Part-time agevolato per i lavoratori anziani

Con il Decreto Ministeriale del 7 aprile 2016 è stato introdotto il “part-time agevolato per i lavoratori anziani” in attuazione a quanto previsto dalla L. 208/2015, c.d. Legge di Stabilità 2016.

Lorenzo Peretto  

Servizio Sindacale ALDAI

Tale novità consente di trasformare il rapporto di lavoro da full a part time, di percepire in busta paga la quota di contributi che il datore risparmia per effetto della riduzione di orario di lavoro e, soprattutto, di non pregiudicare, all’atto del pensionamento, il trattamento previdenziale che si sarebbe percepito se il rapporto di lavoro fosse proseguito a tempo pieno.

Requisiti 

Il part-time agevolato è utilizzabile solo dai lavoratori subordinati del settore privato. Non possono avvalersi invece i titolari di contratti di collaborazione, lavoratori intermittenti, a domicilio ecc.
Inoltre è necessario che, entro il 31 dicembre 2018, si maturi il diritto alla pensione di vecchiaia (vale in sostanza per tutti coloro che sono nati entro il 31 maggio del 1952) e che si sia già titolari dei requisiti contributivi minimi per la prestazione di vecchiaia (20 anni di versamenti contributivi ridotti a 15 per coloro che hanno raggiunto il requisito entro il 1992 o che entro tale data fossero stati autorizzati ai versamenti volontari). Nel caso in cui il lavoratore rientri nel sistema contributivo puro (nessun contributo versato prima del
1º gennaio 1996) è necessario altresì aver maturato un importo di pensione mensile pari, ad almeno 1,5 volte l’assegno sociale, ovvero ad euro 672,105.
Può avvalersi del part-time agevolato anche chi è titolare di altro trattamento pensionistico o abbia già raggiunto i requisiti contributivi per il percepimento della pensione anticipata.
È necessario evidenziare che per mantenere il diritto a godere di tale beneficio non si devono più effettuare versamenti contributivi.

Effetti

Durante il periodo di “part-time agevolato” il dipendente percepisce, in aggiunta alla retribuzione proporzionalmente ridotta per effetto del part-time (riduzione che non deve essere inferiore al 40% e superiore al 60%), la contribuzione risparmiata dall’azienda per effetto della decurtazione.
Tale importo non concorre alla formazione del reddito da lavoro dipendente e non è assoggettato a contribuzione previdenziale.
In pratica chi, ad esempio, riduce il suo orario di lavoro al 50%, incasserà mensilmente il 50% dello stipendio più il 23,81% della quota di retribuzione non percepita per effetto del part-time.
Per effetto poi della contribuzione figurativa riconosciuta dallo Stato per la prestazione lavorativa non prestata, l’importo della pensione maturato alla fine del periodo concordato sarà il medesimo che si avrebbe avuto proseguendo a tempo pieno.

Durata

La durata del beneficio non può superare la data di compimento dell’età per la pensione di vecchiaia; qualora il rapporto di lavoro dovesse proseguire oltre tale data si decadrà dalle agevolazioni previste dalla legge.

Modalità attuative

Innanzitutto il lavoratore dovrà richiedere all’Inps la certificazione attestante il possesso dei requisiti minimi di contribuzione per il diritto alla pensione di vecchiaia nonché il perfezionamento del requisito anagrafico entro il 31 dicembre 2018.
Quindi le parti del rapporto di lavoro dovranno stipulare un accordo, avente per oggetto la trasformazione del rapporto in “part-time agevolato”, da trasmettere alla Direzione Territoriale del Lavoro competente per il rilascio del placet. Una volta ottenuto questo nulla osta, il datore di lavoro dovrà presentare all’Inps l’autorizzazione per il beneficio i cui effetti decorreranno dal primo giorno del mese successivo a quello in cui la domanda verrà accolta.
Per maggiori informazioni si rinvia alla Circolare Inps n. 90 del 26 maggio 2016. 
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Gli errori da evitare dopo l’assunzione

Tanto impegno nella ricerca di un nuovo lavoro rischia di essere vanificato da errori banali per mancanza d’esperienza. Nel seminario accessibile anche in diretta streaming, realizzato martedì 26 giugno alle 17:30, abbiamo condiviso come stabilire subito relazioni efficaci e superare il periodo di prova.
26 giugno 2018

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Le 10 competenze più richieste

Il World Economi Forum ha indicato le dieci più importanti competenze per il lavoro nel 2020. Leggendo questa breve sintesi potrai confrontare la tua preparazione per le prospettive di lavoro.
A cura della redazione 
01 luglio 2018

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017