Il CCNL Federmanager-Confapi gioca al rialzo

Tante le novità del rinnovo contrattuale per dirigenti, quadri superiori e professional delle Pmi produttrici di beni e servizi.

Direttore Generale Federmanager
La contrattazione collettiva è il campo elettivo per chi, come noi, crede nel valore delle relazioni industriali: quando sono orientate a migliorare le condizioni di lavoro, abbandonano la logica di contrapposizione in favore di una dinamica vantaggiosa per tutti. Sono state perfezionate, così, le regole del rapporto di lavoro per i dirigenti delle Pmi. È accaduto lo scorso 17 dicembre, con la firma dell’accordo di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per dirigenti, quadri superiori e professional delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi rappresentate da Confapi. L’accordo, in vigore per il triennio 2020-2023, garantisce un’efficace tutela ai lavoratori interessati e presenta diverse novità di rilievo.

Una su tutte: aumenta il minimo contrattuale previsto per i dirigenti, che arriverà fino a 74 mila euro lordi annui nel 2023, demarcando un significativo +4% rispetto alla retribuzione minima attuale. Un risultato importante, con riflessi anche sulla retribuzione dei quadri superiori, per i quali, già dal 2020, la soglia minima passa da 45 mila a 47 mila euro lordi annui.

Per rispondere a tutte le evenienze riguardanti il rapporto lavorativo, abbiamo rimodulato la griglia della mensilità di preavviso e di quelle aggiuntive in caso di licenziamento ingiustificato, in analogia con la contrattualistica vigente in altri settori.
In tema di previdenza complementare, il massimale contributivo al Fondo Previndapi passa a 180 mila euro rispetto agli attuali 150; in tema di sanità integrativa è stata estesa fino al 2023 la convenzione tra il Fondo Fasdapi e Assidai. Quest’ultimo garantirà, fino al 31 dicembre 2023, le coperture sanitarie integrative previste dal Ccnl per dirigenti, quadri superiori, amministratori e/o titolari di Pmi e professional.

Siamo intervenuti anche su casi particolarmente delicati come quelli di morte e invalidità permanente. Due fattispecie che, in considerazione degli interessi da tutelare, vedono un aumento del massimale assicurativo che passa da 220 a 300 mila euro.

Altra grande novità l’attenzione specifica dedicata alle donne, con l’inserimento di due articoli riservati a pari opportunità e genitorialità: l’Osservatorio contrattuale, nato all’interno della Fondazione IDI, si occuperà di recepire e diffondere le best practice dei diversi contesti aziendali, con l’obiettivo di eliminare il gender pay gap, ossia l’iniquo divario retributivo tra uomo e donna, e valorizzare la funzione genitoriale. A questi interventi si somma l’impegno di Federmanager e Confapi per le politiche attive del lavoro. A partire da gennaio 2020, infatti, i manager e le aziende aderenti al Fondo Pmi Welfare manager possono beneficiare di una dotazione finanziaria aggiuntiva per supportare i processi di trasformazione digitale e la diffusione della figura dell’Innovation manager. Aver previsto soluzioni su tematiche di grande attualità come queste è un’ulteriore manifestazione dei buoni effetti della negoziazione in cui le parti sanno giocare al rialzo.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023