12° Forum Economico Italo-Tedesco

ALDAI-Federmanager patrocina il forum “Womenomics: equità di genere e crescita economica”

Paola Poli 

Donne Dirigenti Minerva ALDAI-Federmanager

Come influisce l’equità di genere sulla crescita economica? 
Quali sono gli effetti della rappresentanza e dell'empowerment femminili sulla produttività aziendale? 
Quali strategie stanno adottando le grandi aziende italo-tedesche per implementare la diversity al loro interno? 
Questi i temi al centro dell’agenda del 12° Forum Economico Italo-Tedesco, svoltosi martedì 5 giugno 2018  presso la sede del Gruppo 24 Ore in presenza 
di oltre 300 ospiti, con il patrocinio gratuito di ALDAI-Federmanager richiestoci come donne dirigenti dalla Camera di Commercio Italo-Germanica.
I lavori sono stati aperti dal Presidente della Camera di Commercio Italo-Germanica Erwin Rauhe, seguito dal saluto istituzionale dell’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania Susanne Marianne Wasum-Rainer.
Successivamente sono stati presentati i dati inediti della ricerca realizzata dalla AHK Italien in collaborazione con Ipsos sull’equità di genere. Dai risultati emergono diverse analogie nelle condizioni delle donne in Italia e in Germania. Tra queste, la corrispondenza del tasso di donne laureate (32% in Italia e 33% in Germania) e nella percentuale di donne presenti nei board delle prime 50 blue chips (32% in Italia e 34% in Germania). Tra le differenze, emerge il tasso di occupazione femminile (49% contro il 72% tedesco).
In Germania appare più importante la disuguaglianza tra la paga oraria di una donna (euro 15,4) e quella di un uomo (euro 19,9) rispetto all'Italia, dove il gap è minore (euro 14,9 vs euro 15,9). L’equità salariale è infatti un tema per le donne tedesche, mentre le italiane sono concentrate sulla sicurezza personale sul lavoro e fuori dal lavoro.
Si registra il maggior distacco (71 punti contro i 62 in Italia) nell’area “lavoro” del Gender Equality Index, che include, tra gli indicatori, oltre al tasso di occupazione, la durata della vita lavorativa e le prospettive di carriera. Siamo convinti che il tema della formazione sia centrale per garantire le stesse prospettive di carriera a donne e uomini. Come emerge anche dall’indagine svolta tra i nostri soci, in Italia abbiamo ancora funzioni aziendali, come l’IT, caratterizzate da una netta presenza maschile e altre, come le risorse umane, a prevalenza femminile. Il work life balance si concretizza soprattutto nella flessibilità di gestione dell’orario di lavoro o nel lavoro da casa e sull’approccio delle aziende a questi temi nel contesto di interscambio economico italo-tedesco. Sul podio, insieme al Consigliere Delegato della Camera di Commercio Italo-Germanica Jörg Buck, è salita Jennifer Hubber, Chief Client Officer di Ipsos Global.
Moderate dalla giornalista Monica D’Ascenzo, Mariacristina Cedrini, Segretario Generale della Fondazione Bracco – Marcella Montelatici, Amministratore Delegato di TRUMPF Italia – Claudia Parzani, Presidente di Allianz Italia e Monica Poggio, Amministratore Delegato di Bayer Italia hanno commentato i risultati dello studio e riportato la propria esperienza personale in qualità di donne ai vertici aziendali.
La mattinata si è conclusa con la presentazione di alcune best practice a tema “diversity” che hanno visto protagoniste importanti aziende italo-tedesche: I.K. Hofmann con Ingrid Hofmann – Deutsche Bank Italia con Patrizia Zambianchi – Grenke Locazione con Francesco Vittadini – il Gruppo Schaeffler con Claudia Zuin e Beiersdorf Southern Europe con Luisa Bianchi. Un ringraziamento a Paola Simonetti della Camera di Commercio Italo-Germanica che ha organizzato e promosso l’evento creando rete e dimostrando uno splendido esempio della nuova leadership femminile.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017

Polizza assicurativa in favore del dirigente

Riportiamo una nota a sentenza di Alberto Sbarra in merito ad una pronuncia del Tribunale di Milano sulla polizza assicurativa in favore dei dirigenti. La sentenza, per chi avesse interesse a consultarla, è reperibile presso il Servizio Sindacale ALDAI oppure nella rivista Dirigenti Industria digitale.
01 marzo 2017

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017