La sanità 4.0 direttamente a casa tua

Le tecnologie digitali spaziano dall’industria, ai servizi, … alla sanità, migliorando la qualità della vita.

La rivoluzione digitale sta influenzando le metodiche di assistenza sanitaria a cui eravamo abituati, tanto che si potrebbe parlare di telemedicina.

Marcello Garzia

Designato alla presidenza FASI

Al passo con il progetto “connected care”, i giovani di oggi indossano braccialetti e orologi intelligenti capaci, tra gli altri, di monitorare il sonno, le abitudini alimentari e il battito cardiaco.
Un boom di vendite che, entro il 2020, secondo diversi studi, potrebbe valere ben 59 milioni di dollari. Dietro l’utilizzo di questi dispositivi elettronici si legge la volontà, degli under 35, di prendersi cura di sé in modo attivo.
Dalle analisi è anche emerso che la maggior parte dei giovani non si reca personalmente dal medico legale, ma lo raggiunge tramite dispositivi di messaggistiche. L’83% dei pazienti utilizza l’email, il 70% gli sms, il 53% WhatsApp. In un certo senso stanno cambiando le dinamiche del paradigma della salute del futuro, abbattendo le frontiere tra medico e paziente, ma anche tra salute e consumatori. Grazie ai nuovi dispositivi, l’ospedale del futuro sarà in buona parte composto di aggregazione, archiviazione e analisi di dati che permetteranno di monitorare persone in salute e gestire chi è affetto da patologie.
Questa nuova filosofia entra a casa delle persone, ottimizzandone il tempo e le spese dei controlli. Una tecnologia che non si sofferma solo agli apparecchi da polso ma che si evolve verso dispositivi intelligenti che aiuteranno le persone ad essere sempre più attente alla loro salute.
Anche il Fasi è da tempo attento alle nuove tecnologie e ne sta per introdurre diverse all’avanguardia nell’ottica di fornire sempre più servizi ai propri assistiti.
Al processo di dematerializzazione, iniziato ormai da qualche anno, faranno seguito diverse attività improntate sul digitale tra le quali il lancio di una nuova App e di un’area riservata sempre più semplice da utilizzare.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023