Meritorg: misurazione del merito nelle organizzazioni

Per misurare e diffondere la cultura del merito in azienda, il Forum della Meritocrazia ha realizzato il Meritorg. Ideato dal consigliere del Forum, Giorgio Neglia, il Meritorg è il primo strumento di mappatura, monitoraggio e misurazione del Merito nelle organizzazioni private e pubbliche

Giorgio Neglia      

Manager esperto di sistemi formativi, Consigliere Forum della Meritocrazia Responsabile Meritometro e Meritorg
La cultura del merito è conosciuta e praticata in Italia meno di altri Paesi europei. Siamo infatti in fondo alla classifica europea della meritocrazia, come ci ricorda il Meritometro, il ranking del merito in Europa messo a punto dal Forum della Meritocrazia. Questa posizione, non certo invidiabile, genera un ecosistema sociale ed economico non in grado di valorizzare in modo adeguato i talenti e le energie di cui è tanto ricco il nostro Paese, con conseguenze pesanti anche in termini economici (basti pensare che, secondo recenti stime, la “fuga dei cervelli” costa all’Italia circa 14 miliardi di euro l’anno, pari a circa un punto di PIL). 

La diffusione della cultura del merito è quindi una priorità per il Paese che richiede risposte “di sistema” e la cooperazione tra attori pubblici e privati. Così, a fianco dell’azione delle istituzioni sulle condizioni normative e regolamentari “di contesto”, è fondamentale l’impegno del management per promuovere il merito nelle organizzazioni. Vale a dire nei luoghi dove priorità come le pari opportunità e la valorizzazione dei talenti e delle competenze, possono essere messe in atto in modo concreto e tangibile, dimostrando – dati alla mano – che investire nel merito “conviene a tutti”, al di là di ogni dibattito ideologico. 

Promuovere il merito ha numerosi benefici per le organizzazioni in termini di attrattività dei talenti, CSR e reputazione, ma anche in termini di contribuito all'evoluzione in chiave meritocratica, equa e trasparente del mercato del lavoro. C’è poi un altro aspetto importante, ma spesso sottovalutato, da considerare: il costo delmancato merito”, ovvero ai maggiori oneri e alle minori performance derivanti da una mancata applicazione di politiche e prassi gestionali orientate al merito nelle organizzazioni. Pensiamo all’aumento del turn-over e al peggioramento dell’engagement del personale, così come alla bassa attrattività dell’azienda per i giovani talenti e, più in generale, ai minori risultati in termini di sostenibilità e responsabilità sociale, per finire con le difficoltà competitive e di accesso ai mercati finanziari che valutano sempre più l’azienda anche in funzione della capacità di investimento sulle persone e sugli impatti generati a livello sociale.  

La principale sfida nel promuovere il merito (nelle organizzazioni) è rappresentata dall’identificazione delle diverse componenti che lo caratterizzano e dalla possibilità di misurare oggettivamente il legame tra scelte aziendali e performance meritocratiche, perché – come ci ricordano Kaplan e Norton – “Non si può gestire quello che non si può misurare e non si può misurare quello che non si può descrivere”. 

Il Forum della Meritocrazia ha messo a punto il Meritorg proprio con l’intento di supportare le organizzazioni nel far fronte a queste priorità ed esigenze. Basato sul solido impianto metodologico del Meritometro, il Meritorg è stato sviluppato seguendo un iter rigoroso, avviato nel 2018, con il contributo di un nutrito team di esperti coordinati dal Forum. La struttura del modello è stata quindi validata da ben due survey nazionali rivolte a dirigenti di aziende industriali e commerciali che si sono espressi sulla bontà degli indicatori di misurazione. Il processo si è concluso con la sperimentazione sul campo, con esiti positivi, da parte di aziende di rilevanza nazionale e internazionale quali: Acciai Speciali TerniSanofiMetropolitane MilanesiAllianz PartnersIpsen e Bon Prix

 
Il Meritorg, articolato in una serie di pilastri, indicatori e parametri, utilizza esclusivamente dati oggettivi ricavabili dai bilanci aziendali che, elaborati sulla base di uno specifico algoritmo, consentono di giungere alla valutazione complessiva del merito. 

Cinque sono ipilastri’ utilizzati per descrivere e misurare il merito nelle organizzazioni, ovvero la capacità di queste ultime di garantire: i) Pari opportunità a donne, giovani e altre categorie di lavoratori nell’accesso, nelle modalità di lavoro e nella crescita professionale; ii) Qualità e sviluppo del capitale umano, favorendo la crescita delle competenze del personale e le interazioni con il sistema dell’education; iii) Attrattività per i talenti attraverso il recruitment, percorsi di inserimento e sviluppo; iv) Performance e carriera mediane idonei meccanismi di valutazione delle prestazioni e percorsi di carriera definiti; v) Regole e trasparenza con l’esplicitazione e il rispetto di standard, procedure, regole, nonché con i comportamenti etici degli amministratori e del personale.

L’iter di valutazione, caratterizzato da una procedura rapida e flessibile in grado di adattarsi alle specifiche caratteristiche dimensionali e di settore delle organizzazioni, si articola in tre macro-fasi: la prima riguarda la raccolta dei dati utili per il self assessment, la seconda si sostanzia nell’audit da parte degli esperti del Forum, la terza porta all’elaborazione dei risultati finali, espressi in termini quantitativi e qualitativi.

Giorgio Neglia

Giorgio Neglia

La sintesi dei risultati del Meritorg è affidata ad una serie di indicatori che consentono di avere una visione d’insieme e il dettaglio delle performance attraverso un indicatore complessivo e cinque indicatori sui pilastri. Insomma, un vero e proprio “cruscotto” di dati e informazioni a supporto della gestione del merito in azienda.  

Il report finale di descrizione, commento e valutazione, ad uso del management aziendale, comprende indicazioni sui punti di forza, le aree di miglioramento e le possibili leve d’azione. I risultati sono riservati all’organizzazione che può utilizzarli per comparare l’evoluzione delle proprie performance nel tempo, monitorandone l’andamento in funzione delle iniziative adottate, ottenendo allo stesso tempo preziosi input per l’aggiornamento delle proprie strategie in “chiave meritocratica”.


Maggiori informazioni sul Meritorg sono disponibili sul sito del Forum della Meritocrazia e contattando la segreteria.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Incontro CIDA con i Candidati del Nord Ovest alle Elezioni Europee

Hanno aderito: Caterina Avanza - Azione, Vittorio Barazzotto - Stati Uniti d'Europa, Andrea Costa - Forza Italia Noi Moderati, Pietro Fiocchi/Federica Picchi - Fratelli d'Italia, Pierfrancesco Maran - Partito Democratico, Gaetano Pedullà - Movimento 5 Stelle, Isabella Tovaglieri - Lega
01 giugno 2024