La nuova GS-Fasi

La GSR Fasi è andata in pensione. Com’è noto infatti la Gestione, che erogava ai dirigenti licenziati una prestazione in denaro come sostegno al reddito, differenziata nella durata in relazione all’età del dirigente, ha cessato di esistere dal 1° gennaio 2015.

A cura del Servizio Sindacale ALDAI

Con il C.C.N.L. stipulato il 30 dicembre 2014 erano state introdotte a favore del dirigente involontariamente inoccupato nuove tutele ispirate ad una logica di welfare consistenti nella istituzione di una copertura sanitaria, di una copertura assicurativa e di iniziative di politiche attive, orientamento, formazione e placement. Ora, a seguito dell’approvazione del nuovo Statuto Fasi e del Regolamento 2. GS-Fasi entrati in vigore il 25 gennaio 2017, la new entry GS-Fasi ha iniziato a muovere i primi passi.
Indichiamo di seguito, in sintesi, i contenuti delle nuove prestazioni decorrenti dal 1° gennaio 2015.

A chi spetta
Ai dirigenti licenziati (esclusa la giusta causa ex art. 2119 Cod. Civ.) non pensionabili che:
  • non abbiano una retribuzione lorda annua onnicomprensiva superiore a euro 225.000 nell’anno antecedente a quello della risoluzione del contratto;
  • abbiano maturato una anzianità nella qualifica dirigenziale con applicazione del CCNL DAPBS non inferiore a 18 mesi, anche discontinui;
  • siano beneficiari della Naspi;
  • siano iscritti all’Agenzia del Lavoro Fondirigenti (certificato di iscrizione scaricabile dal sito www.aldai.it);
  • si impegnino ad aderire alle iniziative messe in atto da Fondirigenti ai fini della ricollocazione.

Le tutele

Le nuove tutele GS-Fasi per una durata non superiore a 12 mesi consistono in una:
  • copertura sanitaria (Fasi e Assidai); 
  • copertura assicurativa per morte e invalidità permanente per un capitale non superiore, in prima applicazione, a 100.000 euro.
Restano invece ancora da definire le iniziative di politiche attive, orientamento, formazione e placement previste dal Contratto Collettivo del 30 dicembre 2014.

Da quando

La decorrenza è fissata dal 1° giorno del mese successivo alla presentazione della domanda e comunque non prima della cessazione del rapporto di lavoro da intendersi, ove presente il preavviso, come scadenza dello stesso anche se sostituito dalla relativa indennità.

Cosa fare

Il dirigente deve inoltrare apposita domanda alla GS-Fasi (modello scaricabile dal sito www.aldai.it) entro e non oltre 68 giorni dalla data di cessazione del rapporto di lavoro da intendersi, ove presente il preavviso, come scadenza dello stesso anche se sostituito dalla relativa indennità.

ATTENZIONE 

Il mancato rispetto del termine comporterà la decadenza dal beneficio delle tutele.

Per un approfondimento della nuova disciplina GS-Fasi si rinvia a: 
  • Art. 2 lett. H Statuto Fasi; 
  • Regolamento 2. GS-Fasi;
  • Circolare Federmanager n. 2624/201;
  • gsfasi.fasi.it
Per ulteriori chiarimenti scrivere a: sindacale@aldai.it 
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Due cacciatori di teste alla sbarra

Abbiamo voluto offrire agli associati Federmanager l’opportunità di incontrare due esperti di selezione manageriale e rispondere alle domande che possano dare una svolta alla carriera.
01 novembre 2018

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Seminari LinkedIn d'ottobre

La presenza nella rete è ormai determinante per “esistere”, per sviluppare la propria immagine, per farsi trovare e non perdere opportunità professionali. Sei un partecipante attivo della rete LinkedIn o sei escluso dai network professionali ?
A cura della redazione 
01 ottobre 2018

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017