IWS: un nuovo progetto per la sanità integrativa

Industria Welfare Salute (IWS), nasce per rispondere alle necessità crescenti dei Fondi di sanità integrativa esistenti in Italia, per offrire servizi più veloci, efficaci ed efficienti ai manager e alle imprese.

Marcello Garzia

Presidente Fasi
Costituita dalla collaborazione di tre soggetti: Confindustria, Federmanager e Fasi, IWS fornisce soluzioni innovative e qualitative capaci di dare risposte alle esigenze di un Paese come il nostro caratterizzato da un preoccupante calo demografico e da una aspettativa di vita tra le più alte al mondo. 

In questo scenario con il quale dobbiamo fare i conti, il tema della salute diventa sempre più centrale per  i bisogni dei cittadini. IWS opererà, dunque, in un settore come quello sanitario in forte espansione in cui è forte l’innovazione tecnologica e l’avanzare della ricerca, per cui diventa imperativo esserci e offrire soluzioni d'avanguardia. In questo senso il patrimonio accumulato dal Fasi in oltre quarant’anni di vita, costituirà un imprescindibile know-how in termini di conoscenza e rapporti. 

Il Fasi, infatti, come sanno bene i nostri iscritti, ha un ottimo rapporto con le strutture sanitarie operanti in Italia, pubbliche e private, i professionisti e i medici convenzionati. Una rete di grande valore che, se opportunamente utilizzata, garantirà la più alta qualità possibile delle prestazioni sanitarie ad un costo competitivo. Inoltre la collaborazione tra i soci fondatori consentirà di ampliare e finalizzare il già cospicuo patrimonio tecnologico in nostro possesso, attraverso le opportunità che si aprono con l’ingresso massiccio in campo sanitaria della “data science” e dell’intelligenza artificiale.

IWS interverrà sull’analisi della spesa sanitaria, andando a coprire in modo mirato e a costi contenuti, i bisogni sanitari e di assistenza degli iscritti. Per dirla in altri termini, IWS rappresenta l’unico “hub” esistente della sanità integrativa, di matrice non assicurativa, a supporto di fondi, casse. Essa potrà stringere rapporti con tutti gli stakeholder del settore, creando un modello di welfare integrativo efficace ed efficiente, ma anche di supporto a Federmanager e Confindustria per lo sviluppo di soluzioni contrattuali nell’interesse di manager e imprese.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023