Intervista a Marco Guazzoni Direttore Sostenibilità Vibram

La cultura della meritocrazia può aiutarci a superare le sfide nel nostro tempo.

Marco Guazzoni ricopre il ruolo di Direttore della Sostenibilità del Gruppo Vibram dopo alcuni anni come Direttore dell’Innovazione. Vibram è un’azienda familiare Italiana leader nella produzione di suole per calzature ad alta performance - presente in tutto il mondo - basata sull’innovazione, la tecnicità dei prodotti, la durata e la sostenibilità.

“Anni horribiles” è il modo in cui sono stati commentati gli ultimi anni; quali sono state le ricadute sul tuo lavoro?

Vibram ha reagito bene alle sfide di questi anni, grazie alla differenziazione di prodotto che ha permesso al consumatore di scegliere articoli di alta gamma nell’ottica di ‘chi più spende, meno spende’ riportando i risultati alla crescita pre-pandemia. 
I dirigenti di Vibram hanno vissuto le incertezze e gli accadimenti imprevedibili reagendo grazie alle competenze interne e a un’organizzazione eccellente; ciò nonostante, percepisco l’ampliarsi del gap generazionale: i giovani che arrivano con ambizioni nuove vogliono fare diverse esperienze, e non sempre le aziende capiscono come motivarli a rimanere al fine di ottenere un ritorno sull’investimento da entrambe le parti nel giusto tempo di permanenza.

Quali possono essere le minacce per l’attività del dirigente?

Nel nostro Paese c’è una ‘valutazione’ delle competenze e del merito che non è ancora al livello sperato, la preparazione dei dirigenti, nelle tante aziende che ho visto in carriera, non è sempre allineata con le responsabilità che sono loro affidate. Inoltre la riduzione di costi che le aziende affronteranno farà accorpare i ruoli e sarà necessario valutare le competenze in modo oggettivo prima di ridistribuirle. Credo la formazione del dirigente e i sistemi di misurazione sull’organizzazione possano migliorare.

I cambiamenti e le difficoltà implicano problemi, ma anche opportunità; quali sono le opportunità (se ce ne sono) per il manager d’azienda?

Il dirigente preparato e determinato potrà in futuro fare la differenza  se le aziende considereranno il merito come driver di scelta, col grande vantaggio di ridurre l’enfasi sulle tematiche della diversità, perché scegliendo per competenze andremo includeremo tutti per il loro valore.
La formazione continua e l’ascolto dei giovani senza preconcetti, credo facciano parte delle ricette del dirigente del futuro.

Quali sono le iniziative prioritarie per dare una svolta positiva per lo sviluppo economico e sociale del Paese?

Credo che l’Italia abbia delle potenzialità straordinarie e dei cittadini eccellenti, se riuscissimo a identificare le industries dove il Paese può differenziarsi e facessimo una strategia di lungo periodo per creare scuole di formazione per questi settori, dando ai giovani la fiducia che potranno lavorare bene nelle eccellenze d’Italia, avremo uno sviluppo economico molto forte e continuo nel tempo.
Auspico quindi un cambiamento culturale verso l’apprezzamento del bene comune rispetto al privato e una strategia di lungo periodo del nostro sistema Paese che valorizzi le competenze.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Rinnovo cariche sociali ALDAI – Triennio 2024-2027

Introduzione ai profili e alle modalità di votazione
15 aprile 2024

Rinnovo del Consiglio Direttivo ALDAI 2024-2027

Di seguito i 67 profili dei candidati per il rinnovo del Consiglio Direttivo ALDAI per il triennio 2024-2027
02 aprile 2024