Le competenze per lo sviluppo delle Piccole e Medie Imprese nell'era digitale

In occasione del convegno dello scorso 5 giugno sulle prospettive Industry 4.0 e le ricadute occupazionali, abbiamo rivolto tre domande a Mattia Macellari - Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza e Vice Presidente di Assolombarda.

 

A cura del comitato di redazione Dirigenti Industria 

Mattia Macellari - Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza

Quali competenze ritiene determinanti per accelerare lo sviluppo Industry 4.0 nelle imprese?

Dal lato impresa, la trasformazione digitale coinvolgerà ogni livello organizzativo (incluse le figure apicali dell’azienda) e ogni processo aziendale. Ancora oggi le imprese, soprattutto le PMI, hanno difficoltà a mettere a fuoco ed esprimere la domanda di sviluppo di competenze connesse alle nuove tecnologie digitali. Dal lato sistema educativo, si aprono nuove sfide. Basti pensare che oggi, in Italia, abbiamo appena 5.000 studenti iscritti agli ITS - scuole ad alta specializzazione tecnologica - (1.000 in Lombardia) contro gli 800.000 nelle Fachhochschulen tedesche e gli oltre 100.000 negli IUT francesi.

Quali competenze manageriali sono maggiormente richieste dalle PMI?

Assolombarda sta lavorando per mappare le competenze a tutti i livelli, in sinergia con ALDAI e Fondirigenti. Lo step successivo consisterà nel realizzare percorsi formativi il più possibile adeguati ai bisogni specifici di ogni azienda. Una collaborazione proficua, destinata a rafforzarsi anche in conseguenza al successo ottenuto dall’ultimo bando di Fondirigenti sulla Digitalizzazione delle PMI che prevedeva il finanziamento di piani formativi per 5 milioni di euro, ma ha ricevuto richieste per oltre 13 milioni.

Ritiene utile la collaborazione per il Digital Hub con Federmanager in Lombardia?

Assolombarda sta finalizzando il Digital Hub (DIH) lombardo insieme al prof. Marco Taisch, che diventerà realtà dopo l’estate, e avrà sede inizialmente proprio presso l’Associazione.
Il DIH è un ecosistema aperto ai suoi valori centrali dati dall’ampiezza e dalla qualità delle partnership che può attivare per supportare le imprese verso la comprensione delle proprie esigenze nella trasformazione digitale. Pertanto, soggetti qualificati come Federmanager possono essere importanti partner nell’impianto del Digital Hub.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

Polizza assicurativa in favore del dirigente

Riportiamo una nota a sentenza di Alberto Sbarra in merito ad una pronuncia del Tribunale di Milano sulla polizza assicurativa in favore dei dirigenti. La sentenza, per chi avesse interesse a consultarla, è reperibile presso il Servizio Sindacale ALDAI oppure nella rivista Dirigenti Industria digitale.
01 marzo 2017