò Boggian 

Managing Partner, Black Tie Professional
Se come immaginiamo la diffusione della modalità di lavoro Smart Working e su piattaforma sarà rapidissima (Marco Bentivogli segnalava come in Cina addirittura i minatori stiano iniziando a lavorare da remoto) altrettanto importanti saranno gli impatti.

Il primo i questi  l’abbiamo già visto e constatato tutti. Molte aziende possono risparmiare fino al 20% di costi operativi legati alla presenza continua dei lavoratori presso la sede aziendale. Affitti di sedi, mense, attrezzature, trasporti, si sono rivelati molto meno indispensabili di quanto si pensasse.

Personalmente conosco molto bene questo aspetto in quanto Black Tie Professional - la società che ho fondato nel 2015 - lavora senza sede dalla sin dalla sua costituzione.

Il secondo aspetto di innovazione consente di approvvigionarsi di molto più talento “just in time”. Se, infatti, i clienti possono essere ovunque nel mondo ed è possibile collegarsi in modo istantaneo , puntuale, preciso con moltissime persone con il talento e le competenze giuste, non si vede perché i collaboratori dobbano essere rintracciati solo all’interno di un perimetro molto più limitato, magari nella stessa città in cui si ha la sede operativa.

Il terzo aspetto evidenzia come, sempre più spesso, chi lavorerà su piattaforma o in organizzazioni così strutturate sarà a stretto contatto con il cliente e svolgerà mansioni che comportano un diretto rapporto con il fatturato aziendale, potendo - in modo abbastanza autonomo - decidere di erogare nuovi servizi, ampliare quelli esistenti, cambiarne la struttura.

Vi lascio immaginare gli impatti esponenziali sulla motivazione e sulla centralità del lavoro rispetto a quello che succede a chi oggi è all’interno di processi molto distanti dal punto di “scambio del valore” con il cliente.

Il quarto punto è legato allo sviluppo delle competenze. Una struttura su piattaforma consente a moltissimi di utilizzare fonti informative, formative, supporti consulenziali, per imparare e per svolgere mansioni e attività diverse e impegnative. Lavorando su piattaforma i limiti delle attività erogabili non sono dati dalle proprie competenze, ma da quelle rintracciabili nel nostro network.

Ultimo punto riguarda come viene retribuito il lavoro. Nelle organizzazioni tradizionali lo stipendio di un lavoratore viene normalmente collegato all’orario di presenza sul posto di lavoro.
All’interno di una piattaforma, invece, il contributo di una persona sarà sempre meno collegato alle ore in ufficio, e sempre più alla capacità di incidere su più tavoli di lavoro analizzando e generando dati di valore. Le attività su piattaforma sono infatti prevalentemente linguistico performative (vedi Giovanni Mari, "Libertà nel Lavoro") il cui valore non dipende dal numero di bit ma dal tipo di informazioni.

Si pensi alla differenza tra un libro di J.K. Rowling e un volantino di un centro commerciale. La differenza nel valore non dipende semplicemente dal numero di caratteri o dal tempo impiegato a scriverlo.

Queste innovazioni sono già presenti e rapidamente si diffondono sul mercato del lavoro. Le organizzazioni e il mercato richiedono infrastrutture del tutto nuove per utilizzare il lavoro in modo efficace sia a livello individuale che collettivo.

Il mondo del lavoro sta cambiando, basta guardare il sito Digital Work City 

L’errore che hanno fatto gli amministratori di azienda almeno negli ultimi 5 anni sul tema delle sedi di lavoro (addossando quasi 20 punti di costi non indispensabili alle proprie organizzazioni) verrà moltiplicato esponenzialmente sugli altri aspetti citati qui sopra, se non sapranno modificare radicalmente la struttura della propria organizzazione.

Il limite tra quello che si può fare e quello che si fa concretamente sarà sempre più determinato dalla visione che si è in grado di avere oltre che dalla capacità di esecuzione.

Chi prima vede questi cambiamenti come sempre prima ne usufruirà dei vantaggi.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023