Precedenza al lavoro

Il World Economic Forum rileva criticità nell’efficienza del mercato del lavoro in Italia, ponendoci al 116° posto di 138 Paesi dell’Europa e dell’America. Ci sono imprese che non trovano persone competenti e candidati, anche giovani con curricula eccellenti, che non trovano lavoro. Eppure gli investimenti non mancano in iniziative di placement e nella ricerca di profili manageriali. Leggi »

Segnali di rinnovamento possibile

Al Museo Storico Alfa Romeo abbiamo dedicato la copertina Dirigenti Industria di aprile per valorizzare un patrimonio industriale milanese e nazionale, espressione del genio italico e del capitale umano al quale il Paese non può negare prospettive di sviluppo. Leggi »

Che Dio ce la mandi buona

Due milioni di manager del privato e del pubblico hanno colto il momento elettorale per dare un segnale di responsabilità sociale per impegnare il Paese al rigore morale e finanziario, generando risorse, dalla riduzione dell’evasione fiscale e contributiva, alla riduzione della spesa. Risorse da investire per: mettere in sicurezza le finanze pubbliche; ridurre la tassazione per favorire la competitività per creare lavoro e non solo difenderlo. Leggi »

Ecologia e Management

Viviamo tempi complessi e complicati: la posizione del manager non regge senza il talento “naturale” di adattarsi con flessibilità ad un ecosistema in rapida transizione. Leggi »

Riconoscimento del merito e certezza del diritto

L'energia e il benessere di un Paese sono il risultato dell'impegno dei cittadini motivati a creare valore e ricchezza per la società in un contesto "fertile", che renda possibile realizzare le proprie ambizioni di vita.
I diritti dei cittadini fissati nella prima parte della Carta Costituzionale non possono essere piegati agli interessi di parte.
Abbiamo tutti il dovere di rispettare i pilastri fondamentali delle moderne società democratiche costituiti dal riconoscimento del merito e dalla certezza del diritto. Leggi »

Letterina di Natale 2017

Il sopraggiungere del Natale, al termine di un anno vissuto freneticamente, è l’occasione gradita per far giungere a tutti i soci e alle loro famiglie un sentito augurio di pace e serenità. È il momento di ricavarci uno spazio di riflessione, anche se le tante incombenze di fine anno e gli impegni sociali tendono a distoglierci da una pur necessaria pausa. Vogliamo allora provarci a esprimere i desideri più semplici e profondi che muovono la nostra stessa azione in Associazione. Leggi »

Reshoring

Tecnologie di frontiera, Piano Nazionale Industry 4.0, necessità di anticipare le dinamiche di mercato e un contesto istituzionale sperabilmente favorevole, aprono una riflessione sul rientro delle attività produttive che possono trarre beneficio dal terzo marchio riconosciuto a livello mondiale il “Made in Italy”.

 
Leggi »

Going international

Aprire la nostra percezione al mondo in evoluzione non è solo un dovere professionale, ma coinvolge il nostro stesso essere cittadini e aiuta a rispondere razionalmente alle sfide ed alle opportunità che si presentano sulla nostra scena. Leggi »

Occupazione e welfare

La crescente spesa per sostenere il sistema sanitario, assistenziale e previdenziale richiede un aumento dell’occupazione e l’applicazione di una concreta equità fiscale per garantire la pace sociale. Leggi »

Desiderio di futuro

Analizziamo, con lo specchio retrovisore del 2016 il contesto europeo, per rivolgere lo sguardo avanti ed assumere la responsabilità di costruire il futuro. Questo numero Dirigenti Industria è dedicato alla "Rivoluzione Industria 4.0", l'argomento del dibattito sull'occupazione e sulla responsabilità manageriale che terremo il 5 giugno ore 15:30, presso il Museo Diocesano di Milano in corso di Porta Ticinese 95, ed al quale seguirà l'assemblea dei soci ALDAI ai quali è riservata la relazione e le informazioni sui bilanci 2016 nella rubrica Associazione - Notizie dal Consiglio Direttivo.

 
Leggi »
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.