Le polizze assicurative a tutela della persona e della famiglia

La Tutela Assicurativa della persona sta al patrimonio familiare come le fondamenta stanno a un edificio.

Figura 1 - Piramide dei bisogni

Pasquale Ceruzzi

Socio ALDAI-Federmanager, pacer263@gmail.com 
I bisogni della vita possono essere realizzati attraverso un Reddito che si ripartisce in Consumo e Risparmio. Alcuni eventi (dannosi) e di incerto accadimento possono però buttare tutto all’aria. Questo si chiama Rischio.  Il Rischio si può evitare, depotenziare o trasferire mediante una polizza assicurativa.
Nella mia attività ho spesso incontrato professionisti estremamente validi in grado di fondere in una persona qualità umane, competenze e intensità produttive uniche. Queste persone hanno sempre suscitato in me un sentimento di ammirazione che in qualche occasione si trasformava però in stupore quando chiedevo perché profondessero così tante energie nel lavoro. Le risposte, perlopiù poco chiare, erano collegabili alla piramide di Maslow e, nello specifico, al soddisfacimento dei Bisogni Primari, Sociali e del Se’ di un individuo.   
Figura 2

Figura 2

Queste persone, poi, non erano consapevoli del loro tempo in divenire (Chronos), non valutavano gli eventi della vita (Kairos) e soprattutto mancava in loro una visione integrata dei due (Chronos e Kairos) secondo il concetto di ciclo di vita teorizzato dal premio Nobel per l’Economia Franco Modigliani (Life-cycle Theory). Oltre ai Bisogni Primari che risultavano chiaramente distinguibili come alimentazione, riscaldamento, domus, lavoravano per ottenere Stima e Autorealizzazione.

Percepivano stipendi apprezzabili che nella maggior parte dei casi spendevano solo in parte (Consumo) e ne destinavano un’altra al cosiddetto Risparmio. Alla domanda perché risparmiavano, la loro risposta, spesso timida, si esplicava nella frase “per futuri imprevisti negativi (rischi) e per quando andrò in pensione”.  Risposte corrette ma generiche rispetto ai rischi principali della vita:
  • Invalidità da infortunio o malattia
  • Premorienza 
  • Grandi spese sanitarie
  • Danni patrimoniali connessi a furto o incendio
  • Responsabilità civile connessa ai fatti della vita
  • Perdita del posto di lavoro
  • Pensione Integrativa 
  • Perdita di autosufficienza
Figura 3

Figura 3

Ogni persona è esposta ai rischi di cui sopra e questi hanno un impatto economico sulla propria vita e su quella della propria famiglia. Pertanto, è necessario definire una strategia in termini di RISK MANAGEMENT:
  1. individuazione e quantificazione dei rischi che si corrono, a livello personale e familiare;
  2. valutazione dell’impatto economico dei rischi sul proprio patrimonio;
  3. la selezione dei rischi che vanno prioritariamente trasferiti a una collettività, essendo inefficace assumerli su sé stessi (Polizza Assicurativa);
  4. la selezione dei rischi dei quali si vuole ridurre l’impatto e l’implicazione economica;
  5. selezione delle modalità più efficaci ed efficienti per ottenere la stabilità economica attuale e futura.
Un altro fattore di sorpresa risultava, poi, la percezione dei patrimoni che dipendevano da loro e che necessitavano di protezione per bisogni e imprevisti della vita. Nelle loro risposte immediate, il patrimonio finanziario era quello più principale e rimanevano sorpresi quando, con un esempio, dimostravo che quello era invece il meno importante.

Caso: Persona adulta di 35 anni, dipendente, con appartamento di proprietà acquistato con mutuo con ammortamento in corso, moglie e 1 figlio a carico:
  1. Capitale Finanziario (conto corrente + investimenti): 37.328 € 
  2. Capitale Immobiliare (valore commerciale dell’appartamento): 250.000 €
  3. Capitale Umano (Reddito Netto x numero di anni mancanti all’età pensionistica/fattore di rischio + attualizzazione): 35.000x32/2,7 = 413.000 €
Quindi, il Capitale Umano è quasi sempre la componente patrimoniale più importante sia per il portatore di reddito sia per la sua famiglia. Questo capitale, in caso di premorienza o di invalidità, non sarebbe percepito e non provvederebbe ai bisogni vitali personali e familiari. Poiché la probabilità di accadimento di tali eventi è bassa, ma il valore del danno se avvenisse sarebbe invece enorme, questi sono rischi da trasferire ad una compagnia di assicurazioni mediante un contratto.  Altri rischi assicurabili (trasferibili) sono quelli elencati per punti sopra in quanto Il valore/danno assicurato è elevato ma la probabilità di accadimento bassa e pagando un premio contenuto ad una compagnia di assicurazione ci si leva la preoccupazione.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Videoconferenza ZOOM

Le restrizioni agli incontri per evitare il contagio coronavirus impongono soluzioni alternative per evitare la paralisi delle attività. È l'occasione per scoprire le soluzioni Smart Working: per lavorare in team, realizzare riunioni, partecipare ai seminari, sempre a distanza. Sono numerose e gratuite le soluzioni per videoconferenza, dalle più diffuse come Skype alle più professionali come ZOOM che ALDAI-Federmanager utilizza da due anni per favorire la partecipazione gratuita agli incontri milanesi senza muovere un passo.
A cura della redazione 
01 aprile 2020

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Tavola Rotonda sulla Meritocrazia

Le competenze e la meritocrazia sono determinanti per la ripresa del Paese. È il risultato delle indagini e dei commenti della Tavola Rotonda. La registrazione dell'evento è accessibile cliccando il video.
01 luglio 2020

World Class Manufacturing e Industria 4.0 alla base della ripresa del Gruppo FCA

Il termine (WCM) o produzione di classe mondiale, che qualifica alcuni tra i più importanti costruttori di beni e servizi mondiali, fu coniato dallo studioso americano Richard Schonberger negli anni Ottanta, per definire l’insieme di metodologie di ottimizzazione della produzione adottate dalle migliori industrie giapponesi.
01 ottobre 2017

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017