L’impegno per il Paese ha contrassegnato l’Assemblea Federmanager

Interventi istituzionali e politici hanno riconosciuto il valore della cultura manageriale e l’impegno per il futuro del Paese in prospettiva europea.

A cura della redazione
Antonio Tajani, Presidente del Parlamento europeo, riconoscendo il ruolo determinante del tessuto industriale dei manager e della classe industriale nel sostenere l’economia dell’Italia nel periodo di crisi, evitando la fine della Grecia. 

L’auspicio è un maggiore impegno dei manager nella vita pubblica del Paese per dare maggiore “peso” alle competenze e alla meritocrazia e puntare sulla crescita e l’occupazione, riducendo il carico fiscale e migliorando le infrastrutture.


Cliccando il video di seguito è possibile rivedere l'intero intervento.

Il Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta Riccardo Fraccaro ha iniziato l’intervento ricordando le parole di Indro Montanelli “Se mi chiedi quale sarà il domani degli italiani, forse sarà brillantissimo, ma non per l’Italia” e l’impegno affinché tale profezia non si avveri, nonostante le difficoltà del contesto e delle crisi. Le leve per superare le sfide risiedono nelle opportunità di internazionalizzazione e nelle competenze manageriali necessarie allo sviluppo delle PMI che potranno beneficiare del contributo di 40 mila euro per i servizi degli innovation manager.

Cliccando il video di seguito è possibile rivedere l'intero intervento.
Il Presidente della Commissione del Parlamento Europeo dei problemi economici e monetari Roberto Gualtieri ha sottolineato la crescente centralità e responsabilità delle funzioni manageriali per superare le sfide e la necessità che Federmanager si misuri con i grandi temi dello sviluppo del paese mettendo, come dichiarato del Presidente Cuzzilla, al centro la dimensione europea, perché non c’è futuro e sviluppo per l’Italia fuori dal processo di integrazione europeo. Le recenti previsioni economiche della Commissione Europea hanno indicato un preoccupante rallentamento dell’area Euro che sconta incertezze del quadro internazionale con l’Italia “al palo”. Il Pil cala, il debito e il deficit salgono e l’Italia è l’unico paese europeo con segno negativo per gli investimenti. Dobbiamo impegnarci per rafforzare e difendere l’interesse nazionale all’interno dell’Unione Europea e non facendoci mettere in minoranza e far decidere gli altri.

Clicca per vedere e leggere gli altri interventi:



Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nel pieno del rinnovo contrattuale

Come procede il dialogo Confindustria Federmanager per regolare il rapporto di lavoro riconoscendo il merito dei dirigenti?
01 giugno 2019

Verso il rinnovo contrattuale

Come si prefigura la strategia negoziale
01 marzo 2019

Firmato il Decreto MISE Innovation Manager

In occasione dell'Assemblea Federmanager 10 maggio 2019 il Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta nel Governo, Riccardo Fraccaro, ha confermato la firma del Decreto direttoriale per l'aggiornamento dell'Albo degli esperti in innovazione i cui servizi saranno finanziabili con il Voucher Innovation Manager.
01 giugno 2019

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017