Occupazione giovanile

La Commissione Europea ha pubblicato i dati sull'occupazione e sugli sviluppi sociali (Esde) e, nonostante i segnali di ripresa, l’Italia figura fra i fanalini di coda.

A cura della redazione Dirigenti Industria 

In Europa 234,2 milioni di persone hanno un lavoro, pari a quasi al 72% della popolazione, mentre in Italia il tasso di occupazione è al 57,7%, fra i peggiori insieme alla Grecia e alla Turchia.
Con il 19,9% l'Italia conferma il poco invidiabile record di Paese con il maggior numero di «Neet», i giovani tra i 15 e i 24 anni che non hanno lavoro e nemmeno lo cercano, rispetto alla media europea del 11,5%. Anche il trend del numero di persone che vivono in povertà è aumentato al 11,9%, fra gli unici casi in Europa insieme all’Estonia e alla Romania.
I dati allarmanti sono riportati dai quotidiani che tornano sul problema dell’occupazione dei giovani fra 15 e 24 anni al 37,8% nel 2016 che, sebbene in calo rispetto al 40,3 del 2015, ci pone fra i peggiori Paesi Europei insieme alla Grecia al 47,3% e alla Spagna al 44,4%. 
I dati sulla disoccupazione giovanile devono pero tener conto che la maggioranza dei giovani studia in quella fascia d’età e, come documentato nel libro “L’inganno generazionale”, una più attenta analisi mette in evidenza che i giovani nella fascia d’età fra i 15 e i 24 anni, si riducono al 10,1% del totale della popolazione dei giovani, una percentuale sempre elevata, ma inferiore ai meno giovani disoccupati fra i 25 e i 34 anni. La disoccupazione in Italia è un problema per tutte le fasce d’età, con diverse ripercussioni e ricadute sociali. I giovani parcheggiati rischiano di perdere il treno del lavoro, mentre gli over 35 non hanno le risorse per creare famiglia e contribuire alla demografia del Paese, così come i disoccupati over 50 non hanno i mezzi per mantenere le famiglie. Per maggiori informazioni clicca il titolo dell’articolo “Convegno sull’inganno generazionale” pubblicato da Dirigenti Industria.
La criticità del lavoro è provata anche dal fatto che solo metà degli Italiani contribuisce al gettito IRPEF, come descritto nell’articolo “L’IRPEF penalizza i manager e il sommerso mette a rischio il welfare di tutti”; una situazione non sostenibile in prospettiva e che impone un concreto impegno per creare più lavoro per tutte le persone di buona volontà.
Il problema del lavoro non riguarda infatti solo i giovani. I 15 punti percentuali di occupazione italiana inferiore alla media Europea evidenziano un problema strutturale che non si può risolvere con incentivi temporanei e “ad personam”. Bisogna allineare il sistema ai Paesi Europei virtuosi, creando le condizioni per favorire il lavoro per tutte le fasce d’età, rendendo più competitivo il sistema Paese: meno evasione, meno sprechi, meno debito pubblico, come proposto nell’articolo “Aumentare il debito pubblico a carico dei giovani non è da padre di famiglia”. Insomma più efficienza e aumento della produttività per allinearci ai Paesi europei.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Polizza assicurativa in favore del dirigente

Riportiamo una nota a sentenza di Alberto Sbarra in merito ad una pronuncia del Tribunale di Milano sulla polizza assicurativa in favore dei dirigenti. La sentenza, per chi avesse interesse a consultarla, è reperibile presso il Servizio Sindacale ALDAI oppure nella rivista Dirigenti Industria digitale.
01 marzo 2017

CCNL Dirigenti Industria 2019-2023

Testo dell'accordo riservato ai lettori Dirigenti Industria registrati.
01 agosto 2019

DIRIGENTI INDUSTRIA - Profilo della rivista cartacea e digitale

Mensile con tiratura di 18 mila copie, di almeno 64 pagine, consegnata a domicilio dei 15 mila dirigenti e quadri dell’associazione ALDAI Federmanager, agli abbonati in tutta Italia, alle 57 sedi territoriali Federmanager, agli enti sanitari e previdenziali, alle istituzioni e associazioni di categoria. Oltre 300mila gli utenti unici dell’edizione digitale.
01 ottobre 2019