La carriera perfetta

Nella vita lavorativa si cambiano mediamente sei aziende e il successo è determinato dal prossimo cambiamento lavorativo. Per questa ragione abbiamo organizzato mercoledì 18 settembre un seminario sulle "best practice" per conseguire i risultati desiderati.

Claudio Ceper  

Medico delle Carriere
Il mondo del lavoro è sempre più dinamico e per far carriera non basta l’impegno personale e i buoni risultati. È necessario farsi conoscere e creare le condizioni per il prossimo salto, le nuove sfide professionali. Bisogna prepararsi per non essere colti di sorpresa dalla prossima riorganizzazione aziendale, perché è meglio prevenire che curare. In fondo non è necessario investire molto tempo per migliorare il percorso di carriera; l’importante è far bene le cose giuste.

Il seminario fa parte del ciclo di cinque incontri dedicati alle politiche attive e approfondisce le buone pratiche e gli errori più frequenti che ho visto commettere nei miei 28 anni in Egon Zehnder e ancor più negli ultimi 6 anni da Medico delle Carriere.
Nel seminario condivideremo i tre grandi temi alla base di una carriera perfetta: il Mentoring, gli Head Hunter e il CV, in un’ottica di approfondimento pratico, con alcune checklist di facile comprensione e di utilizzo efficace.

Pochi sanno, ad esempio, che oggi in Italia solo il 15% dei cambi professionali manageriali avvengono attraverso i cacciatori di teste (Head Hunter). Nel seminario spiegheremo il fenomeno e la prima delle checklist menzionate chiarisce proprio come contattare i cacciatori di teste e mantenere i rapporti con loro, in modo efficace e selettivo. 

La seconda si chiama decalogo del buon networker e descrive dettagliatamente le 6 cose da fare e le 4 da non fare mai; e che invece la maggior parte dei manager da me incontrati, fa regolarmente. Tra le cose che tratteremo, nel pianificare la propria carriera, c’è anche la Work Life Balance (WLB) altro fattore spesso trascurato nei cambi di azienda. 

Altri due dati emergono in modo chiaro: la circolazione di CV che nel 2017 ha raggiunto la cifra record di 146 milioni, secondo i dati CV Cert, e questo spiega, almeno in parte, perché oggi gli Head Hunter rispondono sempre meno alle candidature spontanee. Poi la cronica incapacità di noi italiani di gestire un buon processo di networking, sia aziendale che personale, si ritrova nelle indagini e lo sa fare solo il 58% rispetto a una media europea del 72%.
 
C’è infine una terza checklist importante, e cioè gli errori che la maggioranza dei manager fa nel redigere il proprio CV, convinta che più cose si scrivono e meglio è, un errore fatale anche secondo Zengher-Folkmann, una delle maggiori società di coaching statunitensi.
La parte interattiva, che nei miei seminari non manca mai, in questo caso è costituita da 2 partecipanti volontari, idealmente un uomo e una donna manager, per via dei diversi stili comunicazionali che ci contraddistinguono. Entrambi si presenteranno ai partecipanti del seminario in 5 minuti, rigorosamente cronometrati. In contemporanea proietteremo e distribuiamo i loro due cv e al termine delle loro presentazioni apriamo il dibattito con commenti, suggerimenti e critiche sia alle due presentazioni che ai relativi CV, innescando un interessante processo di “learning by doing”, sia per i protagonisti, sia per i presenti. Questa presentazione, la cosiddetta “5 minute self presentation”, è un fattore chiave per il successo nei contatti preliminari di networking e si abbina all’altra classica presentazione, “l’elevator pitch”, che di solito prevede di non superare il minuto di tempo, e va utilizzata in situazioni di incontri non programmati. 

È possibile partecipare all'incontro anche in videoconferenza Zoom. Per utilizzare il sistema Web Seminar Zoom consigliamo di leggere l'articolo "Videoconferenza ZOOM" per apprendere come usare l'applicazione e come scaricarla gratuitamente. Dopo aver aperto l'applicazione Zoom potrai accedere ai seminari inserendo il codice della Conference Zoom 3483234759 oppure cliccando "Web Seminar".


CLICCANDO QUI i soci Federmanager registrati alla rivista Dirigenti Industria digitale potranno vedere la sintesi del seminario del 14  maggio 2018 e scaricare la documentazione.


Cliccando i titoli seguenti è possibile accedere ai contenuti dei seminari sulle Politiche Attive di Claudio Ceper:
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 e riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 settembre 2019

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Firmato il contratto Dirigenti con Confindustria

Roma, 30 luglio 2019 – Federmanager e Confindustria hanno firmato l’accordo che rinnova il CCNL dei dirigenti di aziende produttrici di beni e servizi. Il nuovo contratto decorre dal 1° gennaio 2019 e ha una durata di 5 anni, con scadenza 31 dicembre 2023.
01 settembre 2019

CCNL Dirigenti Industria 2019-2023

Testo dell'accordo riservato ai lettori Dirigenti Industria registrati.
01 agosto 2019

I commenti del Presidente Federmanager sul rinnovo del contratto

Riportiamo il testo della lettera del Presidente Federmanager Stefano Cuzzilla.
01 settembre 2019