FASI Siamo Noi

Il Fondo, da sempre ispirato ai principi di mutualità e solidarietà intergenerazionale, modificherà le norme di iscrizione premiando la fedeltà degli iscritti e ricompensando il loro senso di appartenenza. Ultima chiamata: i dirigenti che ad oggi non risultano iscritti, pur avendone i requisiti, possono inoltrare l’iscrizione entro il 31.03.2019, acquisendo in questo modo il diritto al mantenimento dell’iscrizione una volta in pensione.

Marcello Garzia

Presidente Fasi
L’anno 2019 rappresenterà per il Fasi una tappa fondamentale del progetto, iniziato 41 anni fa, che ci ha visto precursori delle tutele contrattuali sulla sanità integrativa.

È importante non dimenticare che il “FASI siamo noi” e tutti insieme partecipiamo alla sua sostenibilità nel medio lungo periodo.

Con questo obiettivo ci siamo mossi e continueremo a muoverci nella direzione di aumentare la base dei nostri iscritti attivi e nello stesso tempo di “fidelizzare” i nostri associati.

Vediamo cosa cambia dal 1° gennaio 2019:

  

Aziende:

Dal 1° gennaio 2019 potranno iscriversi al Fondo esclusivamente le aziende che aderiscono al Fasi per l’assistenza dei propri dirigenti in servizio. Rimarranno comunque iscritte al Fondo le aziende che utilizzano Fondi alternativi, ma già iscritte alla data del 01.01.2019.

Dirigenti Pensionati

Potranno mantenere l’iscrizione al Fondo, in qualità di pensionati, tutti quei dirigenti che abbiano maturato una anzianità di iscrizione al Fasi, quali dirigenti in servizio, di almeno 10 anni.

Potranno altresì iscriversi, in qualità di pensionati, tutti quei dirigenti in forza per almeno 10 anni presso aziende che utilizzano altri Fondi per l’assistenza dei dirigenti in servizio, già iscritte al Fasi alla data del 01.01.2019.

Queste due categorie di dirigenti pensionati potranno accedere alla riduzione massima del contributo.

Dirigenti Pensionati Convenzionali

Potranno mantenere l’iscrizione al Fondo, in qualità di pensionati, in via convenzionale:

  • I dirigenti che non hanno maturato una anzianità di iscrizione al Fasi, in qualità di dirigenti in servizio, di almeno 10 anni, ma che hanno aderito al Fondo entro 6 mesi dalla data di prima nomina
  • I dirigenti che non hanno maturato una anzianità di iscrizione al Fasi, in qualità di dirigenti in servizio, di almeno 10 anni, ma che hanno mantenuto l’iscrizione in via convenzionale dopo la cessazione del rapporto di lavoro, per più di 8 anni.
  • I dirigenti in forza per meno di 10 anni presso aziende che utilizzano altri Fondi per l’assistenza dei dirigenti in servizio, già iscritte al Fasi alla data del 01.01.2019.
  • I dirigenti che non hanno maturato una anzianità di iscrizione al Fasi, in qualità di dirigenti in servizio, di almeno 10 anni, ma che risultano iscritti al Fondo alla data del 01.04.19

Opportunità per i Dirigenti

Tutti i dirigenti che ad oggi non risultano iscritti, pur avendone i requisiti, possono comunque inoltrare l’iscrizione entro il 31.03.2019, acquisendo in questo modo il diritto al mantenimento dell’iscrizione una volta in pensione.

I dirigenti nominati da più di sei mesi che inoltreranno la domanda successivamente alla data del 31 marzo 2019 non potranno mantenere l’iscrizione al Fondo in qualità di pensionati senza aver maturato 10 anni di iscrizione in qualità di dirigenti in servizio.

Per questo motivo il Fasi vuole dare l’opportunità a tutti i dirigenti attualmente in forza presso le aziende che utilizzano il Fasi per l’assistenza dei propri dirigenti in servizio di acquisire il diritto di mantenimento dell’iscrizione da pensionati, in via convenzionale, entro e non oltre il termine del 31 marzo 2019.

Tale opportunità non riguarda i dirigenti in forza presso aziende che utilizzano Fondi alternativi per l’assistenza dei dirigenti in servizio, la cui iscrizione è regolata da differenti norme.

Per ulteriori chiarimenti e/o approfondimenti potete rivolgervi al contact center FASI.

Cliccando di seguito è possibile scaricare il documento in formato pdf.

Fasi novita statuto 2019

fasi-novita-statuto-2019.pdf

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023