#Futuro, #Tecnologia, #Creatività, #Fantasia, #Curiosità: l'uomo al centro

Museo Storico Alfa Romeo di Arese. Lunedì 4 giugno 2018 alle ore 18,00 si è svolta l’Assemblea Ordinaria dei soci ALDAI introdotta, alle 15,30, dal Convegno pubblico "Il futuro che già c'è"

Ilaria Sartori

Servizio Comunicazione e Marketing ALDAI - Federmanager

Lunedì 4 giugno 2018. Assemblea Annuale ALDAI. Il Futuro che già c’è. Un tema che ha animato e attratto la curiosità degli oltre 200 ospiti presenti. A dare il benvenuto il Vicepresidente Silvana Menapace che – dopo i saluti di rito – ha consegnato le cinque borse di studio ALDAI-Federmanager ai giovani, neolaureati o studenti: 
Simone Mattia Dartizio (Politecnico di Milano), Marco Di Biase (Università Bocconi), Andrea Lippa (Università Bocconi), Alessandra Petruzzi (Università Pavia), Michele Raggi (Università Cattolica) distintisi per merito, capacità e potenziale, con l’obiettivo di incentivare la formazione di una futura classe dirigente di eccellenza. 

I cinque giovani premiati con le Borse di Studio.

I cinque giovani premiati con le Borse di Studio.

A fare gli onori di casa anche il Presidente Federmanager Stefano Cuzzilla, che ha augurato ai giovani premiati un brillante futuro e li ha invitati a entrare a far parte di una realtà che ha bisogno di freschezza e vitalità, di nuovi talenti che possano tenere alta la bandiera e far valere il proprio ruolo nella società e nell'economia. I manager quale spina dorsale del Paese, quale motore di crescita delle aziende (grandi e piccole). I manager alla vigilia di un rinnovo del contratto dove temi caldi diventano welfare, formazione, ricollocazione e retribuzione. E proprio sulle politiche attive viene ricordato 4.Manager, il nuovo ente bilaterale Federmanager-Confindustria, nato con l’obiettivo di intervenire in termini di aggiornamento e riqualificazione professionale durante il proprio percorso di carriera e non solo al termine di un contratto di lavoro. Tre temi/momenti strategici su cui il Presidente si focalizza: il Congresso, il rinnovo del contratto e l’inizio del dialogo con la compagine governativa e politica. 

Stefano Cuzzilla e Silvana Menapace.

Stefano Cuzzilla e Silvana Menapace.

Dopo i messaggi istituzionali, spazio alla creatività e all'immaginazione con Walter Rolfo, ingegnere, giornalista, autore e appassionato di pensiero illusionistico, mattatore del convegno “Il futuro che già c’è”.
La magia inizia con la presentazione e il ricordo di Jasper Maskelyne, discendente di una famosa stirpe di illusionisti, di come abbia saputo conquistare la fiducia di Churchill e aiutare gli Inglesi a ribaltare la situazione in Nord Africa nel corso della Seconda Guerra Mondiale, facendo sparire il porto di Alessandria e mettendo in scena un attacco ai Tedeschi dalla parte opposta a quella da cui realmente arrivò.
Storia e leggenda si intrecciano per dimostrare quanto la creatività e la fantasia siano necessarie per vivere, di quanto i sogni siano fondamentali per alzarsi dal letto ogni mattina, di quanto essere semplici spettatori del cambiamento non porti a nulla. E per raccontare come il “futuro” impatti sulla vita di tutti i giorni delle aziende e delle persone, quattro relatori illustri portano la loro testimonianza: Simonetta Iarlori (Chief People, Organization & Transformation Officer Leonardo), Guido Tabbia (Amministratore e Fondatore e-Gate), Giulia Rossi (Digital Solution Manager, Smart City - Enel X, Women&Technologies) e Francesco Turrini (Amministratore Delegato MAW).
Simonetta Iarlori, da ricercatrice a manager dedicata allo sviluppo delle risorse umane nella società italiana leader per le tecnologie, ritiene importante per il lavoro del team le fasi di ascolto reciproco e l’autocritica per il miglioramento continuo. L’automazione trasforma e migliora il lavoro e non possiamo arrestare il progresso scientifico e tecnologico che impone naturalmente il cambiamento, ma non sostituisce l’uomo. La curiosità e la voglia di futuro costituiscono le doti del manager impegnato nelle sfide imposte dal cambiamento continuo dei modelli di business, dei processi e delle organizzazioni.
Per Guido Tabbia il futuro non si può più prevedere perché stiamo vivendo un progressiva accelerazione nella sequenza dei cambiamenti che modificano profondamente il contesto e i tradizionali riferimenti: oggi Uber, la catena più grande di taxi al mondo non possiede nemmeno un taxi; futurologi autorevoli non credevano che i touchscreen avrebbero sostituito i tasti dei telefoni, e gli smartphone stanno sostituendo i giornali. Cinquant'anni fa si riteneva che le vendite per corrispondenza non avrebbero avuto futuro e negli ultimi anni gli acquisti on-line stanno cambiando le abitudini dei consumatori e il sistema distributivo dei prodotti e dei servizi. Il futuro già c’è e non si può fermare.
Per Giulia Rossi la sfida è utilizzare la tecnologia per migliorare la vita delle persone e la Smart City alla quale lavora è un luogo nel quale il cittadino viva meglio. Un semplice esempio è la logica alla “Pareto” per rilasciare prodotti con il 20% delle funzionalità rilevanti per l’80% dei consumatori. Secondo Giulia il lavoro manageriale si arricchisce sempre più di visione ed approccio imprenditoriale per rispondere tempestivamente ai cambiamenti di mercato.
Per Francesco Turrini il futuro è un luogo straordinario solo se si è circondati da persone straordinarie e ritiene che il capitale umano in azienda sarà determinante per il successo. Per assicurare la necessaria competitività in un contesto di continuo cambiamento è preferibile investire in persone con potenzialità e farle crescere in azienda. Per tutti i lavoratori l’apprendimento continuo non solo sarà la chiave per garantire occupazione, ma anche per costruire carriere stabili e soddisfacenti. 
Dai quattro interventi emerge chiaramente che non si può più parlare di futuro collocandolo temporalmente lontano, il futuro è qui, è oggi: la tecnologia, l’intelligenza artificiale, l’automazione non possono essere fermate. Non bisogna essere spettatori, bisogna saperle governare affinché diventino degli alleati – e non dei nemici – che semplificano e migliorano la vita di tutti i giorni. Trasformazione vuol dire cambiamento, non annullamento. La società e il mondo del lavoro stanno cambiando e per non essere lasciati ai margini e rimanere indietro è necessario evolversi, adattarsi, imparare il significato di resilienza, senza mai dimenticare che le emozioni, la creatività, la curiosità e la fantasia possono essere trovate nel cuore e nella mente delle persone.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Seminari LinkedIn d'ottobre

La presenza nella rete è ormai determinante per “esistere”, per sviluppare la propria immagine, per farsi trovare e non perdere opportunità professionali. Sei un partecipante attivo della rete LinkedIn o sei escluso dai network professionali ?
A cura della redazione 
01 ottobre 2018

Due cacciatori di teste alla sbarra

Abbiamo voluto offrire agli associati Federmanager l’opportunità di incontrare due esperti di selezione manageriale e rispondere alle domande che possano dare una svolta alla carriera.
01 novembre 2018

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017