Formazione: prevenire è meglio che curare

La formazione è un’attività “core” della nostra visione di welfare. Con Fondirigenti e Federmanager Academy ci impegniamo per sviluppare l’employability dei manager

Direttore Generale Federmanager
Stiamo vivendo una fase storica funestata da eventi inaspettati, che si susseguono in breve tempo. Il Covid-19, che ancora persevera, e ora il conflitto russo-ucraino, che sembra essere di difficile risoluzione e provoca distruzioni e vittime, molte delle quali civili.

Questa serie di accadimenti imprevedibili ci fa comprendere che nulla sarà più come prima.

A cominciare dalla globalizzazione. Sembra essersi infatti avviato un riassetto geopolitico, per marginalizzare e, possibilmente, evitare il coinvolgimento delle aree a maggior rischio di tensioni. La situazione energetica è solo un aspetto di un “sistema” globale dimostratosi fragile.

E ciò sta accadendo proprio mentre avevamo rispolverato un certo orgoglio per un 2021 dai risultati lusinghieri, per l’elevato livello di fiducia registrato nei confronti del nostro Paese e per la disponibilità delle risorse da gestire con il Pnrr. Una possibilità questa di innestare la marcia per un cambiamento strutturale del Paese e realizzare le riforme e gli investimenti che attendiamo da troppi anni.

Per non veder svanire questa grande opportunità, occorre una reazione coraggiosa e responsabile, soprattutto da parte di chi guida nelle imprese quel processo di cambiamento già attivato dall’evoluzione di due temi strategici: l’innovazione digitale e la sostenibilità.

Una responsabilità che ricade soprattutto su imprenditori e manager. I primi per dimostrare di avere il coraggio di cambiare facendosi affiancare da bravi manager, i secondi per dimostrare di avere compreso che per operare bene serve un nuovo modello di leadership, in grado di accompagnare una “transizione resiliente”. Se tutto cambia in modo così dirompente, anche le nostre competenze devono adeguarsi ai cambiamenti.

Sono queste le ragioni che ci hanno spinto a realizzare insieme a Fondirigenti un progetto, in corso di svolgimento, che ha l’obiettivo di alimentare la consapevolezza sull’importanza strategica e prioritaria della formazione nella nostra azione di rappresentanza e di attuare un nuovo modo di lavorare facendo leva sui nostri punti di forza: Fondirigenti e Federmanager Academy, delle vere eccellenze in materia, e tutti coloro che nelle realtà territoriali dedicano al tema capacità e tempo.

Formiamoci per formare” è il claim che meglio rappresenta lo scopo del progetto. Possiamo e dobbiamo fare di più, considerando la formazione un’attività “core” del nostro welfare. Non ci sono solo la previdenza e l’assistenza sanitaria integrativa, c’è un’altra componente altrettanto importante: il welfare professionale.
 
Registriamo un interesse crescente da parte delle nostre associazioni territoriali nel corso degli incontri sulle modalità di funzionamento di Fondirigenti, sui dati dei piani finanziati che mettono in evidenza una preoccupante e consistente quota di aziende “dormienti” e quindi di manager che non si formano, ma anche – dati alla mano – sulle capacità di progettazione e realizzazione di piani formativi di alta qualità che può garantire Federmanager Academy.

La formazione è da considerare alla stregua della prevenzione nella sanità, per salvaguardare ed accrescere la propria employability su un mercato sempre più fluido e rischioso in termini occupazionali, ma anche più ricco di opportunità per chi le saprà cogliere.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013.

I più visti

Contratto Dirigenti Industria 2019-2024

Il Contratto Nazionale di Lavoro dei dirigenti industria costituisce l’impegno fra le rappresentanze dei dirigenti e quelle datoriali sulla regolamentazione e gestione del rapporto di lavoro. Il documento Confindustria-Federmanager di 63 pagine, aggiornato con l'accordo del 30 luglio 2019, è riassunto di seguito per facilitarne la consultazione.
01 ottobre 2019

Riforma fiscale: quanto gli italiani pagano più dei francesi?

La legge delega per la riforma fiscale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 16 marzo 2023, apre un confronto sull'equità e sulla semplificazione tributaria. Un'occasione per un confronto con le politiche tributarie di altri Paesi europei che iniziamo - in questa prima puntata - con la Francia, per rilevare che una famiglia italiana con due figli e un reddito di 100mila euro paga 26mila euro di tasse in più rispetto all'analoga famiglia francese.
01 maggio 2023

Cariche sociali e lavoro dipendente

Il tema della sovrapposizione tra cariche sociali e rapporto di lavoro subordinato è sempre attuale e di estrema rilevanza, ed è stato oggetto negli anni di approfondimenti, tesi giurisprudenziali e dottrinali altalenanti. Di seguito un articolo in materia redatto dall’Avv. Riccardo Arnò, esperto in diritto del lavoro e previdenza, sulla base di una recente pubblicazione – apparsa su una rivista specialistica – a opera di Giulia Colombo, Dottoranda di ricerca in Diritto del lavoro, Università degli Studi di Udine.
01 ottobre 2022

Contratti a confronto

Proseguendo nell’esercizio iniziato con il confronto tra il CCNL Nazionale Dirigenti Industria ed il contratto Fiat, proponiamo ora il confronto del testo di riferimento con il CCNL Nazionale Dirigenti Commercio.
01 gennaio 2017

Prossimi al rinnovo

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dei Dirigenti Industria scade a fine anno, a conclusione di un periodo di inflazione e perdita del potere d'acquisto da recuperare
01 settembre 2023