Curiosità e coraggio, le leve dell’innovazione

ALDAI-Federmanager incontra Laura Bruno, HR Director di Sanofi Italia, che racconta la sua esperienza e quella di un’azienda che ha saputo unire tradizione ed innovazione.

Chiara Tiraboschi 

Giornalista - Responsabile Servizio Comunicazione e Marketing ALDAI

“Il cambiamento è il processo col quale il futuro invade le nostre vite". Lo sperimentiamo a livello personale, ma non solo: questa massima del saggista statunitense Alvin Toffler ben si presta e si adatta infatti anche agli ambiti professionali.

Ne condivide appieno e ne è ferma sostenitrice Laura Bruno, associata ALDAI-Federmanager ed HR Director di Sanofi Italia e Malta, che ci ha raccontato la sua esperienza nel corso di un incontro in via Larga insieme alla Vice Presidente Silvana Menapace.
Laura Bruno

Laura Bruno

In Sanofi da sei anni e con un passato professionale legato a diverse realtà compreso quello dell’Hi-tech, Laura Bruno ha militato sempre in settori innovativi portando con sé un bagaglio di esperienze che ha messo a sistema anche all’interno di quella che oggi definisce come “un’azienda che sa unire tradizione ed innovazione” e che è attiva sul territorio con un’importante presenza industriale suddivisa in quattro stabilimenti  tra Anagni, Brindisi, Origgio e L’Aquila. 
“In Sanofi siamo in 2.500. Quello che ho appreso dall’aver cambiato molte aziende è  la capacità di adattamento, la flessibilità e il saper capire il contesto”.

Le rivoluzioni industriali che stiamo vivendo comportano cambiamenti culturali e organizzativi che inevitabilmente portano con sé problemi, ma anche grandi opportunità. Come ha reagito Sanofi nel corso degli anni ad uno scenario così dinamico che ha fortemente influenzato il modo di fare impresa e di approcciarsi al consumatore?

Silvana Menapace

Silvana Menapace

Negli ultimi anni l’azienda ha intrapreso un percorso strategico di grande cambiamento, investendo molto sui temi innovativi, sulla digitalizzazione e su una comunicazione più immediata che ha visto l’apertura di Sanofi al mercato dei social media.
Ci rivolgiamo non solo ad un pubblico storico e fidelizzato, ma anche al consumatore finale con tutti i prodotti dell’area consumer. Il risultato è che oggi Sanofi si presenta come un’azienda molto diversificata, focalizzata sul biotech pur mantenendo  la sua presenza anche nei prodotti storici del brand. Questo non può avvenire senza un grosso cambiamento culturale accompagnato dalla formazione ed azioni di change management all’interno dell’azienda.

Industria 4.0 e manager 4.0. ALDAI -Federmanager ha portato alla luce una  carenza di manager 4.0 in grado di rispondere appieno alle specifiche esigenze imposte dal processo di trasformazione in atto. Quali sono a tuo parere le caratteristiche che definiscono oggi un manager 4.0?

Il manager 4.0 così come lo definiamo noi oggi credo debba avere alcune caratteristiche che sono poi anche qualità personali, quali la curiosità intesa come predisposizione al cambiamento e apertura alle nuove tecnologie. Quest’ultimo aspetto soprattutto si sta rivelando sempre più essenziale ed è un percorso che ciascuno di noi dovrebbe fare.  
Sto inoltre verificando di persona e sulla mia esperienza come conti oggigiorno sottolineare l’integrazione dei mondi.
Mi spiego meglio: pur avendo noi come azienda una specificità settoriale, riscontriamo sempre di più una grandissima convergenza e contaminazione di mondi. Basti vedere come la parte farmaceutica medicale ormai si vada sempre di più ad integrare con quella informatica, questo fa emergere il bisogno di  saper  guardare oltre il confine del proprio settore, andare oltre per ottenere risultati sempre più soddisfacenti. 

ALDAI-Federmanager e Federmanager Minerva sono da anni molto attive nella valorizzazione di modelli manageriali femminili positivi, grazie all’iniziativa Merito e Talento. Secondo la tua esperienza esiste ancora oggi una marcata differenza di genere o stiamo facendo progressi sotto questo punto di vista?

Come azienda siamo molto proattivi e guardiamo con attenzione al tema della diversity. In Sanofi ho trovato molta sponsorship a livello di global, anche in considerazione del fatto che circa la metà del personale sono donne. Ci tengo a dire che abbiamo un Direttore di stabilimento donna che è una cosa abbastanza rara e abbiamo una buona presenza di donne anche all’interno del management. Non è comunque un tema superato questo, anzi c’è ancora tanto da fare per sensibilizzare e sensibilizzarci. Occorre un giusto bilanciamento.

ALDAI-Federmanager ha sempre un’attenzione anche ai giovani e al loro approccio al mondo del lavoro, grazie anche alle iniziative ALDAI Young dedicate ai figli e nipoti degli iscritti. Come vedi i giovani alla loro prima esperienza in azienda? Qual è il loro approccio?

L’altro tema importante che ci troviamo a gestire in azienda è quello dell’età, avendo a che fare con tre diverse generazioni a confronto. La generazione nuova rispetto a quella precedente lavora sì con efficacia, ma non ha il concetto del tempo delle otto ore in ufficio. I giovani oggi sono sempre connessi ai social, questo fa sì che siano più abituati ad una comunicazione trasversale piuttosto che ad un tipo di comunicazione top down dell’azienda.

Alla luce di queste considerazioni, cosa consiglieresti a un manager in servizio e che deve far fronte ai cambiamenti, non solo digitali, ma anche culturali che stanno investendo il mercato del lavoro?

Una cosa: rimanere al passo con i tempi da un punto di vista della tecnologia, della lingua e dell’apertura mentale, dal network  alla curiosità. È necessario  fare più esperienze nuove possibili. Io ho iniziato ad esempio ad avvicinarmi ai social con  Facebook  quattro anni fa e da li ho aperto gli altri account social poiché  ho capito che era un qualcosa di nuovo ed è importante.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Quota 100 per i manager

L’anno appena iniziato ha portato significative novità in tema di pensioni rispetto alla normativa in vigore alla fine del 2018. Alcune (la maggior parte a dire il vero) sono contenute nel decreto Legge che il Governo ha approvato il 17 gennaio sul reddito di cittadinanza e sulla cosiddetta “Quota 100”, altre. Invece, sono disciplinate dalla Legge di Bilancio per il 2019.
01 febbraio 2019

FASI Siamo Noi

Il Fondo, da sempre ispirato ai principi di mutualità e solidarietà intergenerazionale, modificherà le norme di iscrizione premiando la fedeltà degli iscritti e ricompensando il loro senso di appartenenza. Ultima chiamata: i dirigenti che ad oggi non risultano iscritti, pur avendone i requisiti, possono inoltrare l’iscrizione entro il 31.03.2019, acquisendo in questo modo il diritto al mantenimento dell’iscrizione una volta in pensione.
01 febbraio 2019

Novità FASI

Tutti insieme siamo chiamati a partecipare alla sostenibilità del Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa assicurando l'equilibrio fra i contributi e i costi crescenti delle prestazioni sanitarie.
01 febbraio 2019

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017