Think Big

Il Presidente Federmanager Stefano Cuzzilla ha lanciato, in occasione del Consiglio Nazionale del 1° dicembre, la proposta di organizzare un Congresso straordinario entro sei mesi in aggiunta al Congresso di fine 2024 per il rinnovo delle cariche elettive della Federazione

Franco Del Vecchio

Consigliere ALDAI-Federmanager 
Il 2024 sarà un anno di grandi cambiamenti, anche per Federmanager, e bisognerà decidere se resistere ancora, oppure aprirsi a nuovi scenari e cogliere le enormi opportunità delle trasformazioni tecnologiche, organizzative, demografiche e manageriali che ci attendono.

Federmanager rappresenta un corpo sociale competente e responsabile in grado di dirigere l’innovazione nelle imprese, e con analogo approccio potrà agire aprendo un rinnovato dialogo costruttivo per rafforzare l’unione delle Associazioni Territoriali e conseguire insieme risultati importanti, perché “l’unione fa la forza” e continuerà ad essere vincente nonostante i cambiamenti.

Rispetto al periodo pre-Covid è profondamente cambiato il contesto relazionale: sono state abbattute le distanze, i social sono largamente utilizzati e molti servizi, come gli acquisti, il supporto consulenziale e il mentoring, sono realizzati in videoconferenza. I documenti e gli archivi sono sempre più digitali, tutto avviene con velocità finora impensabile e il virtuale fa ormai parte della vita di tutti i giorni aumentando l’efficacia delle attività e la produttività, riducendo i costi e l’impatto ambientale. Le priorità del management sono passate dal dirigismo e controllo, all’ascolto attivo, alla pianificazione, alla creazione del contesto per la partecipazione, allo sviluppo del networking e dei talenti.

Cambiamenti epocali che, uniti alla volontà di dirigere l’innovazione, offrono grandi opportunità anche a Federmanager.

Visione 

Abbiamo bisogno di aprire un confronto costruttivo in preparazione del Congresso straordinario, proposto in occasione del Consiglio Nazionale Federmanager del 1° dicembre, per cogliere le opportunità del cambiamento e porci obiettivi lungimiranti e largamente condivisibili.

Il primo obiettivo è sviluppare la rappresentanza del management e delle alte professionalità aumentando gli associati. È necessario ridefinire il perimetro dei soggetti associabili e dei servizi disponibili in funzione dell’evoluzione dei cambiamenti nel mercato del lavoro. È necessario quindi potenziare l’ascolto attivo per recepire le aspettative e i fabbisogni, dei dirigenti in attività e dei colleghi in pensione, degli iscritti e di coloro che non lo sono ancora. Gli associati aumentano se sono evidenti le iniziative di rappresentanza: sul rinnovo contrattuale, sulla rivalutazione delle pensioni per far fronte all’inflazione, sulla lotta alla precarietà, sulla difesa dei diritti, sulla reputation e sul riconoscimento del ruolo per lo sviluppo del Paese.

Il secondo obiettivo è sviluppare la collaborazione con le rappresentanze delle imprese perché insieme si possono ottenere migliori risultati. Federmanager in collaborazione con le associazioni datoriali offre agli iscritti i servizi per l’aggiornamento continuo, il welfare, le politiche attive e tutti i dirigenti in attività dovrebbero beneficiarne iscrivendosi alle Associazioni Territoriali, come avviene per i dirigenti del commercio praticamente tutti iscritti a Manageritalia grazie agli accordi con Confcommercio. (Perché noi no?).

Il terzo obiettivo è valorizzare l’organizzazione territoriale a diretto contatto con gli associati e supportarne le attività con servizi nazionali sempre più efficaci e sostenibili economicamente grazie alla transizione digitale. Ne è un esempio la rivista Dirigenti Industria digitale con oltre 200mila lettori l’anno e 1.600 articoli letti mediamente al giorno. La linea di indirizzo di Federmanager dovrà essere declinata su iniziative che possano contribuire attivamente al raggiungimento dei risultati ri-equilibrando le risorse disponibili fra le Associazioni Territoriali e la Federazione.

Ispirazione

La preparazione del Congresso straordinario è l’occasione per alzare lo sguardo oltre il quotidiano, per guardare oltre, per cercare di alzare l’asticella e sviluppare linee di rappresentanza con obiettivi alti e motivanti. Un'occasione di confronto costruttivo su chi vogliamo essere e come vogliamo arrivarci e organizzarci, per servire meglio gli associati e contribuire in modo efficace allo sviluppo delle imprese, della società, e del Paese. Un confronto da preparare prima di tutto nelle Associazioni Territoriali e fra esse, per portare al Congresso straordinario le proposte emerse dalle riflessioni collettive.

“THINK” e  “Think Different” erano i poster negli uffici Apple dei primi anni ’80. Poster voluti da Steve Jobs  per stimolare e immaginare prospettive diverse per un mondo migliore.

Solo pensando in grande è possibile mobilitare le coscienze e sviluppare iniziative per conseguire risultati soddisfacenti. Facciamolo insieme.

Coraggio

È il momento del coraggio per uscire dalle logiche campanilistiche e individualistiche, per evitare di immaginare il futuro guardando lo specchietto retrovisore, per mettere al centro l’interesse degli associati, per puntare in alto e confrontare proposte coinvolgenti per trovare il massimo consenso.

Solo dopo aver definito i programmi largamente condivisi dal Congresso straordinario Federmanager sarà possibile identificare i migliori candidati in grado di trasformare la visione e gli obiettivi in risultati concreti.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Per oggi e per domani

Per risolvere il rebus pensioni serve un impegno complessivo: dalle istituzioni ai privati, tutti sono chiamati a fare la propria parte. Più equità e adeguate tutele per chi, come i manager, lavora e contribuisce alla crescita del Paese.
01 marzo 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Un 2024 ricco di novità

Nuovi rimborsi e maggiori tutele per la non autosufficienza
01 marzo 2024

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023