Bene il Governo che "ci ripensa" sulle spese mediche.

Abolire le detrazioni sulle sulle spese mediche dei redditi elevati e quindi dei dirigenti equivale all'ennesimo aumento delle tasse. Migliaia di euro per le famiglie con problemi di salute o che hanno bisogno del dentista. Basta tassare i tartassati.

«Apprezziamo l’intervento con cui il governo ha deciso di cancellare la stretta sulle detrazioni Irpef per le spese sanitarie per chi ha redditi superiori a 120 mila euro, originariamente prevista nel D.d.l. Bilancio 2020, accogliendo le richieste di Federmanager e delle altre organizzazioni di rappresentanza del management», dichiara il presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla, a commento del pacchetto correttivo alla Manovra presentato ieri dai relatori della maggioranza.

Si tratta del sub-emendamento presentato ieri in commissione Bilancio del Senato che opera un’ulteriore sforbiciata di oltre un miliardo di euro alle tasse inizialmente introdotte nel testo della Manovra e che si aggiunge al maxi-emendamento già proposto la settimana scorsa, mettendo ordine al gravoso carico fiscale originariamente programmato dal D.d.l. Bilancio.

«Da parte nostra avevamo chiesto un intervento emendativo finalizzato a sopprimere interamente la riduzione delle detrazioni per i redditi oltre i 120 mila euro l’anno», puntualizza Cuzzilla, «proprio perché esse riguardano anche le spese sanitarie e la scuola per i figli, colpendo in tal modo il welfare familiare e gravando ancora una volta sulle categorie che già contribuiscono in maniera preponderante al gettito Irpef».

«In Italia le imposte dirette le paga il 40% della popolazione, mentre il 60% non solo non le paga ma è anche totalmente a carico della collettività, a partire proprio della spesa sanitaria”, ricorda il presidente di Federmanager.

«Per questo non possiamo ritenere sufficiente la correzione sulle detrazioni delle sole spese sanitarie. Occorre invertire l’impianto degli interventi, facendo pagare le tasse a chi le evade e alleggerendo la pressione fiscale su chi già contribuisce sensibilmente alla sostenibilità dei conti pubblici, non senza sacrifici».

Citando alcuni articoli di stampa, Cuzzilla aggiunge: «Il presidente Mattarella ha condannato in modo molto netto il livello di evasione fiscale che affligge il nostro Paese. Questa “indecenza fiscale” risulta certificata nei numeri dell’evasione, ormai a quota 119 miliardi di euro, così come, per un inaccettabile contrappasso, in un meccanismo di prelievo che strizza il portafogli dei soliti noti, coloro che pagano le tasse e le pagano altissime».

«Come avvenuto anche per la tassazione sulle auto aziendali, si tratta di un ulteriore riconoscimento della fondatezza delle nostre proposte e della nostra azione di pressione istituzionale il cui obiettivo – conclude il presidente –  è quello di impedire che per ragioni di cassa si penalizzino sempre i soliti contribuenti: che si continui a tassare chi è già tartassato».
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il Fasi presenta importanti novità per il 2024

Assistenza per la non autosufficienza, tariffe uniformate e aumento dei rimborsi: alcune delle novità in casa Fasi
06 febbraio 2024

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine. Il tema sarà approfondito dall'Avv. Arnò nel corso di un webinar che si terrà mercoledì 16 novembre 2022 alle ore 18
01 ottobre 2022

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023