Le competenze per lo sviluppo delle Piccole e Medie Imprese nell'era digitale

In occasione del convegno dello scorso 5 giugno sulle prospettive Industry 4.0 e le ricadute occupazionali, abbiamo rivolto tre domande a Mattia Macellari - Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza e Vice Presidente di Assolombarda.

 

A cura del comitato di redazione Dirigenti Industria 

Mattia Macellari - Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza

Quali competenze ritiene determinanti per accelerare lo sviluppo Industry 4.0 nelle imprese?

Dal lato impresa, la trasformazione digitale coinvolgerà ogni livello organizzativo (incluse le figure apicali dell’azienda) e ogni processo aziendale. Ancora oggi le imprese, soprattutto le PMI, hanno difficoltà a mettere a fuoco ed esprimere la domanda di sviluppo di competenze connesse alle nuove tecnologie digitali. Dal lato sistema educativo, si aprono nuove sfide. Basti pensare che oggi, in Italia, abbiamo appena 5.000 studenti iscritti agli ITS - scuole ad alta specializzazione tecnologica - (1.000 in Lombardia) contro gli 800.000 nelle Fachhochschulen tedesche e gli oltre 100.000 negli IUT francesi.

Quali competenze manageriali sono maggiormente richieste dalle PMI?

Assolombarda sta lavorando per mappare le competenze a tutti i livelli, in sinergia con ALDAI e Fondirigenti. Lo step successivo consisterà nel realizzare percorsi formativi il più possibile adeguati ai bisogni specifici di ogni azienda. Una collaborazione proficua, destinata a rafforzarsi anche in conseguenza al successo ottenuto dall’ultimo bando di Fondirigenti sulla Digitalizzazione delle PMI che prevedeva il finanziamento di piani formativi per 5 milioni di euro, ma ha ricevuto richieste per oltre 13 milioni.

Ritiene utile la collaborazione per il Digital Hub con Federmanager in Lombardia?

Assolombarda sta finalizzando il Digital Hub (DIH) lombardo insieme al prof. Marco Taisch, che diventerà realtà dopo l’estate, e avrà sede inizialmente proprio presso l’Associazione.
Il DIH è un ecosistema aperto ai suoi valori centrali dati dall’ampiezza e dalla qualità delle partnership che può attivare per supportare le imprese verso la comprensione delle proprie esigenze nella trasformazione digitale. Pertanto, soggetti qualificati come Federmanager possono essere importanti partner nell’impianto del Digital Hub.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Videoconferenza ZOOM

Le restrizioni agli incontri per evitare il contagio coronavirus impongono soluzioni alternative per evitare la paralisi delle attività. È l'occasione per scoprire le soluzioni Smart Working: per lavorare in team, realizzare riunioni, partecipare ai seminari, sempre a distanza. Sono numerose e gratuite le soluzioni per videoconferenza, dalle più diffuse come Skype alle più professionali come ZOOM che ALDAI-Federmanager utilizza da due anni per favorire la partecipazione gratuita agli incontri milanesi senza muovere un passo.
A cura della redazione 
01 aprile 2020

Contratto Dirigenti Industria 2018

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine riassunto di seguito per evidenziare gli aspetti essenziali, facilitare la consultazione e valutare aree di miglioramento da proporre alla Commissione Sindacale.
01 ottobre 2018

Leadership post-crisi, un’occasione per il COO

Alcune nuove tendenze nell’executive search industriale 2020-2021
01 maggio 2020

Cosa non ci hanno detto dell’antivirus cinese

Con una popolazione 23 volte l’Italia la Cina avrebbe avuto un quinto dei decessi, stando ai dati ufficiali; ma anche se i reali decessi in Cina fossero un migliaio in più sarebbe comunque difficile giustificare un tasso di mortalità italiano 100 volte superiore. Quali sono state le iniziative cinesi per far fronte all’emergenza coronavirus e quali le conseguenze marketing e sociali ?
01 maggio 2020

Gli strumenti del Jazz

Jazz is life. Ciclo Jazz 2019
01 febbraio 2019