C’è un’industria nel libro

Quasi 5 mila editori, stampatori, cartiere, legatorie, sviluppatori web, che valgono oltre 265 miliardi di euro. Parliamo della filiera più rilevante del settore industriale che da oggi ha un luogo fisico per ritrovarsi: The Publishing Fair, a Torino

Marzia Camarda

Cultural entrepreneur, editor, n-f writer; expert in strategy, innovation and gender equality; mentor; civil servant
Circa 96 miliardi di euro l’anno. + 2,9% di crescita. Aumento dell’occupazione (specie giovanile) dell’1,5%. Effetto moltiplicatore, per una filiera complessiva di 265,4 miliardi di euro. Esiste un’altra Italia: giovane, colta, cosmopolita, in crescita. È l’Italia delle industrie culturali.

Tra queste, l’editoria è da sempre l’ambito che si è distinto per forza industriale: la filiera, tra editori (quasi 5 mila), stampatori, cartiere, legatorie, sviluppatori di software, conta decine di migliaia di imprese, classificandosi come il settore culturale industrialmente più “pesante”, seguito a stretto giro dall’industria dei videogiochi e dei software (solo al terzo posto cinema, radio e tv, a differenza di quanto viene percepito dai non addetti ai lavori).

Il dato non stupisce. Non dimentichiamo che la seconda scoperta fondamentale per la storia dell’umanità, dopo il fuoco, è stata proprio la scrittura (prima ancora della ruota, che è avvenuta 500 anni dopo): siamo animali culturali e abbiamo trasmesso le nostre competenze e costruito il progresso attraverso la parola scritta. E proprio per questo, anche se quando si parla di libri il pensiero corre subito ai romanzi, la parte più consistente del mercato (e del fatturato) è costituita proprio dalla non fiction: editoria scolastica e professionale, saggistica, riviste di settore. In altre parole, la parte più solida dell’editoria è costituita dai contenuti messi a disposizione per un’Italia che studia e si aggiorna.

In questo risiede il valore strategico dell’editoria: gli editori sono aziende che producono un oggetto di un enorme valore immateriale.


Sostenere l’industria editoriale significa quindi contribuire direttamente all’alfabetizzazione e alla preparazione professionale e culturale dei cittadini, ovvero al progresso della società. 

Sinora, nonostante tutti gli sforzi (sacrosanti, peraltro) per promuovere la lettura e per sostenere le vendite dei libri, in Italia non era mai stato organizzato un grande evento che mettesse a sistema tutta la filiera in un’ottica di business e formazione, un approccio che all’estero si verifica più di frequente (si consideri che l’Italia è al quarto posto in Europa come peso del comparto editoriale).
Marzia Camarda

Marzia Camarda

In parte questo si è verificato perché gli editori si incontrano tra loro a margine delle fiere nazionali e internazionali e frequentano diversi programmi di business.

Tuttavia, a queste occasioni che restano preziose va aggiunto un approccio sistematico che valorizzi in maniera puntuale le professionalità di settore: centinaia di competenze specifiche, da quelle più prettamente artigianali a quelle manageriali, che hanno bisogno di un confronto organizzato.

The Publishing Fair (22-24 novembre 2019 a Torino) ha proprio l’obiettivo di colmare questa lacuna, creando un luogo in cui l’industria editoriale possa fare business e confrontarsi, per costituire il complemento di tutte le altre grandi fiere presenti in Italia, in un’ottica di valorizzazione reciproca del sistema-libro.

E a proposito di managerialità, l’editoria vanta un altro felice primato: le figure apicali femminili sono oltre il 22% del totale, a fronte di comparti come il manifatturiero in cui le donne ricoprono un ruolo dirigenziale solo nel 4% dei casi. Da ogni punto di vista, quindi, sostenere i processi dell’industria editoriale significa contribuire fattivamente al successo industriale del Paese.
Articolo pubblicato dal mensile Progetto Manager
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2023

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Un documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019 è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Il danno alla salute del dirigente per eccessivi carichi di lavoro

La possibilità per il dirigente di modulare la prestazione lavorativa anche in relazione ai carichi di lavoro e alla fruizione di ferie e riposi non esclude la responsabilità del datore di lavoro per i danni alla salute conseguenti all’attività lavorativa
01 maggio 2022

Italia a rischio povertà energetica

Articolo scritto a gennaio e diventato d'attualità con il conflitto in Ucraina, per il quale esprimo solidarietà nei confronti delle vittime e di sostegno nei principi di libertà e fratellanza fra tutti i popoli. L’importazione di petrolio, gas e di elettricità espone il Paese alla crescita dei prezzi e al rischio sostenibilità, in particolare per le imprese industriali. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dovrebbe investire in energie rinnovabili nazionali - fotovoltaico, eolico, dal mare e dal nucleare sicuro di nuova generazione - per ridurre quanto possibile la dipendenza dall’estero; senza se e senza ma.
01 marzo 2022

Basterà un GOL?

Nell'ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è previsto il finanziamento di un programma di Politiche Attive per la Garanzia Occupabilità Lavoratori (GOL). In un contesto aggravato dalle conseguenze della guerra in Ucraina, scarsità e aumento dei prezzi delle materie prime saremo in grado di far fronte al susseguirsi delle crisi?
01 maggio 2022

Conviene riscattare gli anni di Università per anticipare la pensione?

Il 24 febbraio si è tenuto un webinar con partecipazione record di centinaia di manager, sul tema "Riscatto di laurea in forma ordinaria o agevolata?"
01 aprile 2022