Risalgono i contagi

Le vaccinazioni hanno ridotto i decessi, ma non hanno estinto l'epidemia che minaccia le festività Natalizie con una quarta ondata. Questa volta non ci faremo prendere di sorpresa, ma abbiamo veramente imparato a convivere con i virus?


Franco Del Vecchio

Coordinatore comitato di redazione Dirigenti Industria – rivista@aldai.it

A molti il virus ha cambiato la vita, per i decessi e le conseguenze del contagio, ma anche per i nuovi stili di vita e lo svolgimento delle attività lavorative in Smart Working che hanno modificato in modo irreversibile il modo di vivere e lavorare.

Un giovane trentenne inizialmente costretto dall'impresa a lavorare fino a 4 giorni alla settimana nei periodi di maggiore diffusione del virus, ha trovato un nuovo lavoro senza nemmeno un colloquio in presenza. Ha gestito tutte le pratiche per l'assunzione a distanza e dopo due mesi non ha ancora visitato la sede della società nel centro di Milano a 30 minuti da casa, diventata permanente sede di lavoro.

La necessità di distanziamento per far fronte alla pandemia ha dimostrato che si ottengono risultati migliori a distanza: minori perdite di tempo e costi per i viaggi casa-lavoro; minori costi delle aziende per costosi uffici, e migliori risultati.

Nonostante i "bla, bla" sulle iniziative "Green" per la salvaguardia dell'ambiente, negli ultimi due anni la pandemia ha inciso concretamente nella riduzione di combustibili per il trasporto privato e pubblico per il pendolarismo casa-ufficio.

Per gli evidenti vantaggi per i lavoratori, soprattutto quelli dell'economia della conoscenza, per i benefici a favore delle imprese, dell'ambiente e della collettività, i cambiamenti imposti dalla pandemia diventeranno irreversibili.

Ma se ci siamo ormai abituati al nuovo modo di vivere e lavorare, non siamo altrettanto certi di aver preso le misure al virus, che continua a mutare vanificando le certezze sulla durata delle difese e imponendo terze dosi e nuovi studi.

Insomma, come sempre accade, c'è chi ritiene che il peggio sia passato e chi teme nuove ondate.

E tu cosa pensi? Abbiamo imparato a convivere con i virus, oppure no?

Clicca e partecipa in modo anonimo al Sondaggio Flash e potrai vedere subito, in prima pagina, il risultato dell'indagine con i lettori.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Per oggi e per domani

Per risolvere il rebus pensioni serve un impegno complessivo: dalle istituzioni ai privati, tutti sono chiamati a fare la propria parte. Più equità e adeguate tutele per chi, come i manager, lavora e contribuisce alla crescita del Paese.
01 marzo 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Un 2024 ricco di novità

Nuovi rimborsi e maggiori tutele per la non autosufficienza
01 marzo 2024

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023