ETICA pane quotidiano

Sintesi dell'incontro ALDAI - Federmanager del 7 febbraio sul crescente valore dell'ETICA.

Claudio Antonelli 

Presidente PIÙ - Professioni Intellettuali Unite 
Docente di Etica della Professione al Politecnico di Milano
Il sistema etico è parte integrante del sistema organizzativo aziendale ed è indispensabile in un’impresa che voglia perseguire il valore della sostenibilità, cioè avere successo oggi, domani e dopodomani. Lo sviluppo del sistema etico è un processo continuo di crescita della consapevolezza e di assunzione di responsabilità in tutti gli attori del sistema

Perché l’etica fa bene all’azienda e alle persone che ci lavorano?

Mission - dare una prospettiva etica allo scopo istituzionale dell’impresa genera condivisione, immagine e spirito di appartenenza. La motivazione delle persone aumenta (approccio valoriale).
Reputazione - il senso diffuso di fiducia migliora le relazioni dell’azienda con stakeholder: fornitori, clienti, canali, ecc. Si lavora meglio (approccio collaborativo).
Efficienza - il sistema etico aumenta  la qualità dei rapporti organizzativi e facilita la collaborazione costruttiva. Diminuisce, quindi, la necessità (e il costo) di controlli e sanzioni (approccio utilitaristico).

Come sviluppare il sistema etico in azienda?

Spesso c’è l’intenzione di promuovere comportamenti etici in azienda ma non si sa come avviare e condurre un effettivo processo di sviluppo. Oltre alla buona intenzione, occorre un metodo di intervento che faccia da regia nel percorso per arrivare a un “sistema”. Le linee guida metodologiche per l’intervento sono descritte nel libro “Etica pane quotidiano”, Franco Angeli Editore, e sono qui richiamate sinteticamente nei tre punti essenziali che sono stati trattati più diffusamente nell’incontro ALDAI – Federmanager del 7 febbraio.

  1. Aree d’intervento operativo. Per innescare uno sviluppo del sistema occorre agire contemporaneamente su più fronti. In funzione del contesto aziendale specifico, un’area può risultare subito reattiva e fertile, oppure bloccata perché resistente e diffidente.
  2. Effetto sinergico. Lo sviluppo organico è frutto delle iniziative svolte sui vari fronti con visioni convergenti. Queste diverse aree d’azione hanno relazioni intrecciate d’influenzamento e anche alcuni rapporti causa-effetto, tali da poter essere rappresentati in una catena di fattori di crescita della maturità. Quindi, parliamo di un circuito virtuoso che si svolge in un processo permanente.
  3. Spirale evolutiva. Se si compiono azioni coordinate di miglioramento in ognuna delle aree individuate, otteniamo nel tempo un avanzamento complessivo di maturità, di apprendimento e, quindi, di sviluppo dell’etica e dei suoi benefici. Alla fine del periodo ci ritroviamo in una situazione più evoluta, uno stadio più avanzato. Il processo di sviluppo è influenzato da tanti fattori e perciò non ha un andamento lineare; oscilla tra alti e bassi, inciampi e balzi in avanti. L’importante è che sia positivo il trend.

Il processo di sviluppo di un sistema etico in azienda non è una dinamica on-off, che si possa realizzare emanando un editto; bensì è un processo di apprendimento che modifica procedure e cultura, in una continua ricerca di miglioramento che si attua nel tempo.

Notizie della settimana

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Le 10 competenze più richieste

Il World Economi Forum ha indicato le dieci più importanti competenze per il lavoro nel 2020. Leggendo questa breve sintesi potrai confrontare la tua preparazione per le prospettive di lavoro.
A cura della redazione 
01 luglio 2018

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Nuovo contratto Confapi-Federmanager

In anticipo rispetto alla scadenza, lo scorso 16 novembre 2016 si è raggiunto l’accordo tra le parti per il rinnovo del CCNL dei dirigenti e quadri superiori delle piccole e medie aziende produttrici di beni e servizi. La decorrenza del CCNL va dal 01.01.2017 al 31.12.2019. L’obiettivo delle Parti è stato quello di apportare quegli interventi contrattuali necessari a favorire il rilancio della competitività delle PMI attraverso l’incremento delle professionalità manageriali.

 
01 marzo 2017

Contratto Dirigenti in scadenza nel 2018

Il contratto Confindustria-Federmanager in vigore dal 1° gennaio 2015 scadrà il 31 dicembre 2018. I lettori che hanno ricevuto e attivato l'accesso agli articoli riservati agli associati possono scaricare di seguito il contratto in vigore per aprire un consapevole confronto per il rinnovo del contratto.

A cura della redazione Dirigenti Industria 
01 novembre 2017

Termine presentazione domanda Naspi a seguito di licenziamento individuale

Hot mail con il nostro esperto INPS. Sono un dirigente di 56 anni licenziato a maggio 2016 per giustificato motivo oggettivo con dispensa dal preavviso lavorato e corresponsione della relativa indennità sostitutiva di 12 mesi.
26 settembre 2016

C.C.N.L. DIRIGENTI DI AZIENDE PRODUTTRICI DI BENI E SERVIZI

Accordo 30 dicembre 2014 tra Federmanager e Confindustria

In un contesto di economia globale e di internazionalizzazione, sempre più frequentemente ci viene richiesta una versione inglese del Contratto Collettivo.
01 novembre 2017