Digital Innovation Hub: riferimento delle imprese per le opportunità di trasformazione digitale

Nuovi modelli di business e di gestione dei processi per la competitività dell’impresa diventano determinanti per far fronte al contesto che seguirà la pandemia Coronavirus. La trasformazione digitale rappresenta un passaggio obbligato per la ripresa e Dirigenti Industria intervista il Presidente DIH Lombardia, Gianluigi Viscardi, sulle attività per la regione più colpita.

Quali attività di sostegno alle PMI sta realizzando DIH Lombardia? 

Dal 2018, il DIH Lombardia supporta le aziende sul territorio lombardo nel processo di trasformazione digitale. È uno dei soggetti che compone l’Ecosistema dell’Innovazione e offre servizi gratuiti alle singole imprese e alle filiere per valutare il livello di maturità digitale, base per tracciare la strategia di investimento in digitalizzazione e migliorare le proprie performance. 

Il DIH Lombardia, inoltre, fa parte dei 30 DIH, riconosciuti dalla Commissione Europea, che compongono il network europeo specializzato in Intelligenza Artificiale. Il progetto prevede la definizione di un modello di ingaggio delle imprese e di cooperazione tra i DIH all’interno dell’Unione Europea, per facilitare l’implementazione e il trasferimento di soluzioni di Intelligenza Artificiale nelle PMI. Questo permette di offrire servizi aggiornati e di alto livello alle aziende nel territorio lombardo e di essere un punto di riferimento nel panorama europeo per l’Intelligenza Artificiale, con possibilità di scambio di best practises e di cooperazione in ambito europeo.    

Quante PMI hanno finora partecipato al progetto, e qual è il loro profilo?

Ad oggi, 258 imprese hanno beneficiato dei servizi del DIH Lombardia. Principalmente sono PMI e i loro profili sono molto diversificati, comprendono settori tra i quali l’agroalimentare, chimico e farmaceutico, elettromeccanico e elettronico. 

Quali aspetti del servizio hanno maggiormente apprezzato le PMI ?

Gianluigi Viscardi - Presidente DIH Lombardia

Gianluigi Viscardi - Presidente DIH Lombardia

 Le PMI apprezzano in particolar modo le attività di assessment, ovvero l’analisi della valutazione della maturità digitale, che il DIH Lombardia eroga gratuitamente alle aziende. È uno strumento elaborato in collaborazione con il Politecnico di Milano. Nella valutazione, vengono analizzate 4 dimensioni, quali l’organizzazione, l’esecuzione, il monitoraggio e il controllo. Queste quattro dimensioni sono poi ulteriormente analizzate nei macroprocessi che compongono la value chain di un’impresa, ovvero ricerca e sviluppo, produzione, qualità, supply chain, logistica, marketing, vendite e customer care, risorse umane. Il servizio del DIH Lombardia prevede che le aziende siano assistite nella compilazione dell’assessment e la presenza diretta in azienda permette al DIH Lombardia di raccogliere maggiori informazioni dall’impresa e di visitare gli impianti. Una volta effettuata l’analisi dei risultati dell’assessment, il DIH Lombardia elabora un report che, oltre alla misurazione della maturità digitale, riporta i trend relativi alla trasformazione digitale del settore di appartenenza dell’impresa e include una roadmap di alto livello che evidenzia le iniziative suggerite all’impresa per avviare un piano di trasformazione digitale. È un servizio gratuito che permette alle aziende, in particolare alle PMI, di fare più chiarezza sul proprio livello di digitalizzazione, ma soprattutto è uno strumento utile che mette in evidenza i trend e, quindi, di comprendere quali investimenti fare oggi per avere un vantaggio competitivo nel breve e medio periodo.
Successivamente all’attività di assessment vi è un ulteriore fase e relativo servizio particolarmente apprezzato dalle imprese: l’accompagnamento presso i Competence Center (CC). I CC, che ricordiamo sono 8 sul territorio nazionale a Milano abbiamo il Made guidato dal Politecnico di Milano, sono organizzazioni che mettono a disposizione delle imprese competenze tecniche per supportare programmi e progetti di trasformazione digitale. Il servizio del DIH Lombardia di accompagnamento ai Competence Center è apprezzato perché attivato, dopo l’attività di assessment, permette di indirizzare in modo preciso le esigenze delle imprese a quel punto consapevoli delle loro necessità.  Infine del DIH Lombardia  è apprezzato anche l’indipendenza rispetto alle soluzioni tecnologiche. Nei fatti non vendiamo nulla e quindi siamo percepiti come advisor dalla parte dell’impresa in supporto alla fase iniziale del percorso di trasformazione digitale.

Quali opportunità per le PMI Lombarde?

Il DIH Lombardia si presta ad essere una porta d’accesso per le PMI Lombarde che vogliono cogliere nella digitalizzazione una possibilità di crescita, che guardano al futuro digitale come un’opportunità da cogliere oggi per trarne benefici nel breve e nel medio periodo. Per questa ragione, il DIH Lombardia e le Antenne Territoriali stanno facendo un lavoro di sensibilizzazione e di disseminazioni capillare sul territorio regionale per far in modo che le imprese, in particolare le PMI, siano informate sui temi strategici della trasformazione digitale.
CLICCA QUI per accedere al sito DIH Lombardia (www.dihlombardia.com) e vedere l'intervista Il Sole 24 Ore - Radiocor in prima pagina e saperne di più.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023